fbpx
Connect with us

FILM DA VEDERE

Giallo napoletano di Sergio Corbucci, con Marcello Mastroianni

Giallo napoletano è una gradevolissima commedia con infiltrazioni gialle (Hitchcock è il nume ispiratore), diretta con piglio sicuro dal navigato Sergio Corbucci. Eccellente il cast, con Marcello Mastroianni e Michel Piccoli in testa e Peppino De Filippo che "napoletanizza" le atmosfere thriller

Pubblicato

il

Giallo napoletano, un film del 1979 diretto da Sergio Corbucci. Scritto e diretto da Sergio Corbucci, con la fotografia di Luigi Kuveiller, il montaggio di Amedeo Salfa, le scenografie di Marco Dentici e le musiche di Riz Ortolani, Giallo napoletano è interpretato da Marcello Mastroianni, Michel Piccoli, Peppino De Filippo, Ornella Muti, Renato Pozzetto, Zeudi Araya, Capucine.

Sinossi
Napoli. Raffaele Capece, afflitto da una zoppia dovuta a una poliomielite contratta in infanzia, è un professore di mandolino: scapolo, sempre arruffato e continuamente in bolletta a causa dei debiti di suo padre, incallito giocatore di lotto. Per saldare l’ennesimo debito è chiamato a fare una serenata sotto un balcone. Da qui in avanti Raffaele viene coinvolto in una scia di delitti che hanno come filo rosso la musica, i ricordi della guerra e un’enorme somma di denaro.

Raffaele Capece è un mite suonatore di mandolino con due disgrazie nella vita: la prima è la poliomielite (“coscia morta”, come lo apostrofa il padre), che l’ha reso claudicante e “dalla quale si può guarire…“, la seconda, “dalla quale non si può guarire”, è il padre Natale, che è solito giocare indebitandosi per poi mettere nei guai il figlio. In seguito a uno di questi debiti paterni, il buon Raffaele viene coinvolto in un intrigo fatto di serenate, omicidi, bobine e scheletri nell’armadio. Ma non tutti i mali vengono per nuocere.

Giallo napoletano è una gradevolissima commedia con infiltrazioni gialle (Hitchcock è il nume ispiratore) scritta, tra gli altri, dall’autoctono Elvio Porta, diretta con piglio sicuro dal navigato Sergio Corbucci e girata con luci fredde al Vomero. Un divertissement (Totò è l’altro modello) in cui il cast è costituito da eccellenti attori: Marcello Mastroianni interpreta il protagonista, confermandosi abile in tutti registri recitativi (qui quello buffonesco: zazzera e baffetti); Michel Piccoli impersona con classe l’ambiguo direttore d’orchestra; Peppino De Filippo il simpatico Natale Capece con tanto di battuta antieduardiana (“a me nun me piace ‘o presepe”); Ornella Muti, Capucine e Zeudi Araya sono le affascinanti e misteriose figure femminili di contorno; Renato Pozzetto un vicecommissario milanese in trasferta (esilarante la gag con l’auto senza freni); gagliardi e assai spassosi i caratteristi Peppe Barra (Giardino), Franco Javarone (Sella) e Natale Tulli (Albino abbestia). Particina da “femminiello” per un giovanissimo Gian Felice Imparato. Commento musicale ad hoc di Riz Ortolani.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 1979
  • Durata: 114'
  • Genere: Commedia, Thriller
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Sergio Corbucci