Connect with us

FILM DA VEDERE

In nome del popolo italiano di Dino Risi, con Gassman e Tognazzi

Uno dei pezzi migliori del cinema politico-civile italiano è stato realizzato da Dino Risi, che con umorismo acuto ed energico colpisce tanto il potere giudiziario piegato all'ideologia quanto la classe borghese reazionaria e ipocrita, non risparmiando neanche il popolo, stordito e stolto. Eccellenti Gassman e Tognazzi

Publicato

il

In nome del popolo italiano è un film del 1971 diretto da Dino Risi, uscito nelle sale il 15 Dicembre 1971. Scritto e sceneggiato da Age & Scarpelli, con la fotografia di Sandro D’Eva, il montaggio di Alberto Gallitti, le scenografie di Luigi Scaccianoce, i costumi di Enrico Sabbatini e le musiche di Carlo Rustichelli, In nome del popolo italiano è interpretato da Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Ely Galleani, Yvonne Furneaux.

Sinossi
L’integerrimo magistrato Bonifazi sospetta lo speculatore edilizio Santenocito di essere colpevole della morte di una studentessa. Fra i due si scatena un duello serrato, e quando Bonifazi avrà la prova dell’innocenza del suo “nemico”, la distruggerà. Santenocito, che l’aveva sempre fatta franca per le sue malefatte, per una volta pagherà con gli interessi.

Un altro film di Dino Risi del ’71, sempre spaventosamente attuale. Un altro ritratto duro e impietoso dell’Italia, anche troppo – purtroppo – riconoscibile ancora oggi, nonostante Mani pulite, Prima e Seconda Repubblica. Un giallo che ha in sé i toni grotteschi della commedia più amara e cinica, dove non si ride quasi per nulla, ma si resta sconvolti dalla triste autenticità di personaggi che suscitano la stessa antipatia di certi politici attuali.

Dino Risi da quel genio che era, aveva capito tutto; aveva capito come sono davvero gli italiani, un popolo stolto che non merita nulla, come afferma con toni molto più volgari il medico che pratica le autopsie e, soprattutto, aveva capito che il nostro paese ha paura di cambiare e certe leggi imperfette e discutibili sono fatte a tutela di alcuni personaggi interessati più al proprio tornaconto personale che al bene della comunità.

Uno dei pezzi migliori del cinema politico-civile italiano, che con umorismo acuto ed energico colpisce tanto il potere giudiziario piegato all’ideologia quanto la classe borghese reazionaria e ipocrita; e accusa il colpo pure il volgo, ebbro di massificante tifo calcistico. Il duello tra un composto Ugo Tognazzi e un istrionico Vittorio Gassman si conclude ex aequo in mezzo a starlets di primo sboccio (Galleani, Stefanelli) e icastiche caratterizzazioni (Tordi, Ragusa, Baldini). Sullo sfondo una Roma insolitamente grigia e insalubre.

  • Anno: 1971
  • Durata: 103'
  • Genere: Commedia, Drammatico
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Dino Risi