fbpx
Connect with us

FILM DA VEDERE

Stanotte su Iris alle 01,10 Crepa padrone, tutto va bene di Jean-Luc Godard e Jean-Pierre Gorin

Jean-Luc Godard: "Vedrete un film d'amore con le vostre star preferite. Si amano e litigano come in tutti i film. Ma ciò che li separa o li riunisce si chiama lotta di classe. Jane Fonda, giornalista, e Yves Montand, cineasta, passeranno da “ti amo” a “non ti amo più” e poi di nuovo a un secondo “ti amo”, questa volta diverso dal primo: e questo perché tra i due “ti amo” ci sono 45 minuti in cui sono sequestrati in una fabbrica".

Publicato

il

Stanotte su Iris alle 01,10 Crepa padrone, tutto va bene (Tout va bien), un film del 1972 diretto da Jean-Luc Godard e Jean-Pierre Gorin. Benché non riconosciuto ufficialmente, è l’ultimo lavoro nato dal Gruppo Dziga Vertov che i due animarono tra il 1969 e il 1972. Dopo gli anni dell’impegno politico che seguono il Sessantotto e della messa in discussione del sistema-Cinema, Godard e Gorin devono riconoscere che per fare un film d’avanguardia destinato non solo a un ristretto pubblico d’élite, è necessario impiegare capitali e vedettes di livello internazionale. Questa è la ragione per cui accettano di fare questo film con codici produttivi e convenzioni artistiche che loro stessi hanno definito “borghesi”.

Sinossi
Una giornalista americana e un cineasta della Nouvelle Vague, coinvolti sentimentalmente, vengono sequestrati da un gruppo di operai in sciopero. Insieme a loro c’è anche il direttore della fabbrica. Per cinque giorni i tre ascoltano dalla bocca degli operai le condizioni in cui sono costretti a lavorare. Per i due intellettuali (e per il padrone) sarà una lezione di etica e politica.

«Vedrete un film d’amore con le vostre star preferite. Si amano e litigano come in tutti i film. Ma ciò che li separa o li riunisce si chiama lotta di classe. Jane Fonda, giornalista, e Yves Montand, cineasta, passeranno da “ti amo” a “non ti amo più” e poi di nuovo a un secondo “ti amo”, questa volta diverso dal primo: e questo perché tra i due “ti amo” ci sono 45 minuti in cui sono sequestrati in una fabbrica.»
(Jean-Luc Godard, intervista su Le Monde, 27 aprile 1972.)

Crepa padrone, tutto va bene viene girato in poco meno di sei settimane dal 17 gennaio al 23 febbraio 1972, appena Godard può reggersi in piedi dopo il grave incidente automobilistico dell’anno precedente; i lavori sono stati rimandati perché le due star Yves Montand e Jane Fonda rifiutano di essere dirette sul set da Jean-Pierre Gorin. In più di un senso, si tratta davvero un “ritorno” di Godard al grande cinema, e per il pubblico è favorito dal fatto che la protagonista sia una statunitense a Parigi come Jean Seberg nel suo primo lungometraggio, À bout de souffle e parli francese con quell’accento straniero che lui adora (come la prima moglie del regista, Anna Karina). Alla ricercata “trasparenza” sui meccanismi e i costi della produzione corrisponde la trasparenza teatrale della fabbrica, ricostruita negli studi Éclair a Épinay-sur-Seine e ripresa in sezione per mostrare contemporaneamente sullo schermo tutti i locali disposti sui tre piani, dove si muovono in stanze diverse il direttore e i giornalisti, gli operai occupanti, i sindacalisti e gli altri operai. Al di là del riferimento diretto alla scenografia di L’idolo delle donne di Jerry Lewis, sembra d’obbligo il richiamo al teatro, soprattutto (e per l’ultima volta in Godard) a Bertolt Brecht: un omaggio al teatro politico che chiude non solo l’avventura del Gruppo Dziga Vertov ma fa anche calare il sipario sulle energie creative scatenate dal Sessantotto francese.

L’officina viene costruita come una gigantesca casa di bambole, 30 metri di lunghezza per tre piani, la scenografia più grande e costosa di Godard se si eccettua quella colossale del successivo Passion. Originale è anche la scena dell’incursione al supermercato Carrefour, diretta conseguenza del lavoro di Godard sul piano sequenza portata avanti nei film pre-’68 (uno per tutti, Week End): la macchina da presa carrella avanti e indietro mantenendosi dalla parte opposta delle casse per mostrare diversi episodi che si svolgono tra gli scaffali. Il piano sequenza inizia alla prima cassa sinistra, la carrellata continua fino all’ultima cassa mostrando i clienti in coda per pagare, e Suzanne che passeggia prendendo appunti su un taccuino e domandandosi se anche il pezzo che scrive sarà cassato. Giunta all’estrema destra, dopo l’ultima cassa, la macchina da presa rivela l’entrata degli studenti che si disperdono. Il movimento si inverte verso sinistra e indugia in corrispondenza di un militante che vende, in mezzo agli scaffali, il programma scontato del Partito Comunista Francese come se fosse un prodotto qualsiasi; i ragazzi si fermano a porgli domande che lui prende per provocazioni. La carrellata continua fino al punto di partenza, a sinistra, mostrando i giovani che cominciano a gettare merci alla rinfusa nei carrelli dei clienti e li incitano a uscire senza passare dalla cassa; le cassiere guardano la scena sedute al proprio posto, la macchina da presa torna di nuovo verso destra seguendo la lunga fila di carrelli pieni fino all’orlo, poi si assiste al sopraggiungere dei poliziotti che distribuiscono manganellate e, in qualche caso, si appropriano anche di prodotti. La scena dura in totale 10 minuti, ed è ripresa in un unico piano sequenza. Per l’ultima volta appare in un film di Godard, in una particina minore (una militante nella scena del supermercato), la sua seconda moglie Anne Wiazemsky, dalla quale vive separato (divorzieranno solo nel 1979). Al di là di questa ultima testimonianza, Tout va bien rimane un’allegoria della sinistra che giunge alla sua fine dopo la stagione del Maggio francese.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 1972
  • Durata: 90'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Francia, Italia
  • Regia: Jean-Luc Godard, Jean-Pierre Gorin