fbpx
Connect with us

Netflix Film

‘I morti non muoiono’ l’omaggio spassoso e pungente di Jim Jarmusch allo zombie movie romeriano

Dopo i vampiri di Solo gli amanti sopravvivono, il cineasta statunitense continua il suo personale percorso nel cinema di genere orrorifico per raccontare vizi, stati d’animo e malefatte dell’essere umano

Publicato

il

In arrivo il 2 agosto su Netflix I morti non muoiono.

I morti non muoiono: la trama

Nella sonnacchiosa cittadina di 738 anime di Centreville, da qualche parte in Ohio, qualcosa di strano sta accadendo: insoliti fenomeni meteo e bizzarri comportamenti da parte degli animali domestici, però, sono solo il primo segnale di un problema ben più grande. Quel problema è un’apocalisse zombi in piena regola, di quelle che la Settima Arte ci ha mostrato a più riprese, ma che dietro non ha la visione sterile e persino ludica degli ultimi decenni, bensì il carico e le responsabilità socio-politiche del padre cinematografico dei non-morti, il compianto George A. Romero.

Ed è a lui e alla matrice alla quale tutti i successori si sono rifatti e con i quali si sono giocoforza dovuti confrontare, ossia La notte dei morti viventi e il secondo atto Zombi, che Jim Jarmusch ha strizzato l’occhio.

Finalmente su Netflix

La sua ultima fatica dietro la macchina da presa, dal titolo I morti non muoiono, adesso disponibile su Netflix, è il chiaro, sincero e dovuto omaggio che ha voluto fare al celebre maestro. Un tributo che al fisiologico e inevitabile citazionismo più o meno dichiarato, tanto nei riferimenti sparsi qua e là nella timeline quanto nell’ammonimento che la pellicola fa allo spettatore/cittadino (gli zombie sono attaccati alle loro fissazioni terrene: caffè, Chardonnay, telefonini, chitarre, antidepressivi e via dicendo), Jarmusch mescola alcuni suoi elementi immancabili (su tutti l’Oriente, le arti marziali e le affilate armi da da taglio, che qui trovano l’incarnazione nel personaggio di Zelda Wiston, l’impresaria di pompe funebri e virtuosa della katana che riporta la mente al protagonista di Ghost Dog), un personale campanello d’allarme per le sempre più critiche condizioni climatiche, una buona dose di humour nero e la chiamata alle armi di vecchie e nuove conoscenze della sua filmografia (da Bill Murray a Tilda Swinton, passando per Steve Buscemi , Adam Driver e Tom Waits).

Perché guardare I morti non muoiono

Il risultato è una maionese impazzita, irregolare e discontinua in termini di efficacia narrativa e visiva, ma che il cineasta statunitense spalma generosamente sul grande schermo con un tocco di splatter che non guasta mai e una mezza dozzina di scene che non si possono dimenticare (su tutte l’attacco dello zombie Iggy Pop al diner, la decapitazione nell’obitorio e quella nella stazione di polizia). Insomma, Jarmusch si diverte a usare nuovamente i codici e gli stilemi del genere per la sua esplorazione del pianeta horror e per dire la sua sulla società odierna, con i vizi e le malefatte che indisturbati la infettano.

Così dopo i vampiri di Solo gli amanti sopravvivono e gli zombie di I morti non muoiono, ora non ci resta che stare alla finestra in attesa di vedere a quale creatura rediviva deciderà di affidare le redini del prossimo impegno cinematografico.

Netflix Agosto 2022 tutte le uscite

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2015
  • Durata: 105'
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Genere: Commedia, Horror
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Jim Jarmusch
  • Data di uscita: 13-June-2019