fbpx
Connect with us

FILM DA VEDERE

Nico, 1988, il bel biopic di Susanna Nicchiarelli sull’ultima parte della vita di Christa Päffgen, in arte Nico

Susanna Nicchiarelli con Nico, 1988, vincitore del Premio Orizzonti alla 74ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e di un David di Donatello per la miglior sceneggiatura originale, conferma la consistenza del suo talento

Publicato

il

Susanna Nicchiarelli con Nico, 1988, vincitore del Premio Orizzonti alla 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e di un David di Donatello per la miglior sceneggiatura originale, conferma la consistenza del suo talento, offrendo uno sguardo realistico, ma al tempo stesso pudico, degli ultimi anni di vita di Christa Päffgen, la celebre cantante, attrice e modella tedesca, un’artista poliedrica che attraversò come un fulmine gli anni Sessanta e Settanta, in ambito musicale, cinematografico e non solo. Celebri la sua partecipazione (breve) al gruppo dei The Velvet Underground, capitanati da Lou Reed, la collaborazione con Andy Warhol, nonché il suo piccolo ma indimenticabile ruolo ne La dolce di vita di Federico Fellini. Ma Nico, successivamente, proseguì con un’intensa attività musicale da solista, dando vita a un proprio originale stile, tanto che si meritò il soprannome di “Sacerdotessa delle Tenebre”, per le atmosfere gotiche e decadenti dei suoi brani, unite alla sua inconfondibile voce profonda e inquietante.

Una vita, la sua, tempestosa, contrassegnata anche da relazioni sentimentali con personaggi molto noti del mondo dello spettacolo, quali Alain Delon, dal quale ebbe un figlio mai riconosciuto dall’attore (circostanza che provocò non poco dolore alla cantante, che si vide togliere il bambino, paradossalmente affidato alle cure della nonna materna), con Brian Jones dei The Rolling Stones e addirittura con Jim Morrison dei The Doors, il quale la incoraggiò a cimentarsi nella scrittura di musica propria.

Questa breve introduzione era necessaria, laddove la scelta di Nicchiarelli di mettere in scena l’ultima parte della vita di Nico rivela la sana intenzione di voler evitare di scivolare nel prevedibile immaginario, di cui si è assai abusato al cinema, della rockstar maledetta, dando corpo, magari, a un film spettacolare, ammiccante, in una parola, furbo. No, la regista preferisce illuminare un momento meno appariscente, quello in cui l’artista proseguì, sì, la sua carriera, ma senza troppi riflettori puntati addosso, rivolgendosi a un pubblico ristretto, che non smise mai di seguirla, di apprezzarla. D’altronde è la stessa Nico a ripetere, durante il film, di volere ascoltatori selezionati, non essendo interessata alla celebrità. E poi, il lato oscuro, quella dipendenza dall’eroina che contrassegnò gran parte della vita della cantante, e di cui erano ben visibili gli effetti sulla sua persona; il dramma di un figlio che, a causa della sua inadeguatezza di madre, le venne strappato via, ma che non smise mai cercare, riuscendo, infine, a ritrovare.

Trine Dyrholm, attrice e cantante danese, è di una bravura sconcertante, capace com’è di assumere le pose e le espressioni di Nico con notevole naturalezza, compiendo il miracolo di riportala, per il tempo della durata di un film, magicamente in vita. L’immobilità del suo volto, gli occhi spalancati e spiritati nonché la voce nasale restituiscono egregiamente il portamento e gli atteggiamenti di Christa Päffgen, senza mai scadere nello scimmiottamento o nella pantomima.

Nicchiarelli, dal canto suo, non si è fatta prendere la mano, producendosi in una regia sobria, contenuta, attenta a rimanere fedele alla verità dei fatti narrati. La scelta di utilizzare un formato cinematografico in disuso, quale l’1.33:1, probabilmente per entrate in maggiore sintonia con l’epoca dell’azione messa in scena, avvalora, senz’altro, questa ipotesi: scampare una gratuita e prevedibile spettacolarizzazione in favore di un serio approfondimento psicologico della protagonista. La durata, anch’essa non eccessiva (novanta minuti), si rivela funzionale a mantenere tutta la narrazione all’interno di sicuri binari. Nico, 1988 è un film dal respiro internazionale, che, pertanto, potrebbe costituire un’ottima occasione per far conoscere il buon cinema di Nicchiarelli anche al di fuori dei confini del nostro paese.

Pubblicato da Mustang per I Wonder Pictures e distribuito da CG Entertainment, Nico, 1988 è disponibile in dvd, in formato 1.33:1, con audio in italiano e originale (DD 2.0 e DD 5.1) e sottotitoli opzionabili. Nei contenuti speciali sono presenti il backstage e le foto del film.

Trova Nico, 1988 su CG Entertainment

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2017
  • Durata: 90'
  • Distribuzione: CG Entertainment
  • Genere: Biografico
  • Nazionalita: Italia, Belgio
  • Regia: Susanna Nicchiarelli