fbpx
Connect with us

Film da Vedere

‘Dogville’ il primo capitolo della trilogia incompiuta di Lars Von Trier sull’America, con Nicole Kidman

Dopo Le onde del destino, Idioti e Dancer in the dark, un’altra provocatoria parabola del regista danese sullo sfruttamento, l’avidità e la ferocia degli esseri umani

Pubblicato

il

Dogville è un film del 2003 diretto da Lars von Trier, presentato in concorso al 56º Festival di Cannes. Primo capitolo di un’incompiuta trilogia sull’America, è stato seguito nel 2005 da Manderlay. Con Nicole Kidman, Laurae Bacall, James Caan e Ben Gazzara.

Sinossi di Dogville

1930: a Dogville, uno sperduto villaggio delle Montagne Rocciose, arriva la bella Grace. Sulle sue tracce ci sono due spietati killer: grazie all’intercessione di Tom, portavoce della comunità, Grace ottiene ospitalità e protezione a patto che sia disposta a lavorare per il bene comune. Quando gli abitanti di Dogville scoprono che la donna è ricercata, avanzano nei suoi confronti sempre maggiori pretese. Ma lei nasconde un segreto che li farà pentire amaramente

Narratore: “Questa è la triste storia della città di Dogville sulle Montagne Rocciose degli Stati Uniti d’America. Gli abitanti di Dogville erano gente buona e onesta che amava la loro città“.

La recensione

Dogville non è un film che lascia indifferenti.

È un’opera con una base da piece teatrale (con evidenti riferimenti brechtiani) in cui Lars Von Trier gioca col montaggio e l’uso sapiente delle inquadrature. Tutta la rappresentazione è essenziale, a partire da quella della città (visualizzata come una mappa) fino alla vicenda dipanata grazie alla voce narrante, e lasciata scorrere nelle parti recitative solo negli aspetti più salienti della trama. Dal teatro classico e dalla tragedia greca riprende lo sviluppo di un pathos a livelli convulsi fino alla catarsi finale. Dogville è un’opera pregna, un concentrato assoluto, ma è soprattutto grande provocazione. Come ribadito anche dalle immagini finali che scorrono sui titoli di coda. È un dardo scoccato sulle nostre coscienze, che ci fa interrogare se esista l’innocenza e se essa sia compatibile con la dura realtà, di cui l’America si presta a essere simbolo principale.

In Dogville c’è un netto rifiuto del realismo della rappresentazione e una presa di posizione stilistica che si situa esattamente agli antipodi dei principi adottati dal regista ai tempi del Dogma. Eppure, nonostante questa palese tendenza all’astrazione e la volontà di mischiare le risorse del linguaggio cinematografico a quelle del teatro e della letteratura (il regista ha parlato di cinema fusionale), il film riesce a coinvolgere ugualmente lo spettatore, a comunicargli emozioni e a farlo rispecchiare in un universo simbolico da cui trasuda una visione del mondo disperata.

Dopo Le onde del destino, Idioti e Dancer in the dark, un’altra provocatoria parabola del regista danese sullo sfruttamento, l’avidità e la ferocia degli esseri umani, cui si accompagna una cupa vendetta finale che non era contemplata nelle opere precedenti. Nicole Kidman è straordinaria, ma nelle tre ore di film anche i comprimari (un cast eccezionale, fra cui anche una meravigliosa Lauren Bacall) danno un contributo essenziale alla riuscita finale.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2003
  • Durata: 165'
  • Distribuzione: Medusa
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Danimarca, Francia, Svezia, Norvegia
  • Regia: Lars Von Trier