fbpx
Connect with us

FILM DA VEDERE

47 metri, ovvero la conferma dell’immarcescibile carisma dell’iconografia dello squalo. Un film (letteralmente) al cardiopalma

Ciò che piace di 47 metri è il suo essere diretto, immediato, senza cincischiare o cercare qualche improbabile sotto testo cui aggrapparsi per fornire una cornice di più ampio respiro all’insieme, sciagurata pratica molto in voga nel cinema più recente

Publicato

il

Privo quasi di trama, telefonato dal primo all’ultimo minuto (a parte una gustosa variante finale) per quanto riguarda lo sviluppo dell’azione, 47 metri del regista britannico Johannes Roberts è il non plus ultra del film di genere, un lungometraggio che non ha altra pretesa se non quella di tenere incollato lo spettatore alla poltrona per 87, adrenalinici, minuti. Una rivisitazione dello shark movie, che, grazie allo sviluppo dei mezzi tecnologici, ha elevato all’ennesima potenza la verosimiglianza della messa in scena, provocando un continuo stato di agitazione in chi guarda. Ed è proprio questo che piace del film, il suo essere diretto, immediato, senza cincischiare o cercare qualche improbabile sotto testo cui aggrapparsi per fornire una cornice di più ampio respiro all’insieme, sciagurata pratica molto in voga nel cinema più recente che, alla resa dei conti, risulta sempre gratuita e, soprattutto, non utile, nella misura in cui non sortisce mai l’effetto desiderato.

Le sorelle Kate (l’australiana Claire Rhiannon Holt, molto attiva in tv) e Lisa (La cantautrice e attrice statunitense Mandy Moore) sono pronte per la vacanza della loro vita in Messico. Qui, avendo l’opportunità di immergersi per vedere da vicino gli squali bianchi, si ritrovano al largo della costa di Huatulco e si calano in acqua. L’escursione però prende una piega imprevista quando la gabbia che le protegge si rompe, precipitando nel fondo dell’oceano. Con meno di un’ora di ossigeno a disposizione, le due ragazze dovranno risalire quei 47 metri che le separano dalla superficie, infestati dai famelici squali. Ad impreziosire il cast anche il breve ma sontuoso cameo di Matthew Modine (Full Metal Jacket, 1987), nei panni del capitano dell’imbarcazione che accompagna le protagoniste verso il loro fatale destino.

Lo squalo non passa mai di moda, è come la lasagna che si mangia calda di inverno o fredda sulla spiaggia in agosto. 47 metri è l’ultimo esempio di come questo pesciolone, sornione, solitario, ma all’occorrenza spietato e sanguinario, sia ‘per natura’ maledettamente cinematografico: basta una sua foto su una locandina con le fauci spalancate per far accorrere la gente in sala. Con pochissimi elementi e qualche effetto speciale, il regista Johannes Roberts riesce a confezionare un thriller orrorifico ad altissimo tasso di suspense. Il cinema del filone “pericolo in mare” 2.0 sforna un dramma degli abissi di notevole impatto emotivo, di ottima fattura, in grado di concentrare gli sforzi produttivi tanto sulla riuscita visiva (piuttosto realistiche, in tal senso, le riprese sott’acqua) quanto sul dipanarsi del plot, giungendo a delle svolte narrative sicuramente immaginabili, eppure non del tutto scontate. Film denso, robusto e letteralmente immersivo.

Universal Pictures distribuisce in home video il film, e, sempre pronta ad escogitare qualche brillante trovata per rendere ancora più avvincente la fruizione, ha fornito allo scrivente un frequenzimetro per monitorare l’attività cardiaca durante la visione. Risultato? Dopo l’iniziale stato di riposo a 70 bpm (battiti per minuto), il sottoscritto ha raggiunto, durante la sequenza in cui entrambe le ragazze sono braccate dagli squali, un picco massimo di 110 bpm, a dimostrazione di quanto, effettivamente, 47 metri sia in grado di provocare un significativo scuotimento. La media, invece, è stata di 80 bpm (forse è ora di consultare il cardiologo di famiglia).

47 metri è disponibile in dvd e in blu ray con audio Italiano (Dolby Digital, DTS-HD Master Audio  5.1) e Inglese (Dolby Digital,  DTS-HD Master Audio 5.1) e sottotitoli opzionabili. Ricca sezione di Contenuti Speciali: Trailer; Credits; B-Roll e Interviste.

  • Anno: 2017
  • Durata: 87'
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Genere: Azione, Horror
  • Nazionalita: Gran Bretagna
  • Regia: Johannes Roberts