fbpx
Connect with us

INDIPENDENTI ITALIANI

Giallo?

Giallo? è una scelta coraggiosa e rischiosa nella quale ha voluto puntare la direzione artistica del festival. Girato in digitale con il supporto dalla Act Multimedia, l’accademia del cinema e della televisione sita all’interno degli studi di Cinecittà, il film di Antonio Capuano narra di un cacciatore di ex SS.

Pubblicato

il

Antonio Capuano

Girato in digitale con il supporto dalla Act Multimedia, l’accademia del cinema e della televisione sita all’interno degli studi di Cinecittà, il film di Antonio Capuano narra di un cacciatore di ex SS. L’uomo di circa sessant’anni, vive in una forma di autoisolazionismo ed il suo lavoro consiste nel gestire un negozio di piante e fiori provenienti da tutto il mondo. La sua vita si svolge in maniera lineare, senza alcuna svolta. Il lavoro la mattina presto, la cucina e la cena di fronte alla tv. Una sera però, accade qualcosa di inaspettato. La televisione trasmette la sua stessa immagine. Per il signor Zèmeli è un grosso colpo vedere un uomo identico a lui spararsi un colpo alla testa, ma lo spettatore non ha idea di cosa stia accadendo fino a circa quaranta minuti dall’inizio. Il protagonista, interpretato da Carlo Cantore, non parla che per monosillabi e la maggior parte del prologo è quasi priva di parole, il che non fa che enfatizzare l’attenzione sulle azioni sempre uguali di questo personaggio misterioso. Alcuni flashback, cominciano a far trapelare un qualche passato in bianco e nero, ma sono troppo sfocate e brevi per poter comprendere sino in fondo il loro significato. Di punto in bianco, però, il film cambia completamente registro ed entrano in scena degli attempati compagni di baldorie del signor Zèmeli. Tra questi spicca una Barbara Bouchet in versione “Marylin tardona”, come lei stessa ha ricordato al pubblico durante la serata d’apertura del Taormina Film Festival, il 13 giugno presso il Teatro Antico. Gli amici coinvolgono l’uomo in una serata presso un ristorante ma il signor Zèmeli sembra pensare a tutt’altro. La sera stessa il protagonista uccide un SS che teneva d’occhio nel suo palazzo, ma ritrova morto in casa propria quell’uomo che aveva visto più di una sera in tv. Tutta la trama si chiarisce agli occhi dello spettatore, lasciando però alcune perplessità, dovute soprattutto alle poche parti dialogate del film che danno l’idea di essere parte di un film diverso da quello pensato inizialmente. Nonostante l’ottima fotografia alla quale ha preso parte anche Luca Bigazzi, creando una Torino notturna e mortifera, il film non decolla.

Fabio Sajeva

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.