Al Bifest i primi verdetti e “la donna invisibile”

Nella serata di lunedì è stato consegnato, sul palco del Petruzzelli, il premio “Michelangelo Antonioni”, per la sezione “Arcipelago/Concorto”, ad Alessandro Stevanon, regista del cortometraggio “America”. Una menzione speciale è andata invece ad Alessandro Gatti,autore del corto “Uraniani”.

Mentre continuano le programmazioni di tutti gli altri concorsi, oggi, in “Panorama internazionale”, da non perdere “Kidon” di Emmanuel Naccache, desta interesse e curiosità “The invisible woman”, la seconda prova in regia di Ralph Fiennes. Una pellicola dedicata al tratteggio di alcuni scorci della vita privata del grande romanziere britannico Charles Dickens. In particolare alla passione per una donna che per amore suo diventerà “invisible”.

Ma non si vive di sole proiezioni. È della giornata odierna una tavola rotonda promossa dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici italiani. Nel salone del teatro Margherita si parlerà di come promuovere all’estero il cinema italiano. Rispondendo in particolare a una domanda: “Quali nuove strategie dopo l’Oscar alla Grande Bellezza?”. Interverranno l’amministratore delegato di Luce Cinecittà Roberto Cicutto, il Presidente dell’Anica Riccardo Tozzi, Giorgio Gosetti, direttore delle “Giornate degli Autori” alla Mostra di Venezia e Franco Montini, Presidente del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani.

Con ancora forte l’eco della bellissima “lezione di cinema” dell’immarcescibile Maestro Ugo Gregoretti già si prospetta il “domani” con la curiosità per “L’amour est un crime parfait”,”Anteprima internazionale”, di Arnaud e Jean-Marie Larrieu e l’attesa per il nome del vincitore del concorso riservato ai documentari.

Frédéric Pascali

Utlima modifica: 11 Aprile, 2014



Condividi

Tags