fbpx
Connect with us

Live Streaming & on Demand

‘Before Midnight’ su Prime video il terzo capitolo della trilogia di Linklater

Ethan Hawke e Julie Delphi nel terzo film della celebre trilogia sull'amore

Publicato

il

In Before the Midnight, su Prime Video,  Linklater ritorna a far parlare Jesse e Céline, ora protagonisti di un amore maturo.

Before the Midnight: una lunga storia

Si erano incontrati nel 1995 su un treno diretto a Vienna, pieni di incanto e con tanta strada ancora da percorrere per poi lasciarsi con la promessa, dopo una giornata trascorsa in giro per la città, di rivedersi sei mesi dopo sugli stessi binari.

Era l’epoca di Before Sunrise. Si erano poi rivisti nove anni dopo, più maturi, a Parigi, durante la presentazione del libro di lui su quella notte. È il 2004, anno di Before Sunset. A distanza di nove anni arrivava a Berlino il terzo capitolo della trilogia incentrata sull’incontro tra la francese Céline (Julie Delpy) e l’americano Jesse (Ethan Hawke), un capitolo firmato dal brillante Richard Linklater, che si aggiudicò la Berlinale Camera, un premio assegnato dal Festival di Berlino a quelle personalità o istituzioni vicine all’evento verso cui il festival vuole esprimere la sua gratitudine. Linklater aveva calcato le scene della Berlinale già nel 1995 aggiudicandosi l’Orso d’Argento con il primo capitolo della storia di Jesse e Céline, facendovi ritorno per il sequel parigino nel 2004, e successivamente nel 2007 per la commedia intitolata Fast Food Nation.

Tre episodi sull’amore

Dal fortunato incontro tra Linklater, Hawke e Delpy sono nati tre episodi sull’amore visto da diverse angolazioni, età della vita e della relazione. Poco più che ventenni, Jesse e Céline avevano sperimentato la magia di un incontro unico e straordinario con lo sguardo incantato di due ragazzi in piena scoperta di se stessi e dei rapporti.

Più navigati e con una rinforzata consapevolezza del proprio essere nel mondo e della coppia, i due protagonisti hanno fatto passare nove anni prima di riuscire a dare un seguito intenzionale a quell’incontro fortuito. Sempre all’insegna della stessa squisitezza verbale, il terzo momento della trilogia mostra due quarantenni sull’orlo di una crisi di nervi e di coppia in vacanza in Grecia con prole al seguito. I loro corpi portano senza maschere i segni del tempo, le loro menti sono affaticate dal pensiero di figli lontani, di ex mogli arpie, di occasioni mancate e dalla percezione di aver fatto troppe rinunce. Persiste lo stile fatto di lunghe inquadrature di vivaci conversazioni sull’amore, mai sdolcinate o smielate, sui sacrifici richiesti per mantenere in piedi un rapporto, sulle complicazioni di una famiglia allargata.

Anche la terza tappa  del rapporto tra i nostri beniamini – tanto complicata da tenerci agganciati a ogni parola pronunciata, a ogni minima evoluzione provocata da un punto di vista diverso condiviso – si regge sulla perfetta sintonia tra i due interpreti, sulla cui disinvoltura e convinzione poggia l’intero film. In Before Midnight Linklater si concede un momento dove i protagonisti non sono da soli a discutere appassionatamente dell’esistenza in tutte le sue forme, introducendo un incontro conviviale a cui partecipano generazioni diverse che si confrontano sulla questione amorosa, sulle interazioni tra sesso e tecnologia, sulla fugacità o l’eternità del sentimento, sulla nascita di un amore e sull’impegno richiesto per affrontarlo nella vita quotidiana.

L’amore nel quotidiano

È proprio il quotidiano con le sue sfide, le complicazioni e la routine a definirsi come elemento drammatico e critico nel confronto, ora pungente ora divertente, tra marito e moglie. Il ritmo dei dialoghi è sempre incalzante e mai retorico, forse inciampa in momenti di estrema verbosità anche quando i due tentano di risolvere le incomprensioni ritrovando l’intimità trascurata. Il tutto, però, scorre fluido come sempre su uno sfondo tragico e romantico al tempo stesso che osserva silenzioso il destino dei due innamorati. Questo episodio, maturo come l’amore di cui parla, è il più emotivamente destabilizzante ma anche il più autentico, quello in cui il sentimento reagisce combattendo dinanzi alle imperfezioni ingombranti e insidiose.

Anno: 2013

Distribuzione: Good Films

Durata: 108′

Genere: Drammatico

Nazionalità: USA

Regia: Richard Linklater

Francesca Vantaggiato

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta