fbpx
Connect with us

Latest News

“Monkey Man” uscirà anche in India?

"Monkey Man" potrebbe non essere distribuito più in India a causa di temi culturali molto delicati considerati offensivi.

Pubblicato

il

Monkey man

Nonostante le difficoltà insorte durante le riprese, l’ostacolo più grande che deve affrontare “ Monkey Man ” potrebbe essere il Central Board of Film Certification dell’India , o CBFC. Il film, nonchè debutto alla regia dell’attore Dev Patel , ambientato in India, è uscito nelle sale americane il 5 aprile, ma deve affrontare una dura battaglia con la censura indiana a causa del suo contenuto. Nello specifico : violenza, immagini sessuali e temi politici e religiosi.

La CBFC è un ente governativo che funziona secondo il Cinematograph Act indiano del 1952 e, sebbene affermi di non essere tecnicamente coinvolto nella censura la realtà è più complicata. Affinché un film possa essere distribuito nei cinema indiani, è necessario che gli venga concesso uno dei tre certificati: “U” o “Universale”, “A” o ” Adulto” o “U/A” “Universale/Adulto”. Il Consiglio può richiedere (o “suggerire”) tagli e modifiche prima di concedere a un film un certificato più indulgente o di concederglielo del tutto.

Nuove uscite: Fotogramma di Monkey Man

Fotogramma di Monkey Man

Per la distribuzione in India di “Monkey Man” sono stati richiesti una serie di tagli a causa di forte violenza, stupro, linguaggio scurrile, contenuto sessuale/nudità e uso di droghe. Il film inoltre  presenta una escort di nome Sita (Sobhita Dhulipala), che prende il nome dalla dea moglie di Lord Ram, una figura venerata nelle scritture indù. La storia di Patel trae spunto dal poema epico indù “Ramayana”, ma nominare questo personaggio Sita ha pesanti implicazioni per il paese in cui le lavoratrici del sesso sono ancora vittime di violente discriminazioni.

Nel film, il personaggio senza nome di Patel indossa una maschera da scimmia e modella il suo alter ego sul semidio indù Hanuman, simile a una scimmia, un altro personaggio chiave del “Ramayana”. La sua inquadratura di Hanuman è reverenziale, ma questo tipo di innocua appropriazione ha un precedente anche per la censura, basti pensare al film Marvel “Black Panther”(2018).  La mancanza di rispetto verso la religione e le icone religiose viene trattata duramente dal governo indiano e può essere recepita anche come una critica nei loro confronti.

dev patel monkey man

“Monkey Man” potrebbe non arrivare tutto intero nei cinema indiani se lo studio capitolasse alle potenziali richieste della CBFC, e c’è la possibilità, dati i temi e il simbolismo del film, che non venga distribuito affatto in India. Lo streaming potrebbe potenzialmente essere una soluzione alternativa se non viene proiettato nei cinema, ma aziende come Netflix e Amazon stanno cedendo sempre più alle richieste di censura dell’India. Le critiche di Patel all’estremismo religioso non sempre funzionano , ma come ogni artista, meritava di dire la sua.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers