fbpx
Connect with us

Anticipazioni

L’equità di genere nel cinema è molto, molto lontana, secondo uno studio

L'equità di genere nel cinema verrà raggiunta solo nel 2215 in Canada, nel 2085 nel Regno Unito e nel 2041 in Germania al ritmo attuale.

Pubblicato

il

Equità di genere

Re-Framing the Picture, uno studio interdisciplinare che esamina l’impatto delle politiche di equità di genere nel settore cinematografico nel Regno Unito, in Canada e in Germania ha riscontrato un miglioramento numerico “modesto”, ma scarsa variazione nelle dinamiche di potere.

Il Festival del Cinema di Berlino ha presentato i risultati dello studio Re-Framing the Picture martedì 20 febbraio. Un team di ricerca internazionale e multidisciplinare ha esaminato l’impatto delle politiche di equità di genere (GEP) nelle industrie cinematografiche dei tre paesi tra il 2005 e il 2020. Lo studio ha esaminato anche 12.000 film provenienti da 34 paesi per evidenziare l’impatto di diverse politiche, come gli standard di diversità come requisito per ricevere finanziamenti statali.

Sebbene il report abbia riscontrato un modesto miglioramento numerico delle donne e delle minoranze di genere che lavorano nei settori cinematografici dei paesi, progressi che il report attribuisce in parte alle nuove politiche GEP, i risultati non sono stati motivo di gioia. Le posizioni chiave creative e quelle dell'”élite di rete” erano ancora dominate dagli uomini. In Germania, in media, il 74 percento di tutte le posizioni chiave creative e l’86 percento dell’élite di rete erano uomini. I numeri nel Regno Unito erano rispettivamente del 78 percento e dell’81 percento. In Canada, si attestavano rispettivamente al 77 percento e all’82 percento.

“Al ritmo attuale di progresso, raggiungeremo l’equità di genere, dove le donne occupano il 50 percento delle posizioni chiave creative, solo nell’anno 2215 in Canada (cioè tra quasi 200 anni), nel 2085 nel Regno Unito (tra più di 60 anni) e nel 2041 in Germania (tra più di 15 anni)”, ha riscontrato il report.

(La UCLA, in associazione con Lionsgate l’anno scorso, riscontra che gli Stati Uniti necessitano di altri 175 anni per raggiungere la parità di genere tra i registi.)

Equità di genere: cosa fare ora?

Uno degli autori del rapporto, l’esperta di analisi di rete Professoressa Deb Verhoeven dell’Università dell’Alberta, ha detto che la ricerca sottolinea la necessità che le politiche GEP affrontino le questioni sistemiche, non solo mirino alla rappresentanza numerica. “Le industrie cinematografiche non hanno bisogno solo di più donne, ma di donne nelle posizioni giuste”, ha detto Verhoeven.

Verhoeven ha sottolineato che “i modesti progressi compiuti dalle donne e dalle minoranze di genere non sono avvenuti a spese degli uomini [ma] sono emersi come risultato di un’espansione dell’industria piuttosto che di una sostituzione degli uomini”.

Il rapporto ha chiesto politiche GEP più numerose e migliori con “meccanismi di responsabilità forti, incentivi finanziari e la capacità di guidare attivamente il cambiamento dell’industria”.

L’analista delle politiche Professoressa Doris Ruth Eikhof dell’Università di Glasgow ha detto:

“Ora il compito è quello di fare in modo che le politiche mainstream raggiungano la pratica industriale e creino responsabilità. È anche chiaro che considerare le donne come ‘responsabili’, come prive di esperienza o fiducia, non porterà al cambiamento sistemico di cui abbiamo bisogno. Le donne hanno bisogno di accesso a posizioni influenti all’interno dell’industria cinematografica, non solo all’industria nel complesso.”

È possibile scaricare il rapporto completo Reframing the Picture qui.

Fonte: The Hollywood Reporter

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.