fbpx
Connect with us

CANNES

Cannes 2022 tutti i vincitori

A sorpresa ( ma non troppo?) Il film di Ostlund vince la Palma d'Oro. Sorprese anche tra gli altri premi

Publicato

il

Triangle of sadness

Cannes 2022 : i vincitori della 75 edizione.  Ruben Östlund ha vinto la sua seconda Palma d’Oro per “Triangle of Sadness”, una satira pungente dei ricchi e (Insta-)famosi, che chiude il Festival  per certi versi ‘delle sorprese’.

Il seguito di Östlund al suo “The Square”, vincitore della Palma nel 2017, conduce una barca piena di persone poco profonde , modelle, milionari e i loro vari partner, e le abbandona in acque al contrario profonde. Costringe così i sopravvissuti a ricostruire una società su un’isola deserta in cui il denaro non ha potere.  La bellezza diventa il bene più prezioso.

La giuria di Cannes ha presentato tre premi in più rispetto a quelli che normalmente ci si aspetta da loro – due cravatte e un trofeo speciale per il 75° anniversario – per un totale di 10 premi. Quasi la metà dei film del concorso( 21 film) è andato a casa con un riconoscimento.

Per il secondo posto “Stars at Noon” di Claire Denis e “Close” di Lukas Dhont hanno condiviso il Gran Premio.

Nel seducente dramma di Denis, Margaret Qualley interpreta una giornalista americana il cui incarico in Nicaragua ha fatto il suo corso, costringendola a usare il suo ingegno e le sue astuzie per trovare una via d’uscita dal paese, con l’aiuto di uno straniero  (Joe Alwyn).

Meno controverso il dramma belga “Close” che ha commosso molti nel suo ritratto di una tragica spaccatura tra due amici di 13 anni.

Continuando una serie di successi per il cinema coreano in tutto il mondo, Park Chan-Wook ha vinto il premio come miglior regista per il suo thriller hitchcockiano “Decision to Leave” in cui un detective si innamora della vedova di una possibile vittima di omicidio.

Dopo essersi convinto che la sospettata sia innocente, il poliziotto deve rivalutare le sue scelte qualche anno dopo, quando anche il suo secondo marito muore in un modo che non può eessere solo un incidente.

Ogni cinque anni gli organizzatori di Cannes incoraggiano le loro giurie ad assegnare un premio speciale per l’anniversario.

Un premio speciale

Per celebrare la 75a edizione, la giuria ha brindato ai due volte Palma d’oro Jean-Pierre e Luc Dardenne per il loro film “Tori & Lokita” su due immigrati ghanesi che si danno da fare per sbarcare il lunario in Belgio.

Cannes 2022 i vincitori

In un altro ex equo il premio della giuria è andato sia a  Le 8 montagne “The Eight Mountains” che a “EO”. Co-diretto dalla coppia belga Félix Van Groeningen e Charlotte Vandermeersch (che si è baciata sul palco, a metà discorso), The Eight Mountains” ripercorre con sensibilità l’amicizia tra due ragazzi italiani ( Alessandro Borghi e Luca Marinelli), uno della città, l’altro un pastorello delle Alpi, attraverso decenni. Insieme a Dhont e ai Dardennes, é stata una grande serata per il Belgio, dato che tutti e cinque i registi del piccolo paese sono andati a casa con premi.

Condividendo il premio della giuria, “EO” del regista polacco Jerzy Skolimowski è un remake   psichedelico di “Au Hasard Balthazar”, che ripercorre il viaggio transeuropeo di un asino attraverso una serie di interazioni impegnative e spesso crudeli con vari umani .

“Vorrei ringraziare i miei asini, tutti e sei”, ha detto Skolimowski.

Il film verrà distribuito in Italia da I Wonder Pictures.

Lo svedese Tarik Saleh ha vinto il premio per la sceneggiatura di “Boy From Heaven”, che immagina una cospirazione del governo egiziano per immischiarsi nella nomina di un nuovo grande imam.

Cannes 2022 i vincitori Bandito dall’Egitto, Saleh è stato costretto a girare il film in Turchia, ma ha dichiarato che desiderava poter tornare.

“Voglio dedicare questo premio ai giovani registi egiziani, per alzare la voce e raccontare le vostre storie”.

Il premio come miglior attrice è andato a Zar Amir-Ebrahimi, che interpreta una giornalista iraniana che rischia la vita per catturare un serial killer in “Holy Spider”. Il teso thriller  espone i crimini di un uomo che ha preso di mira le prostitute. Diventa ancora più agghiacciante quando l’uomo viene arrestato e il pubblico si rende conto che un segmento della società sostiene le sue azioni contro le prostitute.

Ho fatto molta strada per essere su questo palco. Umiliazione e oscurità, ma c’era il cinema”,

ha detto Amir-Ebrahimi, che ha elogiato il regista Ali Abbasi per aver affrontato tutte quelle cose che non si possono fare nel cinema iraniano.

“Mi ha praticamente salvato la vita e so che salverà di nuovo delle vite.”

Il premio per la performance maschile è andato all’attore coreano (e star di “Parasite”) Song Kang-ho per il suo ruolo in “Broker”. Song interpreta un uomo che vende bambini abbandonati al mercato nero nel primo lungometraggio coreano del regista giapponese Kore-eda Hirokazu.

A differenza di “Holy Spider”, questo film vuole in realtà che il pubblico perdoni i suoi criminali.

Cannes 2022 i vincitori Camera d’Or

In rappresentanza della giuria della Camera d’Or, l’attrice spagnola Rossy de Palma ha consegnato il premio come miglior opera prima a “War Pony”, di Gina Gammell e Riley Keou
gh. “War Pony” racconta la storia di due giovani uomini della tribù Oglala Lakota ed è stato scritto e realizzato in stretta collaborazione con la comunità di nativi americani che raffigura. La giuria della Camera d’Or è rimasta colpita anche da un altro debutto, assegnando una menzione speciale al “Plan 75″ del regista giapponese Hayakawa Chie, che immagina un futuro in cui i cittadini anziani possono scegliere di sottoporsi all’eutanasia.

Il presidente della giuria Vincent Lindon, che ha vinto il premio come miglior attore a Cannes nel 2015, ha assicurato alla folla che il vincitore della Palma d’Oro è stato selezionato a larga maggioranza, scherzando sul fatto che gli organizzatori del festival dovrebbero cambiare le regole. Invece di cambiare i membri della giuria ogni anno, ha scherzato, il festival dovrebbe invitarli a tornare ogni anno.

“Abbiamo bisogno di altri quattro anni”, ha detto.

Lindon ha co-presentato i premi con il regista iraniano Asghar Farhadi, l’attrice e regista inglese Rebecca Hall, il regista francese Ladj Ly, il regista americano Jeff Nichols, l’attore e produttore indiano Deepika Padukone, la star svedese Noomi Rapace, il regista norvegese Joachim Trier e l’attrice regista Jasmine Trinca.

Camnes tutti i vincitori la lista

COMPETITION

Palme d’Or: “Triangle of Sadness,” Ruben Östlund

Grand Prix — TIE: “Stars at Noon,” Claire Denis AND “Close,” Lukas Dhont

Director: Park Chan-wook, “Decision to Leave”

75th Anniversary Special Award: Jean-Pierre and Luc Dardenne, “Tori & Lokita”

Actor: Song Kang-ho, “Broker”

Actress: Zar Amir-Ebrahimi, “Holy Spider”

Jury Prize — TIE: “The Eight Mountains,” Félix Van Groeningen and Charlotte Vandermeersch AND “EO,” Jerzy Skolimowski

Screenplay: Tarik Saleh, “Boy From Heaven”

OTHER PRIZES

Camera d’Or: “War Horse,” Gina Gammell and Riley Keough

Camera d’Or Special Mention: “Plan 75,” Hayakawa Chie

Short Films Palme d’Or:“The Water Murmurs,” Jianying Chen

Short Films Special Mention:“Lori,” Abinash Bikram Shah

Golden Eye Documentary Prize: “All That Breathes,” Shaunak Sen

Queer Palm: “Joyland”

UN CERTAIN REGARD

Un Certain Regard Award: “The Worst Ones,” Lise Akoka, Romane Gueret

Jury Prize: “Joyland,” Saim Sadiq

 Director Prize: Alexandru Belc, “Metronom”

Best Performance Prize — TIE: Vicky Krieps, “Corsage” and Adam Bessa, “Harka”

 Screenplay Prize: Maha Haj, “Mediterranean Fever”

Coup de Coeur Award: “Rodeo,” Lola Quivoron

DIRECTORS’ FORTNIGHT

Europa Cinemas Label: “One Fine Morning,” Mia Hansen-Løve

Society of Dramatic Authors and Composers Prize: “The Mountain,” Thomas Salvador

Semaine de la critique CRITICS’ WEEK

Nespresso Grand Prize: “La Jauria,” Andres Ramirez Pulido

French Touch Prize: “Aftersun,” Charlotte Wells

GAN Foundation Award for Distribution: Urban Distribution, “The Woodcutter Story”

Louis Roederer Foundation Rising Star Award: Zelda Samson, “Love According to Dalva”

CINÉFONDATION

First Prize: A Conspiracy Man,” Valerio Ferrara

Second Prize: “Somewhere,” Li Jiahe

Third Prize — TIE: “Glorious Revolution,” Masha Novikova AND “Humans Are Dumber When Crammed Up Together,” Laurène Fernandez

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.