fbpx
Connect with us

Latest News

William Hurt addio all’attore Premio Oscar

Hurt, premio Oscar per Il bacio della donna ragno, si è spento a 71 anni

Pubblicato

il

William Hurt  protagonista di primo piano del cinema negli anni ’80 e Premio  Oscar per “Il bacio della donna ragno” del 1985 , è morto per cause naturali. Aveva 71 anni.

Suo figlio Will ha dichiarato:

“È con grande tristezza che la famiglia Hurt piange la scomparsa di William Hurt, amato padre e attore vincitore di un Oscar, il 13 marzo 2022, una settimana prima del suo 72esimo compleanno. Muore serenamente, in famiglia, per cause naturali”. Ansa

Hurt è stato nominato per quattro Oscar nel corso della sua lunga carriera, ottenendo due candidature come miglior attore per “Broadcast News” e “Children of a Lesser God” e come  attore non protagonista per meno di 10 minuti sullo schermo in “A History of Violence“.

È stato uno degli artisti più apprezzati degli anni ’80, diventando una sorta di ‘sex symbol cerebrale’ e una star riluttante al sistema. Hurt è passato poi a ruoli diversi con i  personaggi degli anni ’90 e ha alternato con successo progetti per il grande schermo e la televisione, ottenendo nomination agli Emmy per il suo lavoro in “Damages” e per la sua interpretazione del Segretario al Tesoro Henry Paulson in “Too Big to Fail”.

Più recentemente, Hurt è diventato famoso tra le giovani generazioni di amanti del cinema con il suo ritratto del generale Thaddeus Ross ne  “L’incredibile Hulk“. In seguito ha ripreso il ruolo in “Captain America: Civil War” e “Avengers: Infinity War”, “Avengers: Endgame” e “Black Widow”.

William Hurt

Biografia

William Hurt è nato il 20 marzo 1950 a Washington, DC. .

Alla Juilliard  studia recitazione. Dopo essere apparso sul palco si è assicurato un ruolo da protagonista in “Altered States”, interpretando uno scienziato inquieto nel film insolito di Ken Russell, una voce notevole nel genere del body horror. Ma un anno dopo  raggiunge il successo al fianco di Kathleen Turner in “Body Heat”, un noir sul  tradimento e  sul doppio gioco. Segue un altro ruolo da protagonista in “Gorky Park” e in The Big Chill, Il grande freddo, straordinario  dramma su un gruppo di amici che si riuniscono, una pietra miliare per la generazione di quegli anni.

Tutto ciò ha portato a uno dei periodi di dominio più straordinari mai goduti da una star del cinema. Dal 1986 al 1988, Hurt è stato nominato per tre Oscar consecutivi come miglior attore, vincendo per la sua interpretazione di un vetrinista omosessuale  in “Il bacio della donna ragno” di Hector Babenco.

Roger Ebert, scrivendo sul Chicago Sun Times, ha elogiato il lavoro di Hurt, attribuendogli il merito di aver creato

“… un personaggio completamente diverso da chiunque altro lo abbia mai interpretato – un personaggio teatrale, esagerato e educato – eppure sembra non cercare mai di far effetto .”

Visualizza immagine di origine

 

Seguono nel 1986 Jane Eyre di Franco Zeffirelli,  il suo ruolo (nominato all’Oscar9 nel bellissimo “Children of a Lesser God” (Figli di un Dio minore) con Marlee Matlin e quello in “Broadcast News”, nei panni prima di un insegnante in una scuola per non udenti e di un giornalista affabile e leggermente ottuso poi.  Il successo commerciale e di critica di quei film ha portato Hurt nella lista A, ma non sembrava apprezzare la celebrità.

“Non è giusto che la mia privacy sia invasa nella misura in cui lo è”

Disse Hurt al New York Times durante un’intervista del 1989.

Sono un uomo molto riservato e ho il diritto di esserlo. Non ho mai detto che poiché ero un attore puoi avere la mia privacy, puoi rubare la mia anima. Non puoi.

Forse è stata quell’avversione per la notorietà che ha portato Hurt a non girare alcuni film importanti nel corso della sua carriera come “Jurassic Park” e “Misery”. Il suo tempo sotto i riflettori ha coinciso anche con un periodo di problemi personali per l’attore, durante il quale ha lottato con droghe e alcol.

Ero completamente infelice e, alla fine, ero stato abbastanza infelice, abbastanza a lungo”  dichiarò Hurt al Washington Post nel 1989 , ricordando il tempo prima che andasse in riabilitazione.

William Hurt

Anni 90

Gli anni ’90 si sono rivelati un periodo meno fruttuoso per Hurt professionalmente. Ha ottenuto lodi per il suo lavoro in “The Doctor” , ma altri film come “Second Chances” e “Until the End of the World” non sono riusciti a generare Attenzione.

“Lost in Space” è stato un successo modesto,

È anche apparso nella versione della miniserie TV di “Dune”, in “A.I. Intelligenza Artificiale” e in “The Village” di M. Night Shyamalan.

É  un padre esigente nel cult “Into the Wild” e  un sinistro boss mafioso in “A History of Violence”. Il suo ruolo in quest’ultimo film è diventato iconico.

Figli di un Dio minore con William Hurt 

A History of Violence di David Cronenberg, con Viggo Mortensen

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.