fbpx
Connect with us

Festival dei popoli

Metok, Documentario Spirituale al Festival dei Popoli

Un film che della semplicità fa il suo punto di forza.

Pubblicato

il

Uno degli 80 documentari selezionati per la 62esima rassegna del Festival dei Popoli, qui il programma completo.

Metok: La trama

Metok è una giovane monaca tibetana che studia medicina in India. Il suo viaggio è iniziato quando la madre le chiede di tornare a casa per aiutare una donna a partorire. Tra problemi climatici e soldati lungo il confine, il suo sarà un difficile percorso di scoperta e riscoperta di sé stessa. Questa la premessa di Martin Solà, regista ed insegnante argentino, qui alle prese con un documentario non facile. Una pellicola spirituale e ambiziosa, in proiezione al Festival dei Popoli 2021.

Ritmo austero e meditativo

Il film inizia a schermo nero, con il rumore del vento. Arriva la protagonista, e poi si ritorna allo schermo nero. Fin dai primi minuti comprendiamo che questa è una scelta stilistica che durerà  fino alla fine della pellicola. Il nero divide le sequenze del film, scandisce il ritmo e valorizza i dialoghi, i suoni.
Il film è lento, molto lento e non sempre cattura abbastanza per farci godere di questi tempi.
I dialoghi, quei pochi presenti, hanno sempre un nonsoché di artificioso: incredibilmente didascalici e discorsivi, ci fanno dubitare se siano veramente frutto della realtà o dell’invenzione del regista.

Immagini che catturano

La fotografia e le scelte registiche sono di tutto rispetto. Nulla di eccezionalmente ardito, ma funzionano e rendono la visione piacevole. Il regista lavora sempre con pochi funzionali soggetti; quanto basta per farci immergere nell’atmosfera delle diverse situazioni. Il nostro sguardo è quasi sempre fisso sulla protagonista o pochi altri selezionati personaggi e sta a noi ricostruire l’ambiente attorno a loro. É un film che lavora di sottrazione e che ricerca la contemplazione. Una poesia  nello sguardo della protagonista, nei paesaggi fotografati a camera fissa o nelle lunghe sequenze di viaggio.

E il contenuto?

Il documentario vuole inserirsi nella categoria di quegli ormai sempre più rari film “poetici”.  E in Metok la poesia, come abbiamo detto, c’è. Questo però forse non basta, perché lo spettatore in un film del genere si aspetta tendenzialmente che venga detto qualcosa di filosoficamente rilevante o che succeda qualcosa. Né uno né l’altro purtroppo: in Metok non si va oltre la premessa narrativa del film. É un viaggio verso una meta e, una volta raggiunta, il film finisce, lasciandoci ben poco su cui riflettere.

Metok , che non è un film per tutti,  si perde facilmente. Il suo pregio principale è l’ambizione di voler ancora credere in un cinema fatto di poesia, ritmi lenti e immagini che cercano altro, una dimensione spirituale maggiore.

Questo e altri documentari sono presenti al Festival dei Popoli, qui la nostra intervista al direttore.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Metok

  • Anno: 2021
  • Durata: 61 minuti
  • Genere: Documentario
  • Nazionalita: Italia, Argentina
  • Regia: Martin Solà
Commenta