fbpx
Connect with us

Latest News

Shyamalan sarà il presidente di giuria del prossimo Berlinale

Publicato

il

shyamalan

M.Night Shyamalan sarà il presidente della giuria del rinomato Festival di Berlino, che giungerà l’anno prossimo alla settantaduesima edizione.

Il regista di origine indiane è uscito recentemente con il thriller metafisico Old, riuscendo a sbancare i botteghini. Negli scorsi anni è riuscito a conquistare pubblico e critica grazie ai film Split e Glass, secondo e terzo film di una ideale trilogia supereroistica, iniziata quindici anni prima con Unbreakable.
Shyamalan, inoltre, si è sempre ispirato al cinema del maestro del brivido Alfred Hitchcock, omaggiandone i modi, lo stile e le soluzioni di regia; imitando anche il gesto di esibirsi in un piccolo cameo in ogni sua opera.

È notizia attuale che, M.Night Shyamalan, sia stato invitato da Carlo Chatrian per comparire come presidente della giuria della prossima edizione del Festival di Berlino, che si svolgerà dal 10 al 20 febbraio del 2022.

shyamalan

“Shyamalan è una figura unica”

Carlo Chatrian, direttore artistico della settantaduesima edizione del Festival di Berlino, ha dichiarato:

“Sono felice e onorato che M. Night Shyamalan abbia accettato il nostro invito come presidente di giuria. Nel corso della sua carriera ha creato un universo in cui paura e desiderio convivono e in cui i giovani sono non solo protagonisti ma anche forza trainante delle azioni. All’interno dell’industria cinematografica americana Shyamalan è una figura unica, un autore rimasto sempre fedele alla sua visione. Questa sincerità nei confronti di un ideale è anche ciò che stiamo cercando nella nostra selezione per quest’anno”.

Rispondendo alle parole di Chatrial, il regista di Old, ha manifestato una immensa gioia:

“Mi sono sempre sentito un autore indipendente all’interno del sistema di Hollywood. Sono proprio queste sensazioni altre e iconoclaste che definiscono la nostra voce. Ho cercato di mantenerle sempre presenti e di proteggere anche negli altri questi aspetti artistici. Avere ricevuto questo invito da parte della Berlinale significa molto per me. Rappresenta il massimo riconoscimento per un regista. Poter supportare e celebrare i migliori talenti narrativi del mondo è un dono che accetto con gioia”.

 

 

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Commenta