fbpx
Connect with us

DIRETTE EVENTI & FESTIVALS

Oscar 2022: iniziano le selezioni per il film straniero

Annunciati da alcuni paesi i film scelti come candidati agli Oscar per il miglior film straniero

Publicato

il

oscar 2022

Taiwan ha selezionato per gli Oscar 2022  il dramma  di Chung Mong-hongThe Falls” come contendente nella gara internazionale di lungometraggi ai 94th Academy Awards. È la terza volta che un film di Chung rappresenta Taiwan.

Nella gara 2019-2020 Taiwan aveva selezionato il dramma familiare di ChungA Sun“, che è stato mantenuto nella rosa dei candidati agli Oscar, ma alla fine non ha ricevuto una nomination.

“The Falls” è stato presentato in anteprima nella sezione Horizons al Festival del cinema di Venezia del mese scorso, seguito da un’apparizione al Toronto International Film Festival. Nei giorni scorsi ha ricevuto 11 nomination alla 58esima edizione dei Golden Horse Awards, tra cui quella per il miglior lungometraggio e due per la migliore attrice per le sue protagoniste femminili.

Ambientato sullo sfondo della pandemia di COVID-19, “The Falls”, con Gingle Wang (“Detention”) e Alyssa Chia (“The World Between Us”), descrive come un’inaspettata quarantena domestica può mettere a dura prova una relazione tra una madre e una figlia in una direzione diversa.

“Per me, questo film non riguarda la pandemia o il virus”, aveva detto Chung in precedenza a Variety. “La pandemia è solo uno sfondo. Voglio fare un film sulla ricerca di qualcosa che abbiamo perso o dimenticato da tempo, come la fiducia, la tolleranza. Quelle cose veramente buone e preziose nella vita che sono scomparse”.

Nato a Taiwan nel 1965, Chung ha esordito nel 2006 con il documentario “The Doctor”. Il suo primo lungometraggio drammatico “Parking” è uscito nel 2008, seguito da “The Fourth Portrait” (2010), “Soul” (2013) e “Godspeed” (2016). “Soul” è stato il primo film di Chung a rappresentare Taiwan agli Oscar.

 

Oscar 2022 Miglior Film straniero:

oscar 2022

A partire in pole position, almeno stando alla ricezione del pubblico e della critica, è il film norvegese The Worst Person in the World di Joachim Trier, già vincitore al Festival di Cannes del premio alla miglior attrice (Renate Reinsve), presentato poi in anteprima nordamericana al Toronto International Film Festival e al New York Film Festival con enorme successo di pubblico. Sarà lui il formidabile favorito agli Oscar 2022 il prossimo anno?

Sempre da Cannes è lecito aspettarsi grandi soddisfazioni agli Oscar 2022 anche per A Hero (premio della Giuria ex-aequo con Memoria), il nuovo film scritto e diretto da Asghar Farhadi (già premio Oscar per Una separazione e Il cliente) e Drive My Car di Ryusuke Hamaguchi (premio alla sceneggiatura), rispettivamente a rappresentare l’Iran e il Giappone, salvo differenti decisioni delle rispettive commissioni nazionali.

Non mancherà di farsi sentire la presenza dell’Italia con l’acclamatissimo È stata la mano di Dio, film scritto e diretto da Paolo Sorrentino vincitore alla 78° Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia del Gran Premio della Giuria, salvo scelte differenti in seno alla commissione annuale indetta dall’ANICA. Dopo la Norvegia e l’Italia, la presenza del cinema europeo nell’ipotetica cinquina degli Oscar potrebbe però includere anche la Francia, la Germania e la Spagna.

oscar 2022

Caso curioso quello della Francia, che dovrà scegliere tra due titoli tra i più premiati dell’anno: la Palma d’Oro al Festival di Cannes Titane di Julia Ducournau e il Leone d’Oro a Venezia L’événement di Audrey Diwan: quale dei due avrà più chance di passare il giudizio della commissione francese?

Oscar 2022

Ecco le scelte sicure degli altri paesi

UNGHERIA

Il film horror d’epoca di Péter BergendyPost Mortem” è stato selezionato per rappresentare l’Ungheria nella gara internazionale di lungometraggi della 94a edizione degli Academy Awards. Il film racconta la storia soprannaturale di un fotografo post mortem e una giovane ragazza che affrontano i fantasmi in un villaggio infestato dopo la prima guerra mondiale.

 

Post Mortem” è stato presentato in anteprima ai festival cinematografici di Varsavia e Sitges l’anno scorso ed è stato proiettato in più di 20 festival di genere. Il film ha vinto premi ai festival di genere di Trieste, Fantasporto, Sombra e Parma ed è stato il vincitore degli Hungarian Motion Picture Awards di quest’anno per la fotografia, il montaggio, la scenografia e il trucco.

I produttori del film sono Tamás Lajos e Ábel Köves di Szupermodern Stúdió. La storia era di Bergendy e Gábor Hellebrandt, e la sceneggiatura è stata scritta da Piros Zánkay.

Il film è basato sul romanzo di Donal Ryan “The Thing About December”. Nel cast anche Fionnuala Flaherty (“An Klondike”) e Cillian O’Gairbhí (“Blood”).

SOMALIA

The Gravedigger’s Wife”, il dramma di Khadar Ahmed che ha debuttato alla Settimana della Critica di Cannes, è stato scelto come prima presentazione ufficiale dalla Somalia agli Oscar.

Il film, diretto da Khadar Ayderus Ahmed, è stato ispirato da una tragedia personale avvenuta nella famiglia del regista 10 anni fa a Helsinki, e segue un becchino (Omar Abdi) e padre di famiglia che vive nella periferia della città di Gibuti che parte per salvare sua moglie che ha bisogno di un intervento chirurgico costoso. È stato prodotto da Misha Jaari, Mark Lwoff e Risto Nikkilä alla Bufo di Helsinki.

“The Gravedigger’s Wife” sarà proiettato al BFI London Film Festival in ottobre prima della sua prima negli Stati Uniti al Chicago International Film Festival. Il film sarà poi presentato in anteprima africana al Pan-African Film and Television Festival di Ouagadougou in Burkina Faso.

COREA DEL SUD

La Corea del Sud ha selezionato il dramma d’azione “Escape From Mogadiscio” come concorrente.

Diretto da Ryoo Seung-wan, “Escape From Mogadiscio è basato su eventi reali degli anni ’90, quando diplomatici normalmente antagonisti della Corea del Nord e del Sud hanno unito le forze per sfuggire alla guerra civile in Somalia.

È il film con il maggior incasso dell’anno, locale o internazionale, con un incasso di 28,9 milioni di dollari.

Il Korean Film Council, che ha annunciato la selezione, ha dichiarato di aver scelto “Mogadiscio” da una rosa di sei film. L’anno scorso il film coreano “Parasite” ha vinto la categoria dei lungometraggi internazionali e un totale di quattro Oscar, incluso il miglior film.

SPAGNA

La Spagna ha scelto Javier Bardem, interprete di “The Good Boss”, come suo aspirante nella categoria degli Oscar.

Diretto da Fernando León de Aranoa,The Good Boss” (alias “El Buen Patron“) è la storia di un produttore di bilance industriali che si affretta a cercare di risolvere i problemi dei suoi lavoratori prima di una visita in fabbrica da parte di un comitato di premi.

the Good Boss oscar

Di recente è stato presentato in anteprima mondiale al San Sebastian Film Festival, seguito da un’apparizione al festival di Zurigo la scorsa settimana. Godrà del suo debutto commerciale alla fine di questo mese in Spagna (15 ottobre). La sua selezione è stata una grande sorpresa poiché “Parallel Mothers” di Pedro Almodóvar, che ha debuttato il mese scorso come titolo di apertura del Festival del cinema di Venezia, era  il favorito per competere agli Oscar.

CANADA

Il Canada ha annunciato che “Drunken Birds” [a.k.a. “Les Oiseaux Ivres], del regista e co-sceneggiatore Ivan Grbovic e della co-sceneggiatrice Sara Mishara, ne sarà il portabandiera.

Il film è stato presentato in anteprima il mese scorso nella sezione Platform del Toronto Film Festival. Telefilm Canada, che ha annunciato la selezione, ha affermato che “Birds” era il film canadese “con le migliori possibilità di essere nominato per questo prestigioso premio“.

“È un film con cui abbiamo voluto celebrare il potere del cinema, accompagnando il pubblico in un viaggio attraverso la bellezza, l’assurdità e l’ingiustizia della nostra vita di oggi. Vorremmo condividere questo onore con il resto della troupe cinematografica, ma anche con i lavoratori stagionali che lasciano le loro famiglie ogni anno per migliorare la loro vita“, ha detto Grbovic a nome suo e di Mishara.

KIRGHIZISTAN

“Shambala”, scritto e diretto da Artykpai Suyundukov, è stato recentemente selezionato come voce del Kirghizistan. Il film è il ritratto di un ragazzo che vive con la sua famiglia in una foresta di montagna protetta, il cui mondo infantile di miti e leggende inizia a scontrarsi con la dura realtà del mondo degli adulti.

Il film è basato sulla novella di Chingiz Aitmatov “La nave bianca” ed è stato sviluppato da Suyundukov nel corso di 40 anni. È stato prodotto dal National Film Studio Kyrgyzfilm in collaborazione con Aitysh Film.

È stato presentato in anteprima allo Shanghai Film Festival.

IRLANDA

Come riportato in precedenza, “Shelter” di Seán Breathnach è stato scelto dall’Irish Film and Television Academy come concorrente irlandese nella corsa per l’Oscar per il lungometraggio internazionale.

“Shelter”, intitolato “Foscadh” in irlandese, segue la storia di John Cunliffe, un recluso iperprotetto che deve imparare a navigare nel mondo all’età di 28 anni dopo la morte dei suoi genitori. Senza amici e ingenuo, Cunliffe, interpretato da Dónall Ó Héalai (“Arracht”), deve anche imparare a gestire la fiducia e la vendetta poiché scopre che l’eredità della sua terra di montagna è un ostacolo

“Shelter” è stato prodotto da Paddy Hayes (“Cumar: A Galway Rhapsody”).

Shelter

GERMANIA

La commedia romantica di Maria Schrader “I’m Your Man” (“Ich Bin Dein Mensch”) è stata selezionata come concorrente tedesco per l’Oscar.

La premessa del film è quella di una scienziata che, per ottenere fondi per la ricerca, accetta di vivere per tre settimane con un robot umanoide appositamente progettato per la sua felicità.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale all’inizio di quest’anno alla Berlinale, dove la star Maren Eggert ha vinto l’Orso d’argento per la sua interpretazione.

Il film è stato presentato in anteprima nordamericana al Toronto Film Festival.

Ai German Film Prizes, “I’m Your Man” è stato nominato in cinque categorie: film, regia, sceneggiatura (Schrader e Jan Schomburg), attrice (Eggert) e attore (Dan Stevens).

Im Your Man trionfa ai German Film Awards

Candidature per gli Oscar 2022

Cambogia: “Edificio Bianco” dir. Kavich Neang.

Canada: “Uccelli ubriachi” dir. Ivan Grbovic.

Ecuador: “Sommergibile” dir. Alfredo Leon Leon

Germania: “I’m Your Man” dir. Maria Schrader

Ungheria: “Post Mortem” dir. Peter Bergendy

Irlanda: “Rifugio” dir. Seán Breathnach

Kosovo: “Hive” dir. Blerta Basholli

Kirghizistan: “Shambala”, dir. Artykpai Suyundukov

Marocco: “Casablanca Beats” dir. Nabil Ayouch

Polonia: “Non lasciare tracce” dir. Jan P. Matuszynski

Serbia: “Oasis” dir. Ivan Ikic

Corea del Sud: “Fuga da Mogadiscio” dir. Ryoo Seung-wan.

Spagna: “The Good Boss” dir. Fernando de Leon Aranoa.

Svizzera: “Olga” dir. Elie Grappe

Taiwan The Falls” dir Chung Mong-hong.

La shortlist completa degli Oscar 2022 sarà annunciata il 21 dicembre.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.