fbpx
Connect with us

FESTIVAL DI CINEMA

A ‘Europa’ di Haider Rashid il Nastro della legalità 2021

Il riconoscimento dei Giornalisti Cinematografici Italiani al cinema d’impegno civile

Pubblicato

il

Europa Haider Rashid

Al film Europa di Haider Rashid va il Nastro della legalità 2021 assegnato dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, in sinergia con il Festival Trame, a quelle opere che si distinguono per l’impegno civile e la denuncia delle illegalità.

Il Festival Trame, la cui 10a edizione si è appena conclusa a Lamezia Terme, è dedicato all’editoria che tratta il tema delle mafie.

Il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani, che ogni anno assegna i. Nastri d’Argento, aveva già designato Europa come Film della Critica 2021 e alla Quinzaine Des Réalisateurs di Cannes 2021 il film ha vinto il Premio della Critica internazionale Beatrice Sartori Award.

Dal 2 settembre 2021 Europa di Haider Rashid è nelle sale italiane distribuito da. I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection.

Europa è la cronaca del difficile viaggio di un giovane iracheno, Kamal, che sta entrando in Europa a piedi, attraverso la frontiera tra Turchia e Bulgaria. Il giovane viene catturato dalla polizia di frontiera bulgara. Riesce a scappare e cerca una via di salvezza in un’interminabile foresta dove anche la natura è nemica. Una drammatica, avvincente, coraggiosa fuga attraverso luoghi inospitali e pericolosi, in cui il ragazzo lotta per la sopravvivenza lungo la ‘rotta balcanica’. Una coinvolgente riflessione sulla violenza che sigla mille storie di chi cerca disperatamente accoglienza e pace verso la serenità di un rifugio in Europa.

Così Laura Delli Colli, presidente del SNGCI:

«Il Premio a Europa ci ricorda che il cinema non vive solo di leggerezza, di red carpet e riflettori sullo star system. Come insegnano i maestri – e come dimostra il coraggio di tanti piccoli film spesso indipendenti – rende il cinema specchio della società e insieme strumento di denuncia sociale e di crescita civile. Proprio come accade in Europa. E come dev’essere il lavoro di un buon cronista».

Haider Rashid, nato a Fiesole da madre italiana e padre iracheno e cresciuto a Firenze, ha già firmato fin dai cortometraggi opere di forte sensibilità ai temi dell’immigrazione. É autore di un cinema che unisce la militanza alla capacità di raccontare storie con un taglio fortemente emotivo. Suoi anche il film drammatico Sta per Piovere e il documentario No borders.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.