fbpx
Connect with us

ANTICIPAZIONI

‘She said’, il caso Weinstein diventa un film

Tratto dal libro di due reporter del NYT sarà interpretato da Carey Mulligan e Zoe Kazan

Publicato

il

Stanno per concludersi le trattative tra la Universal Pictures e le attrici Carey Mulligan (Una donna promettente) e Zoe Kazan (The Deuce)  per i ruoli principali in un film di prossima produzione dal titolo She said. Il film è basato sulle indagini delle inviate del New York Times Megan Twohey e. Jodi Kantor sulle molestie sessuali del magnate hollywoodiano Harvey Weinstein, perpetrate su molte attrici coinvolte in ruoli di film prodotti dalla Weinstein Company. Tali rivelazioni, raccolte successivamente in un libro (She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement), hanno dato vita alle denunce del movimento #MeeToo e hanno fatto muovere la magistratura che ha condannato Weinstein a 23 anni di carcere. Mulligan e Kazan interpreteranno le due giornaliste del New York Times.

She said Weinstein

She said si concentrerà sul lavoro delle reporter Twohey e Kantor per scoprire le numerose accuse contro Weinstein. Molestie sessuali, aggressioni e ricatti nell’arco di diversi decenni, da parte del presidente della Weinstein Company che alla fine è stato condannato a 23 anni di carcere.

La realizzazione del film si annuncia tutta a guida femminile. A dirigere sarà Maria Schrader, vincitrice di un Emmy per la miniserie Netflix Unorthodox. A scrivere la sceneggiatura Rebecca Lenkiewicz, che ha anche scritto Ida, film vincitore di Oscar, EFA e BAFTA nel 2015. La produzione dovrebbe iniziare questa estate.

Leggi anche Condanna a 23 anni di carcere per Harvey Weinstein, il celebre produttore cinematografico

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.