fbpx
Connect with us

Documentari

Users di Natalia Almada : a Visions du réel uno sguardo oltre l’ignoto

In un'intervista a Variety la regista parla del suo film documento su come l'umanità sia diventata "utenza" e sui margini da non superare.

Publicato

il

users

Natalia Almada, che quest’anno ha vinto il premio come miglior regista al Sundance per il suo affascinante film Users, è ansiosa di continuare il viaggio cinematografico che ha iniziato  con l’intenzione di esplorare i confini della resistenza umana e il desiderio di scoprire l’ignoto.

Users, proiettato al Copenhagen Documentary Film Festival (CPH: DOX) e al Festival Visions du Réel in Svizzera, è un saggio visivo sulla tecnologia e il progresso, il loro impatto spesso disastroso sul mondo, le meraviglie della natura e le domande su cosa potrebbe riservare il futuro. È anche una lettera cinematografica ai suoi figli.

Users Trama

Natalia Almada cattura la spietata locomozione della tecnologia. La sua cinepresa vola con una velocità feroce accanto a  jet, treni, camion e cavi sottomarini che trasportano dati alla velocità della luce. Ma proprio come il suo obiettivo documenta il potere della frenetica invenzione umana, così si tuffa nella più grande concorrente esistenziale della tecnologia: oceani in aumento, incendi scoppiettanti, cime di montagne bruciate – un pianeta in guerra con il cosiddetto progresso sociale.

Al centro di questa tempesta, il giovane figlio di Almada fissa senza domande lo schermo del suo computer e viene cullato nel sonno da una culla elettronica a ritmo continuo. È placato da forze al di fuori dell’influenza di Almada o, del resto, di qualsiasi genitore. (dal Sundance Festival 2021)

Con un trascendente lavoro di ripresa che scruta gli organi interni di un pianeta tecnologicamente dipendente, gli utenti sono meravigliati e temono per un mondo in cui un bambino non solo è a rischio a causa del riscaldamento della Terra, ma arriva a fidarsi di un custode artificiale perfettamente costruito sulla madre biologica.

Diventare madre è stata una delle ispirazioni dietro il film: esaminare i cambiamenti che ha portato alla mia vita e il modo in cui mi ha fatto guardare il mondo in modo diverso,

dice Almada a Variety.

Avendo trascorso gran parte della sua infanzia crescendo in una fattoria a Sinaloa, in Messico, non avrebbe mai immaginato di avere figli nella Silicon Valley californiana, dove vive con il marito Dave Cerf, che ha anche lavorato a “Users” come compositore e sound designer.

“Users” è il primo film di Almada non realizzato in Messico e, sebbene non ci siano molti dialoghi, è anche il suo primo film in inglese.

Anche se la regista aveva già girato lei stessa tutti i suoi precedenti documentari, in “Users” ha collaborato con suo cognato, il direttore della fotografia Bennett Cerf,

“È fantastico nel muovere la fotocamera e nel fare cose che non avrei mai fatto da solo”, dice. “Mi ha davvero incoraggiato.”

Almada è stata incoraggiata ad accettare il progetto impegnativo dopo aver realizzato il suo primo lungometraggio , il pluripremiato “Todo lo demás” (“Tutto il resto”).

Penso che fare film mi abbia portato via ogni paura che potevo avere, quindi improvvisamente ho avuto questo senso di possibilità in termini di ciò che posso fare con l’immagine

Tra i tanti temi che Almada esplora in Users:

 il paesaggio e l’ambiente sono di particolare importanza.

Ricorda come suo nonno a Sinaloa costruì il primo sistema di irrigazione della regione.

“Avrebbero pensato, ‘Abbiamo creato una terra che era verde secco.’ E questo sarebbe stato pensato come progresso, incredibile e vita”. Eppure forse non è stato tutto fantastico, aggiunge. “Forse ha avuto un impatto ambientale negativo. Potresti pensare lo stesso dei pesticidi. Arrivano i pesticidi ed è la cura. Ci ha permesso di fare qualcosa che non potevamo fare e le persone non prevedevano che potesse essere dannoso in alcun modo.

C’è qualcosa nella Central Valley [della California] che mi ricorda Sinaloa. Vedi queste aree molto verdi e piene di vita che non dovrebbero essere così. Allora pensi, da dove viene quell’acqua? E poi guardando quei paesaggi ricoperti di pannelli solari. Ancora una volta, pensi che sia fantastico, fantastico. Abbiamo bisogno di energia rinnovabile, ma è questo il nostro nuovo panorama? “Non si tratta di stabilire se “sia giusto o sbagliato, ma di ambiguità“.

Users: quell’ambiguità è anche al centro del film di Almada, le cui immagini sono spesso belle e terrificanti allo stesso tempo.

Da un lato abbiamo questo progresso e risolviamo i problemi, siamo inventivi e c’è immaginazione. La tecnologia rappresenta gran parte della cosa straordinaria dell’umanità e di ciò che possiamo fare.

E poi c’è anche questo tipo di umiltà che dobbiamo avere, nel senso che non sempre prevediamo quali potrebbero essere le conseguenze. Alcune forze sono più grandi di noi. La forza degli incendi: non possiamo sconfiggere gli incendi. Come negoziamo queste cose e teniamo insieme quelle cose contraddittorie e come pensiamo su di esse ed entrambi creiamo responsabilmente le nuove tecnologie, e anche consumiamo responsabilmente? “

Almada è pronta a continuare la sua esplorazione visiva dell’ambiente e il desiderio umano di scoprire e spingere i limiti nel suo prossimo progetto. Ha anche in programma di continuare la sua collaborazione con Bennet, Dave e Kronos.È una grande sfida mentale lavorare su un film come questo. C’è qualcosa in questo che penso di voler spingere oltre. “

Ho osservato i margini delle cose, i limiti, molto intorno all’ambiente. Mi sono interessata allo spazio e alla Fossa delle Marianne, e anche ai corridori a piedi nudi di Tarahumara e ai sommozzatori, spingendomi ai limiti di ciò che sappiamo è possibile “.

Pensando di nuovo ai suoi figli e al futuro, chiede:

Cosa dovranno scoprire ancora?

fonte Variety

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Users

    Commenta