fbpx
Connect with us

Sky Serie Tv

‘The Nevers’ ecco la serie di Joss Whedon su Sky Atlantic

Disponibile dal 19 aprile in italiano su Sky Atlantic, The Nevers è il nuovo progetto fantasy firmato da Joss Whedon, ambientato nella Londra vittoriana e incentrato su un gruppo di metaumani. Nel cast James Norton, Olivia Williams e Ben Chaplin.

Pubblicato

il

Si intitola The Nevers la nuova serie che porta la firma di Joss Whedon. Archiviate – almeno per il momento – le accuse a suo carico da parte di alcuni attori con cui ha lavorato, Whedon ricopre il ruolo di showrunner, regista e produttore esecutivo.

Il progetto è stato anche al centro di una querelle per i diritti, che ha coinvolto Netflix e la HBO. In Italia tra l’11 e il 12 aprile Sky Atlantic inizia a proporla in versione originale con i sottotitoli, in contemporanea con la programmazione statunitense. Dal 19 aprile è invece disponibile in italiano.

The Nevers | La trama

Nella Londra vittoriana, avviene qualcosa fuori dall’umana comprensione, ma dalle conseguenze importanti. Un gruppo di persone, per la maggior parte donne, viene infatti investito di poteri sovrannaturali. I “toccati” sono metaumani, che si ritrovano a gestire abilità tra le più disparate. Alcune utili in varia misura, altre pericolose anche per chi le possiede.

Nel frattempo c’è chi vuole eliminare questa nuova specie in circolazione. A guidare i “toccati” ci saranno una vedova di nome Amalia True (Laura Donnelly qui il profilo Instagram dell’attrice), direttrice dell’orfanotrofio che ospita i metaumani, e la giovane Penance Adair (Ann Skelly), un’inventrice dalle idee innovative e anticonvenzionali.

The Nevers serie

La missione dei “toccati” diventerà fondamentale per l’umanità intera. Un po’ come accadeva sul finale di Buffy – L’ammazzavampiri, altro storico e celebre progetto creato da Joss Whedon.

Il cast tra star del piccolo e grande schermo

Protagonisti dello show troviamo alcune star del piccolo schermo come la Donnelly, già apprezzata in Outlander, dove vestiva i panni di Jenny Fraser, Tom Riley, il Leonardo di Da Vinci’s Demons, Pip Torrens, visto in The Crown (qui la recensione della quarta stagione), Preacher Poldark. Da quest’ultimo proviene anche Eleanor Tomlinson, mentre Amy Manson era Merida in C’era una volta.

Completano il cast nomi probabilmente più noti nell’ambiente, che hanno alternato apparizioni sul piccolo e grande schermo: James Norton si è fatto conoscere con Grantchester ed è stato diretto da Greta Gerwig in Piccole donneDenis O’Hare è una presenza fissa di American Horror Story e tra i suoi ultimi progetti cinematografici c’è Il cardellino (qui il trailer del film).

Infine compaiono, in percentuale differente, tre big quali Olivia Williams – con cui Whedon aveva già collaborato in Dollhouse – Ben Chaplin e Nick Frost.

Tra Jack lo Squartatore, Jules Verne e James Bond

Una musica classica e suggestiva immerge perfettamente lo spettatore nel clima della serie. Mentre il rombo dei tuoni in lontananza anticipa l’evento che cambierà tutto.

Le vicende prendono infatti avvio tre anni dopo, quando Amalia e Penance hanno ormai messo su una sorta di gang tutta al femminile. Le due hanno come obiettivo quello di rintracciare altri “toccati” e di invitarli nell’orfanotrofio.

All’interno dell’istituto si è venuto infatti a creare un piccolo microcosmo che sa tanto di famiglia. Ciascuno ha un suo ruolo e una sua attività da mandare avanti.

Essere “toccati” non è una debolezza.

Ecco allora che The Nevers dissemina qui e là riferimenti ai precedenti lavori di Whedon, oltre che a opere tra le più variegate. Tra Jack lo Squartatore, Jules Verne e James Bond ce ne è davvero per tutti i gusti!

La Londra del 1896 tra potere e intolleranza

Eppure a farla da padrone è chiaramente l’elemento femminile. Nella sua individualità come nel gruppo. Da Buffy e Faith, sino ad arrivare ad Amalia e Penance, la strada è piuttosto lunga. Nel percorso Whedon ha raccolto e attinto a tante realtà.

Il 1896 londinese viene così elaborato sin nei minimi dettagli, arricchito da quel tocco fantasy fondamentale nell’ottica di originalità e successo. La Gran Bretagna è in pieno sviluppo, ma la società al suo interno è divisa. C’è chi detiene il potere, temendo le spinte esterne, e chi ambisce semplicemente a essere riconosciuto in quanto parte del tessuto sociale.

Il femminismo, l’immigrazione, l’intolleranza sono solo alcuni degli argomenti accennati nel primo episodio The Nevers. Non può che far presagire bene.

The Nevers | Potenzialità eccezionali

Le protagoniste sono figlie dei loro tempi, senza dubbio. Ne rispecchiano gli atteggiamenti, le caratteristiche, le tendenze innovatrici.

Amalia guida e protegge alcune di loro, tenendo saldamente le redini dell’orfanotrofio e facendosi spesso carico di responsabilità non sue. È colei a cui guardano come leader, amica, confidente, ancora di salvezza. Che si tratti di fuggire da un nemico, dalla povertà o dalla solitudine.

Nelle avversità sei ingestibile, ma nella buona sorte sei inarrestabile.

Al fianco di queste donne che definire badass appare un eufemismo – basti vedere qualche combattimento con tanto di ombrello o metro da sarta per rendersene conto – un ristretto numero di uomini.

The Nevers serie

Anche in tal caso però, è la varietà ad essere messa in risalto: c’è il lord pansessuale e traffichino (Norton), l’ornitologo timido e vessato dalla sorella (Riley), il politico conservatore e ferito nel profondo (Torrens), il medico devoto alla causa (e segretamente innamorato, interpretato da Zackary Momoh). Seppur banalizzato, il discorso mostra delle potenzialità eccezionali. In sei episodi tutto, o quasi, può accadere.

Dalla scrittura al montaggio, grandi professionisti al lavoro

La scrittura funge ovviamente da base su cui costruire, modulare, rifinire. Evidente come dietro la macchina da scrivere si siano sedute personalità capaci e attente, mosse dalla passione e dall’arguzia. A supporto, imprescindibile da qualsivoglia punto di vista la si osservi, un team di registi di grande mestiere.

Il montaggio ha infine un ruolo cruciale per la riuscita del progetto, non solo per fornire continuità e coerenza, quanto soprattutto per dare spessore a ogni singola situazione. L’intrattenimento sale di livello, facendo dimenticare che si tratta di un prodotto per il piccolo schermo e trasportando il pubblico in un universo altro, magico, esperienziale, indelebile.

*Qui il trailer dell’attesa serie The Nevers.

*Salve sono Sabrina, se volete leggere altri miei articoli cliccate qui.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

  • Anno: 2021
  • Durata: 1 stagione
  • Distribuzione: Sky Atlantic
  • Data di uscita: 11-April-2021