fbpx
Connect with us

VIDEODRHOME

Bride of Re-Animator – Re-Animator 2 in limited edition a doppio blu-ray

Koch Media arricchisce ulteriormente la collana Midnight Classics lanciando in limited edition a doppio blu-ray Bride of Re-Animator – Re-Animator 2, diretto da Brian Yuzna.

Publicato

il

Dopo Re-Animator di Stuart Gordon, Koch Media arricchisce ulteriormente la collana Midnight Classics lanciando in limited edition a doppio blu-ray Bride of Re-Animator – Re-Animator 2. Un’esclusiva Amazon che, con booklet e una card da collezione inclusi nella splendida confezione cartonata, rende pienamente giustizia al ritorno di Herbert West sullo schermo. L’Herbert West che, magnificamente incarnato da Jeffrey Combs, nacque dalla penna del visionario Howard Phillips Lovecraft. L’Herbert West che, deciso ad approfondire le proprie ricerche relative ad un misterioso siero capace di resuscitare i morti, conoscemmo nella Miskatonic Medical School. Struttura che fu il teatro dell’impressionante massacro zombesco che ha giustamente trasformato Re-Animator in un classico dello splatter anni Ottanta.

Classico di cui questa continuazione datata 1989 viene proposta in due diverse versioni, ciascuna sita su un singolo disco: unrated e r-rated. Versioni da master approvati e certificati dal regista Brian Yuzna, che del capostipite fu produttore.

Versioni che, in ogni caso, differenziano soltanto di qualche secondo l’una dall’altra, mantenendo entrambi la durata di quasi novantasette minuti. Portandoci, quindi, a qualche mese dopo il citato massacro, con West e l’assistente Dan alias Bruce Abbott in Perù, durante una guerra civile. Prima che si ritorni nel Massachusetts, dove, all’interno di un’abitazione confinante con una cripta, proseguono gli assurdi esperimenti westiani. Perché la novità alla base di Bride of Re-Animator – Re-Animator 2 consiste nella scoperta di poter rianimare parti umane indipendenti dal cervello. Grazie a ricerche effettuate sul liquido amniotico dell’iguana. Una scoperta che porta l’antieroe protagonista a decidere di progettare la donna perfetta, costituita da organi appartenenti a diversi cadaveri.

Donna perfetta in cui inserire il cuore di Meg, fidanzata defunta di Dan, che ebbe in Re-Animator le fattezze della qui assente Barbara Crampton. Ed è da questa idea che, di conseguenza, Yuzna concretizza il proprio personale omaggio a La moglie di Frankenstein, capolavoro diretto nel 1931 da James Whale. Man mano che la creatura prende forma e che assistiamo anche ai rapporti con l’altro sesso intrattenuti da Dan. Affettuoso con una paziente malata terminale dal volto di Kathleen Kinmont, amoroso con la bella Francesca incarnata dalla Fabiana Udenio poi vista nel primo Austin Powers.

Ma anche man mano che un poliziotto indaga sulle imprese di West e che fa ritorno la testa del dottor Hill, decapitato nel primo film.

Testa ancora parlante e che viene stavolta perfino fornita di ali di pipistrello che la rendono svolazzante. Rientrando tra le bizzarre idee che finiscono per rappresentare il vero punto di forza di Bride of Re-Animator – Re-Animator 2, non poco intriso d’ironia. Insieme ad un autentico campionario di “sculture umane” comprendenti nel mucchio anche una sorta di ragno costituito da un bulbo oculare cucito ad alcune dita. Senza contare il cane provvisto di mano al posto di una zampa. Campionario concepito dall’eccellente team di effettisti, anche intervistati per quattordici minuti in uno degli extra dispensati dal disco unrated. Extra annoveranti, inoltre, il trailer originale, due scene tagliate, ventiquattro minuti di making of e quasi dieci in cui Yuzna ricorda la genesi della pellicola. Accanto a tre commenti audio: uno di Yuzna; uno dello stesso affiancato da Combs e da Thomas Rainone, responsabile degli effetti speciali; uno di Combs e Abbott. Quattordici minuti di dietro le quinte dell’epoca e quarantotto di intervista attuale al regista, invece, accompagnano la versione r-rated nella sezione riservata ai contenuti speciali.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.