fbpx
Connect with us

Latest News

High Life di Claire Denis designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani

Publicato

il

High Life di Claire Denis, distribuito dalla Movies Inspired, è stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani SNCCI con la seguente motivazione: “Una prigione orbitante nello spazio. Una microsocietà divisa per mansioni e generi. Claire Denis racconta la fine dell’umanità all’alba della mutazione definitiva. Autrice che ama reinventare costantemente il suo cinema, muovendosi con suprema disinvoltura nei generi, firma un apologo fantascientifico nerissimo e sensuale, erotico e politico. High Life è il cinema contemporaneo che sfida il presente, le convenzioni e osa lanciarsi verso il futuro“.

Diretto da Claire Denis e sceneggiato dalla stessa con Jean-Pol Fargeau e Geoff Cox, High Life è ambientato nello spazio profondo, dove Monte e la figlia Willow vivono insieme a bordo di un veicolo spaziale in completo isolamento. Uomo la cui rigida autodisciplina rappresenta uno scudo contro il desiderio, Monte ha generato Willow contro la sua stessa volontà: il suo sperma è stato infatti usato per inseminare la giovane donna che ha poi partorito la bambina. Lui e la figlia sono gli ultimi sopravvissuti di una missione, dannata e pericolosa, guidata da una dottoressa spinta da sinistre motivazioni. Il resto dell’equipaggio, cavie condannate a morte, è svanito. Mentre il mistero di ciò che è avvenuto inizia a svelarsi, Monte sperimenta attraverso sua figlia la nascita di un amore onnipotente mentre si avvicinano a quella che è la loro destinazione: un buco nero in cui tempo e spazio cessano di esistere.

Claire Denis: “Per High Life non ho fatto riferimento a nessuno dei moderni film di fantascienza. Sono tutti troppo patinati e perfetti. Nel realizzare un film di fantascienza non si può però non fare i conti con 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick, soprattutto quando si racconta di un’astronave che lascia il sistema solare. Devi cercare di dimenticarlo, sebbene si ripresenti a ogni pensiero. E devi dimenticare anche Solaris di Andrej Tarkovskij. Vicino allo studio in cui abbiamo girato il film in Germania, c’era uno stagno con dei salici piangenti. Non si poteva non pensare a Stalker, sempre di Tarkovskij. A differenza di Kubrick, Tarkovskij non blocca l’immaginazione ma la libera. Solaris e Stalker sono stati i miei portafortuna: mi hanno protetta, incoraggiata e ispirata“.