fbpx
Connect with us

2019

Non ci resta che il crimine, l’omaggio di Massimiliano Bruno al celebre film di Benigni e Troisi

La commedia di Massimiliano Bruno è un omaggio al celeberrimo Non ci resta che piangere, diretto dall’indimenticabile Massimo Troisi. La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso Bruno insieme a Nicola Guaglianone, Andrea Bassi e Menotti

Pubblicato

il

Cosa accadrebbe, se per destino o per caso, uno si ritrovasse catapultato negli anni ’80? È quello che succede ai tre protagonisti di Non ci resta che il crimine, sesto lungometraggio di Massimiliano Bruno. La commedia è un omaggio al celeberrimo Non ci resta che piangere, diretto dall’indimenticabile Massimo Troisi. La sceneggiatura è stata scritta dallo stesso Massimiliano Bruno insieme a Nicola Guaglianone, Andrea Bassi e Menotti, i quali hanno provato a creare una storia che strizza l’occhio alle classiche commedie italiane degli anni Ottanta.

Un gruppo di amici squattrinati, ma con un indomabile talento creativo, decide di organizzare un tour criminale di Roma alla scoperta dei luoghi simbolo della Banda della Magliana. Per un incredibile scherzo del destino, i tre vengono catapultati nel 1982, nei giorni degli storici Mondiali di Spagna, e si ritrovano faccia a faccia con Renatino (Edoardo Leo), capo della Banda che all’epoca gestiva le scommesse clandestine sul calcio. I tre amici vorrebbero ritornare al futuro senza rinunciare alla grande occasione di accaparrarsi un po’ di soldi con le scommesse. Sarà solo l’inizio di una lunga serie di peripezie che condurrà i tre malcapitati tra bische clandestine, night club e rapine in banca. A complicare la situazione è la sensuale donna del boss interpretata da Ilenia Pastorelli, la quale intreccia una relazione con Sebastiano (Alessandro Gassmann). Per la prima volta troviamo un bravissimo Edoardo Leo nei panni del cattivo: l’attore romano ha svolto un approfondito studio sul personaggio di Renatino, che doveva essere credibile nella sua malvagità, ma anche divertente.

L’ultimo film di Massimiliano Bruno vanta una  minuziosa cura dei costumi e delle scenografie, la meravigliosa fotografia di Federico Schlatter e le musiche di Maurizio Filardo che ci fanno immergere completamente negli anni Ottanta; troviamo tra i tanti brani dell’epoca: Figli delle stelle di Alan Sorrenti o I Was Made For Lovin’You dei Kiss. C’è un cast di tutto rispetto in questa commedia, da Alessandro Gasmann e Marco Giallini fino al bravissimo Gianmarco Tognazzi, il quale ha reso in maniera credibile e originale il personaggio di Giuseppe, un uomo debole, che solo alla fine impara a tirare fuori il carattere. Ilenia Pastorelli se la cava egregiamente in un ruolo che le calza a pennello: così come abbiamo recentemente avuto modo di ammirarla in Benedetta follia di Carlo Verdone, l’attrice è perfetta nei panni della classica ragazza romana di periferia. Nel film sono presenti movimenti di macchina tipici dei poliziotteschi, tra cui gli zoom sui primi piani o le riprese deformanti dal basso. Unica pecca è il finale un po’ troppo scontato, ma che lascia in sospeso una serie di interrogativi che potrebbero sciogliersi in un probabile sequel.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2019
  • Durata: 102'
  • Distribuzione: 01 Distribution
  • Genere: Commedia
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Massimiliano Bruno
  • Data di uscita: 10-January-2019