Detroit di Kathryn Bigelow, un’opera potente che scuote la coscienza

Kathryn Bigelow rende le rivolte razziali di Detroit un pretesto ideale per riflettere su alcune delle più pericolose e vergognose piccolezze umane. L’ultima opera della regista americana è stata presentata in prima giornata alla Festa del Cinema di Roma, caratterizzando il festival con un inizio energico e coinvolgente

Sing Street

Presentato con successo all’ultimo Sundance Festival e successivamente al Festival del Cinema di Roma, Sing Street di John Carney si è rivelato una delle più grandi sorprese cinematografiche dell’anno.

Festa del Cinema di Roma: Sing Street di John Carney (Alice nella città)

È di provenienza irlandese, una delle sorprese presentate all’undicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, nella seziona Alice nella città. Una di quelle piccole grandi scoperte che si fanno per caso, quando si entra in sala senza nessuna aspettativa. E invece ci si ritrova davanti a qualcosa di inaspettato e prezioso, come quando capita scartare un pacchetto inatteso, un piccolo dono straordinariamente vitale e pieno di energia positiva, fresco e capace di coinvolgere con deliziosa leggerezza

Macbeth

L’opera di Kurzel rimane molto fedele al testo teatrale, ma la sua unica pecca è che manca di elementi nuovi e originali. Nonostante la presenza di due straordinari attori come Fassbender e la Cotillard e i meravigliosi costumi e paesaggi, lo spettatore si perde nei meandri di una storia già vista e rivista

^ Back to Top