Le ricette della signora Toku

Per alcuni che lo ritengono il suo film migliore, altri affermano che qui la Kawase ha rinnegato la sua cifra stilistica per una scelta di comodo, tradendo la sua capacità di non dire, di alludere, di rimanere solo sull’essenziale. Ad ogni modo, speriamo che Le ricette della signora Toku sia la strada per farci conoscere anche le altre opere di Naomi Kawase, che finora hanno avuto molto successo nei festival, ma non sono arrivate a tutto il pubblico

23 Dicembre 2015

La Isla Minima

Vincitore di dieci premi Goya, La Isla Minima nasce con le caratteristiche di un poliziesco; ma la trama prende le distanze dal film di genere per rovesciare una bottiglia d’alcool sulle ferite non ancora chiuse della Spagna dell’immediato post-Franco

21 Dicembre 2015

Natale col boss

Niente vacanze in luoghi esotici quindi, e nemmeno storie di corna. E la vera novità non sarebbe neanche questa, quanto piuttosto il fatto che il film riesca effettivamente nel suo intento primario, ossia far ridere. Rimarcarlo non è affatto pleonastico visto lo standard a cui siamo abituati, perché qui ci si diverte davvero. E neanche poco.

21 Dicembre 2015

Vacanze ai Caraibi

Onestamente consigliarlo non lo so, perché ad esempio Dario Bandiera vale la pena, il suo personaggio strappa più di una risata …per il resto non ho trovato nulla di convincente perché la sceneggiatura credo sia una delle peggiori di tutti i precedenti Vacanze di Natale.

18 Dicembre 2015

Irrational Man

Intanto vale la pena ricordare che qualsiasi pellicola nuova di Woody Allen è sempre superiore alla media dei film che circolano nelle sale. Sempre. Quindi se il pubblico è abituato alla mediocrità cinematografica Irrational Man non fa per voi. Purtroppo la verità è questa

17 Dicembre 2015

Star Wars VII: Il Risveglio della Forza

Abrams rifiuta ripiegamenti intimistici e melodrammi esasperati: nella sua sincerità e pudicizia, infatti, convince, coinvolge ed emoziona. Star Wars VII: Il Risveglio della Forza, dunque, pur non brillando di luce propria, ci mostra i lati oscuri della forza che attraversa e circonda costantemente tutte le cose viventi

16 Dicembre 2015

Franny

Questo Franny mostra alcune importanti lacune narrative che, di fatto, lavorano in senso esattamente contrario a tutto l’impegno profuso dal volenteroso Gere. Si comprende l’esigenza di Richard Gere di essere perennemente al centro della scena, ma forse sarà il caso che, nell’immediato futuro, qualcuno lo informi che un ruolo secondario in un film riuscito può essere molto più utile di una sfilza di parti principali in produzioni mediocri

16 Dicembre 2015

Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente

Chiamatemi Francesco – Il Papa della gente non eccede in positività né in negatività, mantenendo un equilibrio che lo porta ad essere un prodotto ben strutturato e interessante. Nonostante però lo stile più autoriale verso il finale il film mantiene un andamento televisivo, che poco si addice al grande schermo

11 Dicembre 2015

Francofonia – Il Louvre sotto occupazione

Un’opera Francofonia – Il Louvre sotto occupazione che allieta l’occhio e rende nota una parte meno conosciuta di un pezzo assai significativo di storia, convocando lo spettatore a fare esperienza della fragilità della bellezza, costantemente esposta al pericolo di un imminente naufragio

10 Dicembre 2015

Belle & Sebastien – L’avventura continua

Ispirati dalla serie di racconti Belle & Sebastien dell’autrice francese Cècile Aubry, gli sceneggiatori Fabien Suarez e Juliette Sales hanno seguito il periodo che porta Sebastien dall’infanzia alla soglia dell’adolescenza, sul finire del 1945; come sfondo la Seconda Guerra Mondiale che sta per volgere al termine

8 Dicembre 2015

Leone nel basilico

Leone nel basilico non è un film perfetto, il ritmo narrativo è spesso incostante, e alcune trovate lasciano il tempo che trovano, nascono fiacche e anche un po’ pretenziose (il finale felliniano-bunueliano), eppure non si può non riconoscere l’originalità di un’opera che si discosta non poco da una diffusa tendenza del panorama cinematografico italiano attuale

8 Dicembre 2015

Quel fantastico peggior anno della mia vita

Tra citazioni cinematografiche e l’ironia cinica e catastrofista di un adolescente, Quel fantastico peggior anno della mia vita è un prodotto ben confezionato e pronto ad emozionare lo spettatore

3 Dicembre 2015

Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick

Heart of the Sea è di una straordinaria potenza visiva, un film che, pur essendo classico come classico è il suo regista, sposta inevitabilmente in avanti i limiti del filmabile, spingendo di continuo lo spettatore a chiedersi come sia stato possibile girare certe scene

3 Dicembre 2015

Il professor Cenerentolo

Ciò che dovrebbe spingere il pubblico ad andare a vedere anche questo film, Il professor Cenerentolo, credo essenzialmente si possa incentrare su due aspetti: il primo è che i film di Pieraccioni trasmettono sempre un senso di grandissima tenerezza, e poi perché il suo cinema è puro. Per cui il 7 Dicembre andate a vederlo, senza troppa puzza sotto il naso, d’altronde un po’ di tenerezza non fa mai male sotto Natale

2 Dicembre 2015

Un posto sicuro

L’Eternit e i suoi morti, il rapporto conflittuale tra un padre e un figlio e un incontro che ti cambia la vita sono i temi di Un posto sicuro, il nuovo film di Francesco Ghiaccio con Marco D’Amore e Giorgio Colangeli

2 Dicembre 2015

Perfect day

Passato in rassegna alla scorsa edizione del Festival di Cannes nella Quinzane des Realisateurs, Perfect day arriverà nella sale italiane distribuito da Teodora Film. Una buona occasione per confrontarsi con il tema della guerra attraverso una prospettiva originale che trasfigura le consuete modalità narrative. Da vedere

19 Novembre 2015

Mon Roi – Il mio re

Mon Roi – Il mio re non è un film perfetto, non è un film memorabile e non può definirsi innovatore nell’investigazione delle complicate dinamiche amorose. Ciononostante, in questo spazio di imperfezioni e fastidiosi avvenimenti prevedibili, avvisaglie di buone idee disseminate ora nell’ottima interpretazione, ora in dialoghi imprevedibili o in situazioni folli ed efficaci visivamente non possono non essere avvistate

24 Maggio 2015
^ Back to Top