Stasera in tv su Rai Movie alle 21,20 1981: Indagine a New York, con Jessica Chastain e Oscar Isaac

Film interessante e atipico 1981: Indagine a New York di J.C. Chandor, in quanto, pur mettendo in scena una storia in cui a fare da sfondo c’è un panorama malavitoso, evita eroicamente di scivolare nei soliti cliché che avrebbero reso la pellicola un trascurabile déjà-vu

  • Anno: 2014
  • Durata: 125'
  • Distribuzione: Movies Inspired
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: USA
  • Regia: J. C. Chandor
  • Data di uscita: 04-February-2016

Stasera in tv su Rai Movie alle 21,20 1981: Indagine a New York (A Most Violent Year), un film del 2014 scritto e diretto da J. C. Chandor, con protagonisti Jessica Chastain e Oscar Isaac. Il cast di 1981: Indagine a New York è poi completato dagli attori Albert Brooks (è Andrew Walsh, il legale dei Morales), Alessandro Nivola (è Peter Forente, il maggior rivale di Abel), Elyes Gabel (è Julian, sfortunato autista di camion di Abel) e Catalina Sandino Moreno (è Luisa, la moglie di Julian).

Sinossi
A New York durante l’inverno del 1981, uno degli anni statisticamente più violenti della storia della città, un immigrato e la sua famiglia tentano di espandere il proprio business e di sfruttare le opportunità che si presentano loro. Il dilagare di violenza, decadenza e corruzione li trascinerà in un vortice che rischia di distruggere tutto ciò che hanno fino a quel punto costruito.

La recensione di Taxi Drivers (Luca Biscontini)

Film atipico 1981: Indagine a New York di  J.C. Chandor, nel senso che, nonostante metta in scena una storia in cui a fare da sfondo c’è un panorama malavitoso che preme per trovare uno sbocco in cui inserirsi e prodursi in un’esplosione di violenza, assistiamo, invece, a un raffinato lavoro di sceneggiatura che contiene saldamente tutta questa materia in favore della narrazione di una vicenda che mostra il rapporto difficile del protagonista – un  giovane uomo d’affari che tenta una scalata per far fare un salto di qualità alla propria azienda di compravendita di olio combustibile – con un ambiente ostile, a cui comunque riesce a resistere opponendo una fiducia infinita nella propria capacità di condurre gli affari in maniera onesta.

Abel (e già il nome la dice lunga) – interpretato da un ottimo Oscar Isaac che si cala perfettamente nella complessa psicologia del personaggio, che se da un lato tenta di tenersene fuori dall’altro ben conosce il mondo della criminalità e sa come trattarlo – acquista un enorme deposito che gli consentirebbe di aumentare esponenzialmente il suo giro d’affari, però contemporaneamente deve far fronte ai continui assalti che subiscono i suoi camionisti (probabilmente orditi da concorrenti disonesti) e alle numerose indagini del governo sulla liceità delle sue attività commerciali. A sostenerlo c’è la moglie (una buona Jessica Chastain) che però, provenendo da una famiglia criminale, vorrebbe risolvere i problemi che si presentano con il ricorso alla violenza, se non altro per proteggere l’incolumità della propria famiglia.

A tutto ciò si aggiunga che la banca che aveva promesso di  finanziare il prestito per l’acquisto del deposito, improvvisamente, a causa della situazione giudiziaria della società di Abel, si tira fuori dall’accordo. Ne segue una corsa contro il tempo per cercare di reperire il denaro, e Abel in questo frangente si dimostra davvero assai coerente, nella misura in cui non cede alla tentazione di ricorrere a risorse illegali.

Tutto il film, dunque, è percorso da questa sensazione di contenimento per cui lo spettatore, che si aspetterebbe di assistere prima o poi a un funesto epilogo, rimane, in un certo senso, a bocca asciutta, ma ciò che di primo acchito potrebbe apparire come un difetto costituisce in realtà il punto di forza del film che si raccoglie quasi completamente intorno all’accanita fermezza del protagonista, e, dunque, si evita di scivolare nei soliti cliché che avrebbero reso la pellicola un trascurabile déjà-vu. La violenza viene messa tenacemente fuori campo, ma non cessa di riverberare in maniera spettrale su tutto il film, diventando una presenza-assenza con cui confrontarsi virtualmente, ciò che esattamente fa il protagonista.

Consigliamo dunque il film di J.C. Chandor per fare esperienza di questa inedita chiave di lettura del mondo malavitoso. (Invitiamo il pubblico romano ad andare al Farnese, l’unico cinema della capitale che ospita il film, per godere, tra l’altro, della versione originale sottotitolata. E la prestazione di Oscar Isaac lo merita).

GUARDA IL TRAILER >>



Condividi