Connect with us

EXTRA

Il cinema visto attraverso il tavolo verde da gioco

Che il cinema abbia subito un forte fascino da parte della sala da gioco e in particolare del panno verde, è un fatto innegabile. Ora questo è avvenuto non solamente in ottica hollywoodiana, bensì in tutto il mondo. Pellicole più o meno recenti ruotano intorno ai vari giochi di carte e soprattutto al tempio dove questi si svolgono: il casinò

Publicato

il

Che il cinema abbia subito un forte fascino da parte della sala da gioco e in particolare del panno verde, è un fatto innegabile. Ora questo è avvenuto non solamente in ottica hollywoodiana, bensì in tutto il mondo. Pellicole più o meno recenti ruotano intorno ai vari giochi di carte e soprattutto al tempio dove questi si svolgono: il casinò.

Si tratta di una vera e propria corsia preferenziale che lega indissolubilmente un’estetica di cinema classico, se pur contemporaneo, con il tema del gioco e in particolare del casinò. Tra i motivi, balza agli occhi di ogni spettatore attento la necessità che i film hanno di avere location sempre più ariose e capaci al contempo di ricreare una certa atmosfera. Il cinema degli ultimi tempi è diventato sempre più schiavo di quest’idea estetica, che risulta molto spesso anche azzeccata e vincente. Pensate ad esempio a uno degli ultimi film della serie 007, quel Casinò Royale interpretato da Daniel Craig, capace di rilanciare alla grande una saga che pareva essere in grande difficoltà al voltare del secolo. Eppure per il 21esimo capitolo dedicato all’agente segreto nato dalla penna di Ian Fleming, il regista Martin Campbell ha fatto le cose in grande, inclusa la splendida location del Montenegro.

Quando poi ci addentriamo nel discorso gioco e cinema non possiamo non citare uno degli esempi più importanti a livello filmico. Martin Scorsese ne è l’esempio più immediato, visto che si è ritrovato a dirigere un cast all stars, realizzando un pregevole affresco a tema gioco, ambizione e luci sfavillanti, nel suo potente Casinò. Uno dei film forse più memorabili degli anni novanta, che è rimasto nel cuore dei suoi tanti fans, sicuramente anche per merito di Robert De Niro, Sharon Stone e Joe Pesci. Un grande cast per una storia tutta incentrata sul gioco, sulle ambizioni e sulle amicizie pericolose. Del resto quello che il gioco d’azzardo scatena per chi lo pratica, viene spesso abilmente descritto al cinema. È un caso che Le regole del gioco, interpretato da Eric Bana e Robert Duvall, e tutto incentrato su Las Vegas e su un torneo di poker, è una pellicola realistica e davvero emozionante. Con Voglia di Vincere casino possiamo ritrovare gli elementi del casinò online, capace di convogliare e veicolare il gioco di intrattenimento nella sua versione digitale.

A proposito di blackjack e di cinema non si possono certo dimenticare due film su questo tema. Rain Man, interpretato da Dustin Hoffman e Tom Cruise, dove al centro di un rapporto tormentato tra due fratelli c’è una memorabile sequenza che termina con una partita al tavolo del blackjack, dove Hoffman dichiara, candidamente: “Noi contiamo le carte!”. Il cinema ha saputo raccontare, grazie al suo potere immaginifico, il mondo del gioco e i suoi retroscena più complessi, in maniera più esaustiva rispetto ad altre forme di arte o di intrattenimento.