Connect with us

IN SALA

L’Uomo d’acciaio

Il pianeta Krypton, esaurite le risorse naturali, è condannato a implodere. A pochi giorni dalla fine e nei giorni del colpo di stato del generale Zod, nasce un bambino destinato a cambiare la vita di un pianeta più giovane e lontano. Figlio di Jor-El, scienziato e luminare di Krypton, Kal viene imbarcato su una navicella e lanciato nello spazio con il codice genetico del suo popolo…

Publicato

il

un-primo-piano-di-henry-cavill-nei-panni-di-superman-in-l-uomo-d-acciaio-262540

 

Anno: 2013

Nazionalità: USA

Durata: 143’

Genere: Fantascienza, Azione, Fantasy

Regia: Zack Snyder

Distribuzione: Warner Bros. Italia

Uscita: 20 Giugno 2013

Un’identità nascosta, un’esistenza alterata, una personalità studiata sin nel minimo dettaglio. Burattinaio di se stesso e demiurgo incontrastato delle sue azioni, Clark Kent passa tutta la sua infanzia a cercare di adattarsi a un mondo che lo esclude, che lo deride e che lo emargina perchè lo ritiene soltanto un freak. Utilizzando flashback che irrompono nel presente e ne spiegano le vicissitudini, Zack Snyder, regista di 300 e di Watchmen, realizza L’uomo d’acciaio, una pellicola moderna e scenografica che, ispirandosi ai fumetti creati da Jerry Siegel e Joe Shuster per la DC Comics, si allontana fortemente dai prodotti di genere.
Mandato sulla Terra prima della distruzione di Krypton, il piccolo Kal – El (Henry Cavill) viene adottato da una coppia di contadini e allevato come se fosse loro figlio. Conosciuto dagli altri come Clark Kent, il ragazzo manifesta segni particolari sin dalla tenera età e, per questo, viene deriso. Lasciando la cittadina di Smallville per scoprire la verità sulle proprie origini, il ragazzo conosce la giornalista Lois Lane (Amy Adams) e affronta il perfido Zod (Michael Shannon) che vuole distruggere il Pianeta e tutti i suoi abitanti.
Straniero in terra straniera, il protagonista effettua un viaggio di formazione che lo porterà a scoprire chi è davvero e a scegliere di diventare il simbolo della speranza umana piuttosto che la cellula primaria di una razza perfetta. Sorta di Messia che domina i cieli quanto la terra, Superman deve assolutamente fermare l’esercito del generale Zod. Proprio qui, forse, risiede il problema principale della pellicola: Superman, infatti, si scontra con un villain della sua stessa forza, delineandosi, così, come un vincitore piuttosto che come un supereroe. Anche la storia d’amore con Lois Lane è piuttosto comune: nessun segreto, nessun ripensamento, nessuna omissione. Snyder, insomma, crea un personaggio introverso e complicato che non riesce però a raggiungere la grandezza e il carisma del Bruce Wayne di Batman Begins, cui, probabilmente, si ispira. Con una sceneggiatura altalenante firmata da David Goyer – autore degli adattamenti cinematografici di Batman e di Ghost Rider – e l’intensa colonna sonora di Hans Zimmer che non riesce ad entrare in comunione con i fotogrammi della storia, L’uomo d’acciaio non coinvolge, non intriga e non conquista realmente lo spettatore, a cui lascia, però, la speranza di un sequel in cui emerga la reale grandezza morale e fisica di un superuomo al servizio dell’umanità.

Martina Calcabrini