fbpx
Connect with us

In Sala

‘The Bikeriders’ – un bel ritratto calligrafico di un mondo che non c’è più.

Jeff Nichols torna con The Bikeriders, un film a lungo inseguito torna con una malinconica lettera d'amore al mondo perduto delle grandi bande di motociclisti americane

Pubblicato

il

Dopo anni a inseguire questo film, Jeff Nichols (Take Shelter, Mud, Loving, Midnight Special) porta sullo schermo The Bikeriders, tratto dall’omonimo reportage di Danny Lyon, opera etnografica capitale nel racconto delle bande di motociclisti americane. Il film è stato presentato al Telluride Film Festival 2023. Tra i produttori figurano Regency Enterprises, New Regency e Tri-State Pictures.

The Bikeriders © 2024 Focus Features, LLC

The Bikeriders – la trama

Il giovane reporter e fotografo Danny Lyon (Mike Faist) ripercorre, insieme a Kathy (Jody Comer), le gesta dei Vandals MC, leggendaria banda di motociclisti di Chicago trasformatasi in vera e propria organizzazione criminale. Kathy, infatti, si era sposata con Benny (Austin Butler), uno dei veterani con il fondatore Johnny (Tom Hardy), mentre Danny aveva documentato la vita dei motociclisti nei primi anni di scorribande. Con un approccio quasi documentaristico, il film procede come la cronaca nostalgica di un mondo che non c’è più, fatto di anticonformismo su due ruote.

The Bikeriders – il trailer

Un nuovo ritratto di Jeff Nichols di Americani fieramente ai margini

Cosa può aver attirato così tanto Jeff Nichols dell’epopea dei Vandals MC? Ripercorrendo la sua filmografia la risposta è evidente. Sin da Take Shelter, in cui il suo feticcio Michael Shannon veniva tormentato da visioni apocalittiche, Nichols ha sempre posato lo sguardo su un’America laterale opposta a un’autorità soverchiante. Va da sé che pure le vicende del reietto Matthew McConaughey in Mud o l’avventura spielberghiana di Midnight Special contengono il medesimo fil rouge. Era necessario, quindi, ripercorrere una vicenda seminale dei primi nemici del conformismo e dello stile di vita tradizionale. Ma da dove arriva la scintilla per questa voglia di rottura dei Vandals? Dal cinema, naturalmente. Infatti, Tom Hardy concepisce la sua banda ispirato dal Marlon Brando de Il Selvaggio ispirando, forse, a sua volta addirittura Easy Rider. Oltre alla fascinazione verso un mondo pieno di lati romantici, non mancano anche le asperità come gli abusi di sostanze e la violenza. Il focus, però, è sempre lo stato d’animo liberatorio della vita in moto, con i suoi tempi e i suoi costumi. Hardy domina questo contesto interpretando un uomo qualunque divenuto sovrano dei centauri, imponendosi solo con lo sguardo o con un’insolita voce stridula. Meno di spessore invece il Benny di Austin Butler, ben calato nei panni del bello e dannato,  ma schiacciato tra le altre performance. In particolare, ben figura Jody Comer che “scompare” sotto il fortissimo accento americano di Kathy e incarna una donna autonoma non meno dirompente dei motociclisti. L’attenzione di Nichols è concentrata con esiti alterni nel rendere memorabile ciascun personaggio (vedi il Funny Sonny di Norman Reedus o lo Zipco di Michael Shannon), mostrando il ruolo di ciascuno negli eventi chiave di questa epopea.

Tom Hardy in The Bikeriders

Tom Hardy in The Bikeriders © Focus Features

Il rischio di fare un’opera di sola descrizione calligrafica

The Bikeriders è un film più affine al cinema del reale che di finzione, e rischia di apparire come una ricostruzione in bella calligrafia per un programma di storia. Infatti, Nichols abbraccia in pieno l’opera di Danny Lyons, sembrando intenzionato in primis ad animare le foto del celebre reportage. Il risultato, però, è una bella messinscena con personaggi credibili raccontati in ritagli delle loro vite, senza però un tessuto narrativo trascinante. In particolare, Butler soffre molto l’impostazione del film, ritrovandosi quasi a impersonare un riuscito cosplayer. Nonostante tutto, il film riesce a trasmettere un senso di malinconia e di contrappasso per una scelta di vita che straccia il codice della strada. Quello che rimane, però, è la sensazione di essersi trovato a metà del guado, tra una crime story di motociclisti e una docufiction. Un’inclassificabilità, tuttavia, forse non così involontaria.

The Bikeriders

 

The Bikeriders il trailer del nuovo film con Austin Butler

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

The Bikeriders

  • Anno: 2023
  • Durata: 114'
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Genere: Drammatico, Crime
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Jeff Nichols
  • Data di uscita: 19-June-2024