fbpx
Connect with us

Cannes

‘Savanna and the Mountain’, un racconto di resistenza tra fiction e documentario

Presentato al Festival di Cannes 2024, il terzo lungometraggio di Paulo Carneiro racconta la lotta di un villaggio in Portogallo contro la "mafia del litio"

Pubblicato

il

savanna and the mountain

Savanna and the Mountain (A savana e a montanha) é stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes 2024. Terzo lungometraggio del regista portoghese Paulo Carneiro, è una storia di lotta e resistenza a metà tra documentario e fiction. Savanna and the Mountain é in concorso al festival nella sezione parallela della Quinzaine des Cinéastes, riservata a espressioni cinematografiche peculiari provenienti da tutto il mondo.

Savanna and the Mountain: un ibrido tra fiction e documentario

Paulo Carneiro racconta le vicende di Covas do Barroso, un villaggio sperduto tra le montagne del nord del Portogallo. Presto i pochi abitanti del piccolo paese si ritrovano a fare i conti con la Savannah Resources, una grande multinazionale inglese che vuole sfruttare l’immensa disponibilità di litio di quei territori per dare il via a un business capitalista. Il villaggio inizia allora una rivolta segreta ma bene organizzata, in cui tutti si coalizzano per fermare l’invasione della compagnia inglese con agguati e rapimenti.

Savanna and the Mountain é un interessante ibrido tra fiction e documentario. Perché é una ricostruzione delle vicende che sono realmente accadute a Covas do Barroso, in cui i veri abitanti del villaggio re-interpretano se stessi e il loro passato recente. A partire dal 2016, infatti, la compagnia Savannah Resources ha iniziato la pianificazione per rendere questa zona rurale e montuosa. La più grande miniera di litio a cielo aperto di tutta Europa.

savanna and the mountain

Fin dall’inizio, gli abitanti dichiarano la loro ferma opposizione: un progetto del genere comporta infatti un radicale sconvolgimento del paesaggio e ha conseguenze disastrose anche sulla vita di chi lo abita. É cosi, dunque, che si apre lo scontro che anche il titolo preannuncia, quello tra la Savannah Resources e le montagne – e chi le abita.

Problemi di ritmo per una battaglia ancora in atto

Savanna and the Mountain é un’operazione molto interessante nel suo tentativo di mescolare il documentario e la fiction, ma rischia di perdersi in un ritmo eccessivamente lento e dilatato. Il passare delle stagioni scandisce le tappe dell’organizzazione della resistenza di Covas do Barroso, ma in un tempo che si allunga in modo smisurato fino a rischiare di fare perdere il filo allo spettatore.

Nonostante ciò, il film presenta alcuni punti di interesse, a partire dall’originalità della narrazione. il documentario di inchiesta sociale é tinto infatti di espedienti ed elementi stilistici propri della tradizione del cinema western, per la musica, la colorazione e la scansione temporale del racconto. A livello narrativo, é evidente anche l’identificazione di un nemico collettivo e comune contro cui tutta la popolazione del villaggio si ritrova a lottare: la grande multinazionale britannica che, non a caso, viene associata alla “mafia del litio”.

Il grande merito di Paulo Carneiro é sicuramente quello di avere cercato di portare all’attenzione collettiva la realtà di una lotta resistente che é ancora in atto oggi. E che non potrà affermarsi se non grazie al sostegno collettivo e a una grande risonanza mediale.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Savanna and the Mountain

  • Anno: 2024
  • Durata: 77'
  • Nazionalita: Portogallo, Uruguay
  • Regia: Paulo Carneiro