fbpx
Connect with us

Focus Italia

‘Viva Valerio Zurlini’- l’omaggio della Casa del cinema al regista bolognese

Cinque le pellicole selezionate per l'iniziativa che vede anche la partecipazione di Marco Tulio Giordana.

Pubblicato

il

Viva Valerio Zurlini, questo il nome dell’evento, promosso dalla Casa della cinema in memoria del regista e sceneggiatore bolognese. Sono cinque, dunque, i lungometraggi selezionati, tra i quali il celebre La prima notte di quiete la cui proiezione, che è programmata per la giornata del 16 aprile alle ore 20, godrà della presentazione di Marco Tulio Giordana.

Leggi anche: La prima notte di quiete di Valerio Zurlini, con Alain Delon

Le opere e il programma

Oltre a La prima notte di quiete, come riportato dall’Ansa, la Casa del Cinema ospiterà: La ragazza con la valigia (mercoledì 17 alle ore 20), splendido melodramma verdiano che vede protagonista Claudia Cardinale, premiata con il David Speciale per la migliore interpretazione femminile; Estate violenta (giovedì 18 alle ore 20), opera seconda del regista vincitrice di due Nastri d’Argento, uno dei quali per l’intensa interpretazione di Eleonora Rossi Drago; Cronaca familiare (domenica 21 alle ore 20), vincitore del Leone d’oro alla Mostra del Cinema di Venezia; e, infine, Il Deserto dei Tartari (venerdì 26 alle ore 18), David al Miglior film e alla Miglior regia, con un cast di lusso (Jacques Perrin, Vittorio Gassman, Giuliano Gemma e Philippe Noiret, tra gli altri), la fotografia di Luciano Tovoli e le musiche di Ennio Morricone.

Il deserto dei tartari (1976)

Valerio Zurlini

Regista e sceneggiatore cinematografico, nato a Bologna il 19 marzo 1926 e morto a Verona il 26 ottobre 1982. Autore di un cinema ‘silenzioso’, attento alla psicologia dei personaggi e rispettoso nei confronti della Storia. Z. è uno dei registi più importanti e meno noti della sua generazione. Le sue opere risultano intrecciate con quelle degli scrittori del periodo, dalle quali spesso sono tratte e cui sono intimamente legate nello spirito. Il suo stile sobrio e il respiro narrativo intenso apparvero subito in sintonia con la sensibilità artistica di alcuni dei migliori interpreti dell’epoca. Dopo aver ottenuto, insieme a Leo Benvenuti, Piero De Bernardi e Alberto Lattuada, un Nastro d’argento per la sceneggiatura di Guendalina (1957) di Lattuada, Z. ricevette ex aequo il Leone d’oro alla Mostra del cinema di Venezia per Cronaca familiare (1962). A coronare la sua carriera giunsero successivamente il David di Donatello e il Nastro d’argento per la regia di Il deserto dei Tartari (1976).

La ragazza con la valigia (1961)

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers