fbpx
Connect with us

Latest News

‘La Ricerca’ il documentario di esordio di Petruzzelis in tour

La Ricerca è un’indagine esistenziale fra arte, ecologia e progresso tecnologico.

Pubblicato

il

La Ricerca

‘La Ricerca’, il film documentario, esordio di Giuseppe Petruzzellis parte col suo tour nelle sale italiane dopo essere stato presentato al Biografilm Festival 2023. Il film sarà disponibile in streaming dal 15 maggio su www.laricercafilm.com

Il film è prodotto da Aplysia ed EiE Film, in collaborazione con Vessel e Lisa Fierro ed è impreziosito dalla colonna sonora originale di Nicolás Jaar, compositore di fama mondiale.

La trama

‘La Ricerca’ di Giuseppe Petruzzellis, è il racconto poetico e visionario del lavoro e della vita dell’artista veneto Luigi Lineri, Da quasi 60 anni Luigi Lineri lavora incessantemente ad una gigantesca installazione. Una mastodontica collezione di sassi, decine di migliaia, accuratamente ordinate e catalogate. Queste misteriose pietre, raccolte tra il greto del fiume Adige e le montagne della Lessinia, sono lo strumento con cui Luigi Lineri traduce in poesia una profonda riflessione sul cammino umano. Un viaggio nel tempo tra arte, mito, progresso tecnologico ed ecologia, dai primi strumenti in selce alla scultura come forma di espressione simbolica. ‘La Ricerca’ è un’ode alle fatiche umane, una parabola primordiale e attualissima, dalla preistoria ad un futuro ancora da scrivere. Un’indagine visionaria, che per Luigi Lineri è missione di vita. La sua mastodontica collezione di sassi è oggi un’installazione artistica unica nel suo genere, veicolo di messaggi universali.

‘La Ricerca’ | Il tour nelle sale

Il tour in sala alla presenza del regista:

  • 20, 21 e 22 aprile –  Milano alla Cineteca Milano Arlecchino
  • 2 maggio – Bologna al Cinema Teatro Orione
  • 6 maggio – Ferrara all’ Apollo Cinepark
  • 7 maggio – Modena alla Sala Truffaut
  • 13 maggio a Palermo al Cinema Rouge et Noire
  • 15 maggio a Cefalù al Cinema Di Francesca

Le altre date saranno presto annunciate.

La RIcerca

 

Giuseppe Petruzzellis e il suo documentario

Il regista ha seguito il lavoro di Lineri per otto anni, dal 2015: da questo incontro è scaturita una meraviglia senza precedenti che oggi arriva al pubblico in un racconto fiabesco, manifesto di speranza per il futuro. Lo sviluppo di questo film nasce dalla meraviglia e dalla lunga serie di domande scaturite dal primo incontro con Luigi Lineri e la sua opera, nel 2015.

Il capolavoro di Luigi è un incredibile strumento per investigare temi universali. ‘La Ricerca‘ materializza nei sassi un vasto corpus di ricerche antropologiche, filosofiche e politiche, toccando argomenti estremamente attuali ed urgenti, come ad esempio il conflittuale rapporto tra umani ed ecosistema. A partire da questi elementi, il film si sviluppa ibridando il genere documentario con il cinema di sperimentazione. Materiali d’archivio ricontestualizzati in modo evocativo e simbolico, sostenuti dalla colonna sonora originale composta da Nicolás Jaar, alimentano il dialogo tra Luigi, l’autore e il pubblico. ‘La Ricerca’ ha a che fare con la ricostruzione di una memoria perduta, quella di una comune infanzia preistorica. Un atto di empowerment che guarda alla speranza di un futuro più consapevole.
Il film è anche la traccia di un’opera e di un percorso artistico che rischiano di estinguersi con il loro anziano autore, oggi ottantacinquenne. Per quanto mastodontica, l’installazione di Luigi Lineri è anche estremamente fragile, fisicamente non accessibile al pubblico, e ad oggi non è iscritta in alcun programma di conservazione.

“Per ritrovare se stessi non occorre andare lontano. Guarda sotto i tuoi piedi. Cammina dentro di te”

‘La Ricerca’ il tour non solo in Italia

Le parole di Luigi Lineri suggeriscono la poetica dell’ installazione che ha meticolosamente assemblato tra le sue mura domestiche, a Zevio (VR). Esplorando da oltre mezzo secolo i fiumi e le montagne del veronese, Lineri, oggi 86enne, trascorre le giornate raccogliendo e catalogando sassi, provenienti dal fiume Adige e dai monti della Lessinia. Decine di migliaia di ciottoli, accuratamente raggruppati per forme, simili a manufatti dell’età della pietra. Questi oggetti sono lo strumento con il quale Lineri ci conduce in un viaggio a ritroso nel tempo, alla ricerca delle origini dell’umanità, tra memorie primordiali e presagi per l’avvenire.

Il film continua così il suo fortunato viaggio, in Italia e nel mondo. Dopo la première mondiale al Visions du Réel 2023 di Nyon (Svizzera), dove ha vinto il il Premio Speciale della Giuria Giovani, e con la prima italiana a Bologna al Biografilm Festival 2023, durante il quale si è aggiudicato la Menzione Speciale Hera “Nuovi Talenti”, il film ha ricevuto anche il premio al Miglior Montaggio a Documentaria (Noto, 2023), il Premio Andrea Pazienza al Premio Libero Bizzarri (San Benedetto del Tronto, 2023) e il Grand Prix al 42° Festival International du Film sur l’Art (Montréal, Canada, 2024). Il film ha anche partecipato al laboratorio di sviluppo “In Progress” del Milano Film Network, durante il quale ha ricevuto l’apporto in fase di ideazione dai mentor Michelangelo Frammartino e Leonardo Di Costanzo, e successivamente il supporto alla post produzione tramite “L’Atelier”.

La Ricerca entrerà anche nei luoghi dell’alta formazione, con la masterclass alla Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini di Ferrara il 6 maggio, e un incontro al PHILM – Centro di ricerca di filosofia e cinema dell’Università degli Studi di Verona, il prossimo 15 ottobre.

Il Trailer

Fonte: CinecittàNews

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers