fbpx
Connect with us

Anticipazioni

Barkhad Abdi: dopo dieci anni da ‘Captain Phillips’ ora vuole diventare regista

In occasione del decimo anniversario della sua nomination agli Oscar per aver interpretato un pirata somalo accanto a Tom Hanks, Barkhad Abdi ripercorre il suo passato per rivisitare come il successo di 'Captain Phillips' ha cambiato la sua vita.

Pubblicato

il

Un giorno, Barkhad Abdi stava guidando taxi a Minneapolis e il giorno dopo si è trovato sui set cinematografici a Malta e in Marocco, facendo il suo debutto come attore accanto a Tom Hanks nel film Captain Phillips diretto da Paul Greengrass.

Pochi giorni dopo l’inizio delle riprese, Abdi chiamò Francine Maisler, la direttrice del casting che lo scelse per il ruolo.

Ho chiamato Francine e le ho detto: ‘Mi piace questo. Voglio fare di più. Come posso fare di questo la mia carriera?’

Barkhad Abdi: Captain Phillips e la nomination agli Oscar

Abdi ha battuto più di 1.000 aspiranti per il ruolo provenienti da casting aperti a Minneapolis, Ohio e San Diego, città con grandi comunità di somali americani.

Mi ha chiesto quanti attori neri vedevo nei film ogni anno, e ho risposto: ‘Non così tanti.’ Poi ha detto: ‘Tutto ciò che farai in questo film determinerà se continuerai a recitare o meno.’ Questo è stato un grande motivatore per me e mi ha dato la fiducia di dare il massimo per conquistare il ruolo.

Barkhad Abdi in Captain Phillips.

Abdi ha ottenuto una nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista in una categoria che includeva star consolidate come (il vincitore) Jared Leto per Dallas Buyers Club, Bradley Cooper per American Hustle, Michael Fassbender per 12 anni schiavo e Jonah Hill per The Wolf of Wall Street. Le nomination agli Oscar sono state annunciate alle 5:38 del mattino del 16 gennaio 2014.

Ero al The Beverly Hilton e non riuscivo a dormire, per essere sincero. Ho provato, ma era così frenetico. Mi sono alzato alle 5 del mattino e ho finito per fare interviste tutto il giorno. Il mio mondo intero è cambiato. In molti modi, sembra ancora un sogno, ma ricordo di aver attivato la modalità computer per cercare di elaborare tutto. Non ricordo tutti i dettagli.

Quello che ricorda sono alcuni incontri memorabili con il candidato come miglior attore, Leonardo Di Caprio, nominato per The Wolf of Wall Street.

Ero un enorme, enorme fan. Ho guardato Titanic e non parlavo nemmeno inglese all’epoca. Non avevo bisogno di parlarlo per capire che era un grande attore.

Ai BAFTA Awards, dove Abdi ha vinto come miglior attore non protagonista, Di Caprio si è avvicinato a lui per lodare il suo tempismo comico mentre presentava un premio ai Producers Guild Awards.

Mi ha detto: ‘Ragazzo, sei stato così divertente. Mi hai fatto ridere’. Questo è uno dei ricordi che tengo caro. Ho incontrato così tante persone, tutti questi attori che avevo visto solo in TV. Mi sentivo come un bambino in un negozio Disney.

Riguardo a Hanks, Barkhad Abdi ha parole molto positive.

Si può dire che è la ragione per cui sono qui. Ho imparato così tanto da Tom Hanks, soprattutto il suo duro lavoro e professionalità perché è una persona che mette tutto nel suo mestiere e lavora così duramente su ogni scena.

Abdi, ha inoltre dichiarato quanto ha trovato “straziante” che Hanks non abbia ottenuto una nomination come miglior attore per il suo ruolo nel film. Ma ciò che ha fatto è stato assicurarsi che Abdi stesse bene dopo ogni importante cerimonia di premiazione.

Lui e sua moglie, Rita Wilson, si preoccupavano un po’ per me nel caso perdessi, e ogni volta che perdevo, mi guardavano per vedere come stavo. Io dicevo: ‘Va bene, sono felice di essere solo qui’.

Barkhad Abdi e Tom Hanks

Abdi ha partecipato agli Oscar il 2 marzo 2014, insieme a un altro co-protagonista, il suo buon amico Faysal Ahmed. Dopo la cerimonia ha partecipato al party post-Oscar di Vanity Fair, dove ha avuto l’opportunità di incontrare una superstar NBA.

Ho incontrato Chris Paul e sua moglie lì. Amo Chris, quindi è stato un grande onore incontrarlo.

Barkhad Abdi: La carriera dopo Captain Phillips

La mattina dopo gli Oscar è stato quando la realtà si è fatta sentire.

Finalmente avevo finito con tutte le interviste ed era ora di iniziare la mia vita da attore. Questo era qualcosa di nuovo per me e un nuovo capitolo che ero davvero entusiasta di iniziare.

Ha aperto quel capitolo facendo un’altra chiamata a Maisler, che lo ha messo in contatto con agenzie. Abdi ha firmato con SMS Talent, dove è rimasto insieme al manager Eric Schulman e Haven Entertainment. Era desideroso di trovare nuovi lavori da attore, un desiderio alimentato in gran parte dal desiderio di silenziare le critiche.

C’era molto chiacchiericcio in giro e volevo dimostrare loro che si sbagliavano. C’erano molte persone che dicevano, ‘Deve essere un pirata. Che altro può fare?’ L’ho sentito e ho amato la sfida. Volevo mostrare a tutti che sono un attore e posso interpretare ruoli diversi. Molte volte, come esseri umani, vogliamo fare molte cose diverse. A volte ci poniamo degli obiettivi e non sempre si realizzano come vorremmo, ma il duro lavoro paga sempre.

Nel corso dell’ultimo decennio, ha recitato accanto a Helen Mirren in Eye in the Sky del 2015, seguito da ruoli in Extortion accanto a Danny Glover, Good Time dei fratelli Safdie accanto a Robert Pattinson e in Blade Runner 2049 di Denis Villeneuve in una scena con Ryan Gosling. Più recentemente, ha recitato in 10 episodi di Castle Rock, seguita da una reunion con Benny Safdie per un ruolo in The Curse accanto al co-creatore Nathan Fielder e all’attrice premio Oscar Emma Stone.

Barkhad Abdi e Ryan Gosling in Blade Runner 2049

Nel 2015 Abdi si trasferì a Los Angeles, dove trascorse del tempo per perfezionare la sua arte e costruire un curriculum, mentre si dedicava anche all’imprenditoria.

Ho vissuto lì per alcuni anni e ho aperto un ristorante a Inglewood, non lontano dall’aeroporto. Era un ristorante somalo e non è andato bene per una serie di motivi. Ma sono una persona testarda e ho dovuto provare e l’ho scoperto per le brutte. Ringrazio Dio per questo.

Da quando ha ricevuto la nomination agli Oscar, si è mantenuto come attore. E’ felice, infatti, di chiarire le voci che sostenevano che fosse così al verde dopo Captain Phillips da dover lavorare in un negozio di telefoni cellulari a Minneapolis di proprietà del suo fratello.

Le persone hanno frainteso e hanno pensato che avessi smesso di recitare. Ma non è vero. Lavoravo lì solo durante il periodo dopo aver finito di girare Captain Phillips e prima che il film uscisse. Non avrei potuto lavorarci dopo che è stato rilasciato e dopo la stagione dei premi. Era impossibile, venivo riconosciuto ovunque.

Ancora oggi viene riconosciuto dai fan del film, alcuni dei quali naturalmente gli chiedono di ripetere la frase che lo ha reso famoso:

Io sono il capitano adesso.

Abdi è anche comunemente chiamato con il soprannome ‘Capitano Phillips’ dai membri della comunità somala a Minneapolis. È tornato lì prima della pandemia nel 2020 e da allora si è concentrato sull’espandere i suoi sforzi artistici.

Voglio continuare ad essere un attore ma voglio anche essere uno scrittore e, alla fine, un regista. Ho molte storie da raccontare. Voglio essere la voce degli senza voce, dei rifugiati in Africa. Voglio presentare Hollywood a un intero lato del mondo che non ha avuto narratori che raccontavano le loro storie. Con l’aiuto di un amico, ha scritto una sceneggiatura provvisoriamente intitolata Our Love Is Bigger, sulla pericolosa traversata che i rifugiati affrontano nel tentativo di raggiungere il continente europeo dall’Africa settentrionale attraverso il Mar Mediterraneo.

Dieci anni dopo gli Oscar, Abdi dice che l’esperienza gli ha cambiato la sua vita, anche se a volte sembra tutto un sogno.

Ripenso a volte e penso, è successo davvero? Ma so che è successo perché ci sono video e foto a dimostrarlo. Mi ha aperto porte per inseguire i miei sogni. Sono ancora stupito di tutto ciò che ho fatto, ma non sono nemmeno lontanamente dove voglio essere. Ha anche cambiato il modo in cui le persone mi guardano e come dicono il mio nome. È con rispetto. Non è più solo Barkhad Abid. Ora è Barkhad Abdi, candidato agli Oscar.

Fonte: The Hollywood Reporter

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers