fbpx
Connect with us

Videodrhome

In blu-ray Diabolik – Ginko all’attacco!

Diabolik - Ginko all'attacco! dei Manetti Bros è disponibile in blu-ray.

Pubblicato

il

Visto nelle sale cinematografiche nel Novembre 2022, con una card da collezione inclusa nella custodia amaray approda in blu-ray per Eagle pictures Diabolik – Ginko all’attacco!. Diretto dai Manetti Bros (all’anagrafe Marco e Antonio Manetti) come il Diabolik del 2021, un sequel in cui torna ovviamente in scena l’antieroe per eccellenza dei fumetti. L’antieroe creato nel 1962 dalle sorelle Angela e Luciana Giussani e che già venne portato sul grande schermo a fine anni Sessanta da Mario Bava.

L’antieroe che, a differenza del lungometraggio precedente, non possiede più il volto di Luca Marinelli, bensì quello di Giacomo Gianniotti.

Il Gianniotti che vediamo immediatamente in azione dal prologo con furto di preziosa corona di questa seconda avventura ispirata direttamente all’albo suggerito dal titolo. Prima ancora dei credits di testa dal sapore bondiano commentati dall’inedito Se mi vuoi di Diodato, il quale compare anche in scena per cantarlo. E Miriam Leone torna a vestire i panni di Eva Kant, la quale finisce tradita proprio dal Re del terrore. Quando?

Durante un colpo che si rivela una trappola organizzata dall’ispettore Ginko, ovvero Valerio Mastandrea, al quale la donna si allea per ottenere la sua vendetta. Un ispettore Ginko che porta qui avanti una segreta storia sentimentale con Altea, duchessa di Vallenberg incarnata da Monica Bellucci. Duchessa di cui, come è prevedibile, non può fare a meno di finire nelle mire di Diabolik ciò che possiede di valore. Man mano che Urbano Barberini fa il suo ritorno come ministro della giustizia e che Linda Caridi e Alessio Lapice si aggiungono al cast.

Questi ultimi calati in divise da poliziotti, mentre non mancano dei cameo per Andrea Roncato e il rapper G-Max.

Tutti immersi nell’immaginario Stato di Clerville per rendere Diabolik – Ginko all’attacco! un secondo capitolo più coinvolgente e scorrevole rispetto al non troppo esaltante precedente. Probabilmente forte anche della sua durata inferiore (qui siamo oltre l’ora e cinquanta minuti, lì avevamo due ore e dieci). Senza contare il fatto che il pur non esaltante Gianniotti risulti decisamente più somigliante al ladro mascherato rispetto al sopra menzionato Marinelli. Una breve clip di VFX e diciassette minuti di backstage completano il disco in alta definizione nella sezione extra.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers