fbpx
Connect with us

Latest News

Gina Lollobrigida: addio all’attrice scomparsa a 95 anni

A 95 anni, aveva attraversato la storia del cinema italiano

Pubblicato

il

gina lollobrigida addio

Addio a Gina Lollobrigida. Grande protagonista del cinema italiano, era nata a Subiaco il 4 luglio del 1927, aveva 95 anni. È stata tanto per il cinema, un’icona in tutti i sensi. Dalla Bersagliera seducente alla Fata turchina materna e dolcissima entrambe grazie a Luigi Comencini. Gina Lollobrigida, per tutti la Lollo, è stata una delle attrici più importanti della sua generazione, insieme alla rivale Sophia Loren ha contribuito a creare l’immagine della diva italiana che da sex symbol si è saputa trasformare in star internazionale.

Addio a Gina Lollobrigida: gli inizi

Nata a Subiaco, in provincia di Roma, il 4 luglio 1927, per mantenersi agli studi vendeva delle caricature disegnate col carboncino e posava per i primi fotoromanzi, con lo pseudonimo di Diana Loris.

Nella primavera del 1947 partecipò al concorso di Miss Roma e si classificò seconda, ottenendo un tale successo di pubblico che venne invitata a Stresa per le finali di Miss Italia, dove arrivò al terzo posto dopo Lucia Bosè e Gianna Maria Canale, future stelle del cinema come lei.

Tra i premi che la Lollobrigida si è portata a casa nella sua lunga carriera un Golden Globe per il film Torna a settembre con Rock Hudson, sette David di Donatello e due Nastri d’argento. È stata nominata Cavaliere della Repubblica e nell’ottobre 1996 Accademica onoraria dell’antica Accademia delle Arti del Disegno di Firenze. Nel ’99 è stata nominata Ambasciatrice di buona volontà dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura. Nel 2016 un David speciale alla carriera le è stato consegnato dal Presidente Mattarella.

Il debutto nel cinema

Più per necessità che per reale interesse, aveva iniziato la carriera cinematografica, come comparsa e controfigura, e successivamente in piccoli ruoli di contorno nei popolari film operistici dell’immediato dopoguerra.

Nel gennaio 1949 sposò il medico sloveno Milko Skofic, che prestava servizio fra i profughi temporaneamente alloggiati a Cinecittà.

Nell’agosto 1957 nasce il primo figlio Milko jr. Nel 1950 vola sola verso Hollywood accettando un invito del miliardario Howard Hughes, a tempo perso produttore e scopritore di dive come Jane Russell. Ma tornò quasi subito a Roma.

All’inizio degli anni ’50 arrivarono i primi successi, Campane a martello di Luigi Zampa 1949, Achtung, Banditi! (1951) di Carlo Lizzani e soprattutto Fanfan la Tulipe di Christian-Jaque del 1952, che la consacra star in Francia. In Italia, nello stesso anno, conquista una vasta popolarità con Altri tempi di Alessandro Blasetti, nell’episodio Il processo di Frine con Vittorio De Sica, che conierà per lei il neologismo “maggiorata fisica”. E fu accanto a De Sica che arrivò il ruolo più popolare per Gina Lollobrigida: è del 1953 il ruolo della Bersagliera, premiato con il Nastro d’Argento, in Pane, amore e fantasia di Luigi Comencini. A grande richiesta l’anno dopo gira un sequel altrettanto riuscito ma nel 1955 rifiuta la terza puntata della serie e viene rimpiazzata da Sophia Loren, sua storica rivale.

Addio a Gina Lollobrigida: La Fata Turchina

Seguono alcuni ruoli che sottolineano il tentativo di approfondimento drammatico delle sue interpretazioni, come in La provinciale di Mario SoldatiLa romana di Luigi Zampa e Mare matto di Renato Castellani, che rimangono le sue prove migliori.

La seconda metà degli anni Cinquanta vedono la Lollo protagonista di superproduzioni internazionali come Il tesoro dell’Africa di John Huston con Humphrey Bogart e Jennifer JonesLa donna più bella del mondo biografia che lei stessa produsse su Lina Cavalieri con Vittorio Gassman in cui dà una buona prova di cantante lirica e per cui vince un David di Donatello.

E poi ancora Trapezio di Carol Reed accanto a Tony CurtisIl gobbo di Notre Dame (1957) dove interpreta una splendida e sensuale Esmeralda con Anthony Quinn come QuasimodoSalomone e la regina di Saba (1959) di King Vidor con Yul Brinner che sostituisce Tyrone Power morto durante le riprese, Torna a settembre con Rock Hudson per cui vince un Golden Globe, Venere imperiale di Jean Delannoy (1962) sulla vita di Paolina Borghese che le fa aggiudicare un David di Donatello e un Nastro d’Argento, e tanti altri successi.

Nel 1971 arrivò il divorzio dal marito da cui viveva separata da almeno 5 anni, e nel 1972 interpreta l’indimenticabile Fata Turchina nel Pinocchio televisivo di Luigi Comencini, ma dalla metà degli anni Settanta dirada le apparizioni per dedicarsi, con successo, alla fotografia e alla scultura.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.