fbpx
Connect with us

Latest News

‘The Good Nurse’ qual è la vera storia dietro al film Netflix?

C'è una storia vera dietro al film disponibile sulla piattaforma di streaming

Pubblicato

il

the good nurse storia vera

The Good Nurse, film del catalogo Netflix racconta una storia vera? La risposta è sì. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

The Good Nurse prima della storia vera

Nel film, un thriller ospedaliero, conosciamo un’infermiera preoccupata che un suo collega sia colpevole della misteriosa morte di diversi pazienti. La donna rischierà la sua stessa vita per portare alla luce la verità. Cosa le succederà? Un film che può vantare un cast importante. Nello specifico gli interpreti sono:

  • Eddie Redmayne
  • Jessica Chastain
  • Denise Pillott
  • Dartel McRae
  • Joseph Fugelo
  • Judith Delgado
  • Jesus-Papoleto Melendez
  • Myra Lucretia Taylor
  • Marcia Jean Kurtz

La storia vera del serial killer da cui è tratto The Good Nurse

La particolarità di questo film è che è tratto da un saggio del giornalista Charles GraenerThe Good Nurse: A True Story of Medicine, Madness, and Murder e racconta la storia di uno scellerato serial killer.

the good nurse storia vera

Cr. JoJo Whilden / Netflix

La storia raccontata dal film è quella del serial killer Charlie Cullen, un infermiere nel New Jersey, classe 1960, che, nel corso della sua carriera lunga 16 anni ha ucciso ufficialmente 40 persone anche se lui ne ha confermate solo 29. La polizia, però, ritiene che il numero delle sue vittime sia molto più alto e arrivi perfino a 400 tra il 1987 e il 2003 rendendo così, l’uomo il killer più prolifico della storia.

L’infanzia e le violenze familiari

Nato il 22 febbraio 1960 a West Orange, nel New Jersey, Cullen è cresciuto in una famiglia cattolica irlandese come il più giovane di otto figli. Suo padre Edmond era un autista di autobus, ma morì quando Charles aveva solo sette mesi. L’infanzia di Cullen venne descritta dallo stesso come miserabile, Charlie, infatti, fu vittima di bullismo a scuola e a soli 9 anni tentò di suicidarsi bevendo sostanze chimiche.

Anche sua madre morì quando lui stava frequentando l’ultimo anno di liceo, a causa di un incidente stradale. Fu un momento devastante per il giovane Charlie che se la prese tantissimo con l’ospedale per non averlo avvisato subito della sua morte cremando il corpo invece che restituirlo alla famiglia. Forse fu proprio questo il motivo scatenante della sua rabbia. Cullen abbandonò la scuola per arruolarsi nella Marina ma anche qui venne molestato e bullizzato dai colleghi e tentò di nuovo il suicidio. A questo punto, ricevendo un congedo, Cullen decise di iscriversi alla scuola per infermieri laureandosi nel 1986.

Charlie Cullen si sposò anche ed ebbe due bambine, ma sua moglie venne subito turbata dai suoi strani comportamenti come per esempio l’abusare dei cani di famiglia. Nel 1993 ricevette un ordine restrittivo perché potenzialmente pericoloso per le figlie.

Gli omicidi

I primi omicidi di cui Cullen confessò avvennero a Saint Barnabas. L’11 giugno 1988, infatti, l’infermiere somministrò a un paziente un sovradosaggio letale di farmaci per via endovenosa. Cullen, poi, ammise di aver ucciso anche molti altri pazienti nello stesso ospedale. L’uomo lasciò Saint Barnabas nel gennaio 1992 quando le autorità iniziarono a indagare sulle sacche per flebo contaminate.

Un mese dopo aver lasciato Saint Barnabas, Cullen trovò lavoro al Warren Hospital di Phillipsburg, dove uccise tre donne anziane.

Cr. JoJo Whilden / Netflix

L’anno successivo si trasferì a Phillipsburg dopo il divorzio dalla moglie. Nel marzo 1993, Cullen iniziò a perseguitare una collega facendo irruzioni in casa sua mentre lei e suo figlio dormivano. Ancora una volta, in carcere tentò il suicidio.

Dopo un paio di mesi di assenza dal lavoro per curare la sua depressione, Cullen tornò in ospedale e continuò a mietere vittime.

Nel febbraio 1998, Cullen è stato assunto dal Liberty Nursing and Rehabilitation Center di Allentown, in Pennsylvania, dove ha lavorato in un reparto di pazienti con dipendenza respiratoria. Lì è stato accusato di somministrare farmaci ai pazienti in orari non programmati.

Nonostante i suoi problemi di salute mentale e le varie accuse, Cullen ha continuato a trovare sempre lavoro a causa della carenza nazionale di infermieri. Inoltre, all’epoca, non c’era ancora alcun meccanismo di segnalazione per identificare gli infermieri con problemi di salute mentale.

L’arresto

Cullen è stato arrestato in un ristorante il 12 dicembre 2003 e accusato di vari omicidi e tentati omicidi. L’accusa è arrivata dopo la segnalazione alla polizia della collega Amy Loughren dopo una morte improvvisa di un paziente per ipoglicemia nell’ottobre 2003. Un’indagine sul suo passato ha portato la polizia a sorvegliarlo per settimane e accumulare prove contro di lui. Il 14 dicembre, ha ammesso agli investigatori di aver ucciso fino a 40 pazienti nei suoi 16 anni di carriera. Nell’aprile 2004, Cullen si è dichiarato colpevole davanti al giudice. Il 2 marzo 2006 Cullen è stato condannato a 11 ergastoli consecutivi. Attualmente è detenuto nella prigione statale del New Jersey a Trenton.

In ‘The Good Nurse’ Jessica Chastain e Eddie Redmayne sono i protagonisti di un dramma a due voci

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.