fbpx
Connect with us

Netflix SerieTv

‘Disincanto 4’ – L’anti-eroina di Matt Groening torna su Netflix

Disincanto, la serie animata creata da Matt Groening, torna su Netflix con la quarta stagione, più scorretta e incasinata che mai.

Pubblicato

il

Disincanto, la serie d’animazione partorita dalla mente di Matt Groening (lo conoscete, vero? ha creato una cosina chiamata I Simpson) torna su Netflix per la quarta stagione.

Irriverente, psichedelica. Ma soprattutto scorretta.

Nel corso delle precedenti tre stagioni, Disincanto ci ha abituati a una comicità sfrontata e quasi folle. Un leit motiv ricorrente nei prodotti d’animazione di oggi (si pensi a serie come Rick and Morty, Adventure Time, The Midnight Gospel e tante altre) in cui satira, politicamente (s)corretto e parodia la fanno da padroni.

La Trama

Disincanto  racconta le avventure della principessa Bean, anti-eroina per eccellenza, in un universo medievale in cui elfi, sirene, cavalieri e fiabe si intrecciano con una dimensione molto meno “fantastica”: assassini, malattie, decapitazioni… tutto questo è Dreamland, il regno in cui Bean vive le sue incredibili avventure.

Disincanto 4

I Protagonisti

Impossibile non adorare la principessa Bean, doppiata in originale da Abbi Jacobson e in italiano da Rossa Caputo. Anticonformista, ribelle e alcolizzata. Tutto ciò che non dovrebbe essere una principessa che si rispetti. Bean è una teenager confusa, coraggiosa e tenace.

Che debba affrontare i gemelli cannibali Hansel e Gretel o Satana in persona, Bean non perde mai la verve comica. Insieme a lei, Elfo, il piccolo elfo (ovviamente!) e Luci il Demone, creano un trio improbabile quanto esplosivo. Impossibile resistervi.

Dreamland…?

Uno dei motivi del grande successo di questa serie è che, in ogni stagione, è stata capace di stupire. Se nella prima parte le avventure dei nostri “eroi” erano concentrate nel mondo medievale di Dreamland, nelle successive stagioni siamo stati accompagnati a visitare un universo assai più vasto.

Non solo Inferno e Paradiso, ma anche città di orchi e covi di esseri sotterranei, fino ad arrivare all’anti-Dreamland: Steamland, la città della scienza e del progresso.

I punti critici

Nonostante la presenza di protagonisti accattivanti e coloriti comprimari, in certe puntate Disincanto non funzione come dovrebbe. Sarà che l’aspettativa nei confronti dei creatori è altissima (dopo I Simpson Futurama c’è da aspettarselo…) ma alcuni episodi, nonostante le brillanti promesse, appaiono stanchi e poco incisivi.

Questo soprattutto nella seconda parte, forse la più tiepida delle quattro, in cui dopo un inizio prorompente si sente la mancanza di battute veramente esilaranti e del ritmo incalzante della prima stagione.

Nonostante qualche battuta d’arresto, tuttavia, Disincanto si riprende nella terza parte e si riconferma nella quarta come una serie godibile e piena di sorprese.

Il Trailer

Disponibile su Netflix.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

Disincanto 4