fbpx
Connect with us

BIFEST

‘Ennio’ la storia del più grande di tutti

Un appssionato e fulgido ritratto di un uomo che con la sua musica ha incantato il Mondo

Publicato

il

Giuseppe Tornatore compie un sentito e convincente omaggio al Maestro Ennio Morricone schivando abilmente i rischi della celebrazione agiografica. Il suo Ennio è la raffigurazione di un genio con la semplicità e la naturalezza del carattere. Già presente alla 78 Biennale del Cinema di Venezia, prodotto da Piano B Produzioni Srl, è stato il preludio del Bif&st 2021.

La prospettiva

È interessante la prospettiva scelta da Tornatore per raccontare quello che è stato e quello che rappresenta Ennio Morricone. Una lunga e sentita intervista, corredata di numerosi spezzoni di film e immagini di repertorio, con la voce narrante che svela le emozioni, comprensive di gioie e delusioni, di una carriera irripetibile. La grande protagonista è naturalmente la musica, con la capacità di Morricone di comprenderla, modellarla, adattarla all’interno di un qualsiasi tipo di registro. Emblematica è la descrizione del  rapporto con Goffredo Petrassi, il suo Maestro di composizione al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma.

Ennio, l’uomo e l’artista

Uno dei meriti che va senz’altro ascritto al documentario di Tornatore è quello di riuscire nell’impresa di parlare di Ennio Morricone senza mai dividere l’uomo dall’artista.  Così quando riecheggia la sua musica, e scorrono le immagini dei film che essa ha contribuito a rendere unici, è impossibile non pensarla come espressione di quell’uomo semplice, rigoroso e determinato qual è stato. Contribuiscono allo scopo il tipo di riprese adottate dalla regia, il racconto del rapporto con il padre trombettista e il montaggio estremamente accurato di Massimo Quaglia e Annalisa Schillaci.

Il western e gli scacchi

Ennio è un’opera puntuale nel rastrellare ogni ambito della carriera musicale di Morricone. Il racconto, davvero onnicomprensivo, non trascura la sua produzione come arrangiatore di canzoni, spiana e riequilibra i settori di svolgimento della sua arte, fino a inglobare equamente persino la grande popolarità acquisita per le colonne sonore dei cosiddetti spaghetti western di Sergio Leone. Un contesto nel quale lo sfondo naturale ha le sembianze delle 64 case lastricate di bianco e di nero del gioco degli scacchi. Discreto giocatore e grande appassionato, il Maestro non ha mai fatto mistero di una vocazione che dopo la musica era la sua preferita. Negli interni la scacchiera è un elemento scenografico che non manca mai, quasi come metafora del suo stesso genio. La complessità creativa vestita della semplicità della grandezza dell’uomo.

Ho usato suoni realistici in modo psicologico. Con il buono, il brutto e il cattivo ho usato suoni di animali, come il coyote, così il suono animale è diventato il tema principale del film

Ennio Morricone

Ennio, la fotografia

Se c’è una cosa che da subito svela la dimensione intimista del documentario di Tornatore è senza dubbio la fotografia. Fabio Zamarion e Giancarlo Leggeri fanno un lavoro egregio, dando alle riprese in interni la sensazione di trovarsi a conversare a tu per tu con il Maestro, in un clima di sospensione del tempo, nel tepore di una storia fatta di ricordi e aneddoti che sembrano non avere fine. La fotografia è essa stessa scenografia e accompagna i gesti di Morricone che nell’aria descrivono ancora musica, mentre le note, che prendono corpo sulla carta, sembrano animarsi del calore e della foga artistica del loro stesso autore.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2021
  • Durata: 168 minuti
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Genere: Documentario
  • Nazionalita: Italia
  • Regia: Giuseppe Tornatore

IL CAST

  • Giuseppe Tornatore

    Giuseppe Tornatore

    Regia
  • Ennio Morricone

    Ennio Morricone

    Ennio Morricone