fbpx
Connect with us

Approfondimenti

Giornata Mondiale dei Nonni: 5 film da recuperare!

Per celebrare il 25 luglio, abbiamo deciso di proporvi 5 titoli con nonni protagonisti, spaziando dalla commedia al dramma e accontentando anche gli amanti del brivido!

Publicato

il

Il 25 luglio si celebra, in tutto il mondo, la Giornata Mondiale degli Anziani e dei Nonni.
Che siano arzilli ed eterni Peter Pan, o più quieti e riflessivi, il cinema ci ha offerto un repertorio di nonni di tutto rispetto.

Abbiamo deciso, quindi, di proporvi cinque film che si soffermano sulle relazioni nonni-nipoti, o che abbiano personaggi anziani particolarmente interessanti. Per accontentare tutti si spazierà tra i generi, cercando di evitare film che potreste trovare in qualsiasi altra rassegna!

Ella e John (2017) – Paolo Virzì

Helen Mirren e Donald Sutherland sono decisamente i nonni che tutti vorremmo avere (anche se, personalmente, la mia preferenza va alla nonnina che conosceremo nel paragrafo successivo).
Quale miglior inizio, quindi, per la nostra rassegna, se non Ella e John di Paolo Virzì!

Ella e John sono una coppia di ottantenni che, negli anni Settanta, portava ogni anno i figli in vacanza a bordo del camper da loro rinominato The Leisure Seeker, che dà il nome al romanzo da cui il film è tratto.
Ed è proprio a bordo del Leisure Seeker che i due anziani, una mattina d’estate, fuggiranno dai figli sempre più invadenti, per scampare a un ricovero che li terrebbe separati per sempre.

Virzì segue quindi i suoi protagonisti in un road movie ambientato lungo la Route 1, destinazione Key West, il luogo in cui si trova la casa di Hemingway, che John, ora affetto da demenza, avrebbe sempre voluto visitare.
Ella e John è il racconto delicato di due personaggi fragili, l’uno nella mente, l’altra nel fisico, ma che insieme riescono a farsi forza a vicenda.

Il film è reperibile su RaiPlay, a seguire il trailer:

Grandma (2015) – Paul Weitz

Grandma, del 2015, è scritto e diretto da Paul Weitz.

Elle, la nostra nonnina, in questo caso, è una Lily Tomlin burbera e misantropa, che si prende quello che vuole, anche a colpi di mazza da hockey!

Elle è una poetessa che affronta la recente morte della sua compagna Violet, nell’incapacità di intraprendere nuove relazioni. Il suo quotidiano, però, viene sconvolto dall’arrivo della nipote diciottenne Sage (Julia Garner), che le chiede aiuto per pagare un aborto previsto quello stesso pomeriggio.

Nel tentativo di aiutare la nipote, Elle sarà costretta a confrontarsi con tutte le relazioni del suo passato che ha bruscamente interrotto, in un altro road movie, questo, che si sviluppa però più sulla linea dell’indie americano, alla Juno.

Notevole l’interpretazione di Lily Tomlin, che riesce a tenere la sua recitazione costantemente in bilico tra il drammatico e il sarcastico, offrendo allo spettatore una commedia amara che tocca temi importanti come la mancanza dell’educazione sessuale nelle scuole, l’aborto, la sanità a pagamento.

Il film è noleggiabile su Amazon Prime Video, a voi il trailer:

Tokyo Story (1953) – Jasujirō Ozu

Di tono completamente diverso è quello che è considerato il capolavoro del regista giapponese Jasujirō Ozu, Tokyo Story.

Shūkichi e Tomi Hirayama (interpretati da Chishū Ryū e Chieko Higashiyama) sono una coppia di settantenni che decide di partire per la capitale del Giappone, per far visita ai figli.
Pernottando prima dal primogenito Kōichi poi dalla primogenita Shige, però, si rendono conto che i figli, oramai cresciuti e alle prese con lavoro e famiglia, non hanno più tempo per curarsi di loro.
L’unica che si dimostra premurosa è Noriko, moglie del defunto secondogenito Shōji.

Ozu, da sempre affascinato dalle dinamiche famigliari, si concentra in questo film sul disfacimento della famiglia e la perdita delle tradizioni, collegandoli ad una Tokyo caotica e in continua mutazione, specchio dell’occidentalizzazione che il Giappone stava attraversando in quegli anni.

È possibile recuperare il film su Mubi, a seguire il trailer:

The Visit (2015) – M. Night Shyamalan

Una coppia di fratelli adolescenti in visita dai nonni in una deliziosa casetta immersa nel verde. Una storia come tante, se non fosse che il film è scritto e diretto da M. Night Shyamalan.

L’autore del Sesto Senso torna con un horror, The Visit, che s’inserisce nel filone del mockumentary, giustificato narrativamente dalla volontà della protagonista, Becca (Olivia DeJonge) di realizzare un documentario sulla sua famiglia, con l’aiuto del fratello Tyler (Ed Oxenbould).

Loretta (Kathryn Hahn) decide di acconsentire alle richieste dei genitori, che non vede da quindici anni, di poter finalmente conoscere i nipoti. I due ragazzi vanno quindi a trascorrere una settimana dai nonni, stringendo subito un bel legame con loro; le cose cambiano, però, quando i due anziani iniziano a comportarsi in modo strano.
Il regista torna all’horror con un film in cui, così come nel cinema, niente è quello che sembra. Ma d’altronde, con i colpi di scena, Shyamalan ci ha abituati bene.

Il film è recuperabile sul catalogo di Netflix. Il trailer:

Little Miss Sunshine (2006) – Jonathan Dayton e Valerie Faris

Chiudiamo in bellezza la nostra rassegna, con quello che è uno dei nonni cinematografici più amati di sempre!
Ovviamente si parla di Alan Arkin in Little Miss Sunshine, che per il suo Edwin Hoover si è aggiudicato un Oscar al miglior attore non protagonista.

Una famiglia di Albuquerque, nel Nuovo Messico, parte a bordo di un furgoncino scalcinato per accompagnare la figlia minore ad un concorso di bellezza.
Il film, un piccolo gioiello dal concept molto interessante, si concentrerà su ognuno dei membri della famiglia Hoover, che si troverà, durante il viaggio, a fronteggiare le proprie contraddizioni e i propri demoni interiori.

Nel cast si annoverano, tra gli altri, Steve Carrell, Paul Dano, Toni Collette e un’incredibile Abigail Breslin, nel ruolo della piccola Olive.
Sarà proprio Olive, infatti, a stringere un legame particolare col nonno Edwin, regalandoci una delle relazioni nonno-nipote più dolce e delicata mai vista sullo schermo.

Il film è disponibile nel catalogo di Disney+. A voi il trailer:

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.