fbpx
Connect with us

CANNES

‘La Fracture” di Catherine Corsini a Cannes 74

Arriva a Cannes l'undicesimo lungometraggio della Corsini, girato durante la pandemia tra Parigi e Lione

Publicato

il

academy two prossime uscite

In concorso al Festival di Cannes 2021 La Fracture diretto da Catherine Corsini (che l’ha anche scritto insieme a Laurette Polmanss e Agnès Feuvre) con Valeria Bruni Tedeschi, Marina Foïs e Pio Marmaï.

Il film è prodotto da Élisabeth Perez per Chaz Productions e co-prodotto da France 3 Cinéma, Auvergne-Rhône-Alpes Cinéma e Le Pacte (che curano anche l’uscita del film in Francia).

Di cosa parla La Fracture

La Fracture racconta la storia di una coppia di donne (Raf e Julie interpretate rispettivamente da Valeria Bruni Tedeschi e Marina Foïs) che si trova nel mezzo delle proteste dei Gilet Gialli a Parigi e finisce in ospedale rischiando l’asfissia. Il loro incontro con Yann (Pio Marmaï) cambierà le  convinzioni di entrambe.

La fracture è un film arrivato a Cannes dopo una produzione molto difficile.

È stato girato durante il periodo della pandemia che ha messo fortemente in difficoltà le operazioni di produzione.

“Il Covid è così anti-cinematografico. È contro tutto ciò che mi piace, abbracciarsi, parlare tra di noi, guardare gli attori, vederli in volto, vedere le espressioni, le emozioni”.

la fracture

Così la regista, Corsini, durante le riprese.

E, per Valeria Bruni Tedeschi, la sfida è stata proprio quella di continuare a lavorare per resistere e non far cadere nel buio la possibilità di tornare a vivere:

“è molto importante, il cinema è vita.”

La Fracture è stato girato tra Lione e Parigi, i set per le scene interne sono stati allestiti in una vera clinica. Ad affiancare Catherine Corsini il suo team composto dai suoi fedelissimi, produttore e direttore della fotografia (Élisabeth PerezJeanne Lapoirie).

La regista

Catherine Corsini (della quale si può attualmente vedere L’Amante Inglese su Amazon Prime Video) ha partecipato, prima della settantaquattresima edizione, ad altre quattro edizioni di Cannes: nel 1994 e 1996 nella Quinzaine des Réalisateurs con Les amoureux, una storia di formazione in cui un adolescente impara a fidarsi di se stesso e dopo un lungo allontanamento torna a casa, e Jeunesse sans Dieu, in cui un insegnante di liceo deve fronteggiare il razzismo e l’intolleranza crescenti tra i suoi studenti.

Nel 2001 era a Cannes con La répétition – L’altro amore, in cui due amiche d’infanzia si rivedono a dieci anni dal college e da una tragedia. Nel 2012 partecipa con Tre Mondi, nella sezione Un Certain Regard, la storia di tre uomini coinvolti in un incidente stradale e tacciono sulle sue dinamiche.

È stata anche alla Berlinale, sezione Panorama, con La Nouvelle Eve (1999) e a Locarno ha vinto il premio Piazza Grande nel 2015 per La belle saison.

Infine, è a Rotterdam nel 2019 con Un amour impossible, una profonda storia sociale ambientata nella Francia di fine anni Cinquanta.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2021
  • Durata: 98'
  • Genere: Drammatico
  • Nazionalita: Francia
  • Regia: Catherine Corsini