fbpx
Connect with us

Prime Video Film

‘Senza rimorso’ cosa sapere sul film di Stefano Sollima

Disponibile in esclusiva su Prime Video dal 30 aprile, Senza rimorso di Tom Clancy segna il ritorno dietro la macchina da presa per Stefano Sollima. Lo stile del regista romano al servizio di una spy story piena di intrighi e d'azione.

Publicato

il

Disponibile dal 30 aprile in esclusiva su Prime Video, in versione originale e sottotitolata, Senza rimorso di Tom Clancy (qui il trailer) è il nuovo film di Stefano Sollima.

Senza rimorso di Tom Clancy | La trama

John Kelly (Michael B. Jordan) è un Navy Seal tanto preparato quanto schiacciato da un terribile peso. L’uomo ha infatti deciso di ottenere giustizia per l’omicidio della moglie. L’atto è stato ancora più indicibile, dal momento che la donna era in dolce attesa.

Responsabili del crimine dei soldati russi, decisi a vendicarsi di Kelly e del suo ruolo in un’operazione strategica molto importante.

“Certe situazioni richiedono di pensare fuori dagli schemi.”

Senza rimorso Tom Clancy

Al fianco di John si schierano la collega Navy Seal Karen Greer (Jodie Turner-Smith) e un enigmatico agente della CIA, Robert Ritter (Jamie Bell). Dalle indagini dei tre, verrà fuori un vero e proprio complotto internazionale, da cui dipendono le sorti del conflitto tra USA e Russia.

Senza rimorso | Cast & Crew

Accanto a Jordan, Bell e Turner-Smith, fanno parte del cast Guy Pearce, Lauren London, Jacob Scipio, Jack Kesy, Colman Domingo, Todd Lasance, Cam Gigandet e Luke Mitchell.

Da Paramount Pictures, Skydance e New Republic Pictures, Senza rimorso di Tom Clancy è prodotto da Weed Road Pictures, The Saw Mill e Outlier Society.

Taylor Sheridan e Will Stables hanno scritto la sceneggiatura. Akiva Goldsman, Josh Appelbaum, André Nemec e lo stesso Jordan sono in produttori, mentre David Ellison, Dana Goldberg, Don Granger, Brian Oliver, Bradley J. Fisher, Valerii Ann, Alana Mayo, Denis L. Stewart e Gregory Lassans i produttori esecutivi.

Cosa ci aspettiamo dal nuovo film di Stefano Sollima

Il ritorno dietro la macchina da presa di Stefano Sollima è ovviamente all’insegna dell’action. Il fatto che dietro il progetto spuntino i nomi di Tom Clancy e del suo Jack Ryan – del cui universo il protagonista fa parte – non fa che alzare l’asticella delle aspettative.

Quando due personalità forti e ben identificabili come Stefano Sollima e Tom Clancy si incontrano, il risultato è un concentrato di adrenalina e azione senza precedenti.

Sono infatti passati ben sette anni dall’ultima incursione di Clancy al cinema con Jack Ryan – L’iniziazione, mentre sul piccolo schermo risale al 2019 la serie tv Jack Ryan (disponibile su Prime Video), con John Krasinski nei panni del celebre agente speciale.

Tra spy story ed action movie, Senza rimorso di Tom Clancy racconta gli intrighi del potere

La scena di apertura di Senza rimorso, ambientata ad Aleppo, in Siria, immerge immeditamente lo spettatore nel clima di guerriglia che caratterizzerà la narrazione quasi per intero.

Tra Suburra e Sicario, la pellicola possiede la caratteristica grana grossa dei film di questo genere. L’action si mescola alla spy story, affondando le sue radici in un’attualità quanto mai cruda e scottante.

Senaz rimorso Tom Clancy

Le vicende di John Kelly mettono in luce quanto e come le alte sfere del governo possano plasmare e padroneggiare qualsiasi contesto. L’Intelligence ha le informazioni necessarie e le sfrutta a suo vantaggio, a scapito di coloro i quali mettono a rischio la vita e la salute per un cosidetto bene più grande.

La sicurezza nazionale viene prima di tutto, chiaro e comprensibile, ma non se di mezzo ci sono affari personali. Il protagonista ha sempre saputo di essere una semplice pedina, accettandolo in nome dei suoi ideali, dei valori in cui è nato e cresciuto.

“Vedranno cosa un pedone può fare a un re.”

Quando però scopre di far parte di una sorta di gioco al massacro, nel quale vengono coinvolti i suoi affetti, niente gli impedirà di cercare vendetta.

Sollima sfrutta il suo protagonista e le sue competenze

Michael B. Jordan, in versione ancora più muscolare, incarna alla perfezione quest’uomo ormai svuotato e spinto solo dalla rabbia, dal dolore, dalla determinazione. Sebbene non si possa considerare una gran prova attoriale, funziona a livello fisico e in qualità di nuovo action hero.

Senza rimorso sfrutta quindi fino in fondo le peculiarità del suo interprete, oltre all’incredibile e indiscutibile competenza del regista romano.

La fattura della pellicola è ciò che la rende così appetibile, grazie anche e soprattutto ad alcune suggestive soluzioni stilistiche.

Una torcia elettrica accesa che rotola sul pavimento, un incubo che prende luogo nella foresta. Scelte semplici eppure testimoni di una coscienza artistica preponderante. Da non sottovalutare l’apporto fornito da uno dei migliori sceneggiatori in circolazione, che risponde al nome di Taylor Sheridan – in passato già collaboratore di Sollima.

USA – Russia | Un conflitto che affascina ancora

Il mondo di Tom Clancy riprende vita sullo schermo, dopo i numerosi precedenti dedicati al personaggio di Jack Ryan (da cui proviene Jim Greer, citato durante la narrazione).

Il romanzo da cui il progetto ha origine risale al 1993. Ma evidentemente il conflitto tra Stati Uniti d’America e Russia continua a solleticare il gusto e la curiosità degli spettatori. Svelare i meccanismi e le cause che muovono una nazione come l’America ha pur sempre il suo fascino, in particolare quando i confini sembrano perdere la loro nitidezza.

Buoni e cattivi sono definizioni troppo rigide da poterle utilizzare congruamente. Kelly (Jordan), Ritter (Bell), Clay (Pearce), sono tutti collocabili in un limbo nel quale contano molto le rispettive ambizioni, gli obiettivi e i mezzi impiegati per raggiungerli.

La guerra è al centro della storia, in un modo o in un altro. Che si tratti di un vero e proprio conflitto bellico, di una lotta contro i propri demoni o addirittura contro chi aveva giurato di proteggere il paese.

“Un grande paese ha bisogno di grandi nemici.”

La minaccia alla vita, alla libertà, innesca una serie di rischiose reazioni a catena. Coloro che hanno il potere, giocano con le esistenze altrui: cercano o creano nemici da combattere, così da unificare e indirizzare verso uno scopo comune, nel tentativo di tenere tutto (e tutti) sotto controllo e arricchire solo loro stessi.

*Salve sono Sabrina, se volete leggere altri miei articoli cliccate qui.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.