fbpx
Connect with us

Documentari

Hangry Butterflies e un mostro chiamato anoressia

Nella giornata mondiale contro i disturbi alimentari Rai 3 e RAI Play presentano un film che parla di anoressia e mostrando senza filtri il calvario e l’impegno di una community di ragazze che hanno deciso di unirsi, attraverso Instagram, per combattere insieme contro pregiudizi e disinformazione

Publicato

il

Hangry Butterflies contro l’anoressia.

Il 24 aprile del 2019 una cinquantina di ragazze (tra i 14 e i 20 anni ) si sono date appuntamento a Firenze. Il gruppo aveva in mano dei palloncini viola, vestite con una t-shirt bianca e   la scritta: «La rinascita delle farfalle».

Allegre e sorridenti hanno passeggiato per la città, da piazza Duomo fino alle Cascine con pausa pranzo.

In quel gruppo colorato c’era  Emma, Claudia, Nicole, Chiara, Michela, Rachele e la loro sfida all’anoressia.

Da quelle storie e dall’incontro di Firenze come presa di coscienza e condivisione, nasce il documentario Hangry Butterflies #larinascita delle farfalle. 

Domani , giornata internazionale dei disturbi alimentari,  il documentario, passato per Alice nella città,  andrà in onda su Rai 3 alle 16.05 in anteprima (poi disponibile su RaiPlay) raccontando  di questi terribili  disturbi di cui soffrono in Italia 2,3 milioni di adolescenti.

Emma, Nicole, Claudia e molte altre hanno scelto di raccontarsi, prima nella community nata su Instagram con #larinascitadellefarfalle che le ha fatte conoscere, e poi davanti a una telecamera.

Hangry Butterflies: DICHIARAZIONI della regista

Hangry» è un neologismo che nasce unendo «hungry» — affamato — e «angry» — arrabbiato —

e descrive quella sensazione di nervosismo, rabbia e inquietudine che ci prende quando siamo affamati e non possiamo mangiare. Non perché non si abbia accesso al cibo, ma perché di quel cibo si ha paura. «Per anni sono stata anche io una farfalla arrabbiata e affamata — racconta la regista Maruska Albertazzi — ma non volevo definirmi malata. Per me le malate di anoressia erano altre: le ragazze magrissime della pubblicità, le modelle alla Kate Moss. E questo è ciò che accade nella società: la gente ti definisce malata, e ti cura, quando sei arrivata al limite, invece la malattia arriva molto prima.

La rinascita delle farfalle

Riprendendo l’incontro di Firenze, ho voluto mostrare le ragazze nella loro fase di rinascita — spiega la regista — che avviene sempre dopo percorsi difficili, ancora in essere. Nella community di Instagram si aiutano, si filmano mentre mangiano qualcosa, scattano una foto del cibo preparato e si fanno forza a vicenda. Alcune di loro sono vere e proprie influencer della guarigione».

Hangry Butterflies Storie diverse che si intrecciano

Storie che si intrecciano, che si toccano, che scivolano l’una nell’altra come in un gioco di scatole cinesi. Perché queste ragazze sono una la sponsor dell’altra. Sono oltre 3 milioni in Italia le persone che convivono con disturbi del comportamento alimentare. Tra queste 2,3 milioni sono adolescenti.
Il Fiocchetto Lilla è il Simbolo della lotta contro i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), ed è il simbolo di una lotta per il diritto alla cura contro un’epidemia che sta prendendo dimensioni sempre più preoccupanti, alla quale non vengono ancora destinati fondi sufficienti.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.