fbpx
Connect with us

Latest News

A Roma un tratto del Lungotevere sarà dedicato a Federico Fellini

L’omaggio che Roma aspettava. Il tributo della città al genio e alla creatività di Federico Fellini. Lungotevere Federico Fellini sarà la nuova denominazione del primo tratto della strada che collega piazza Maresciallo Giardino all’incrocio con via R. Morra di Lariano

Publicato

il

L’omaggio che Roma aspettava. Il tributo della città, dopo largo Giulietta Masina, il nome della donna che è stata la sua compagna di una vita, al genio e alla creatività di Federico Fellini. «Il 25 Maggio la commissione Toponomastica ha approvato l’intitolazione di un tratto di Lungotevere a Federico Fellini. Scoprire quella targa sarà uno dei momenti belli di questa esperienza di amministratore. Non solo perché possiamo così ì celebrare il centenario della nascita di un vero genio, ma anche perché integriamo lo specialissimo legame tra Fellini, Roma e l’idea stessa del genio creativo italiano»: è l’annuncio su Facebook del vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale, Luca Bergamo.

Lungotevere Federico Fellini sarà la nuova denominazione del primo tratto della strada che collega piazza Maresciallo Giardino all’incrocio con via R. Morra di Lariano, per confluire nel restante tratto che rimarrà dedicato alla memoria Maresciallo Cadorna fino a ponte Duca d’Aosta.

Il riconoscimento a Fellini è una scelta degna e bella, nel centenario della nascita, per il re dell’immaginario italiano del XX secolo. Roma deve moltissimo a Fellini, che ha utilizzato, reinventato e trasformato tutti i luoghi principali della Città. Complimenti a Luca Bergamo per aver ottenuto il via libera: la mia amministrazione ha intitolato al grande regista il Largo in cima a Via Veneto; ma il suo desiderio era di trovare il proprio nome in un tratto dei Lungotevere: spazi aperti, in dialogo tra cielo, fiume, alberi mossi dal vento. Me lo disse Giulietta Masina, poche settimane prima di morire. Realizzare oggi questo desiderio è come fissare nel panorama urbano la scena di uno dei suoi film”, afferma Francesco Rutelli.

Commenta