Premiati i film vincitori di Sguardi Altrove International Women’s Film Festival

PREMIATI I FILM VINCITORI DELLA XXVI EDIZIONE DI

SGUARDI ALTROVE INTERNATIONAL WOMEN’S FILM FESTIVAL

IL FILM “VIRGINS

DELLA REGISTA ISRAELIANA KEREN BEN RAFAEL

VINCE IL PREMIO CINEMA DONNA FILORGA 2019

PER IL CONCORSO INTERNAZIONALE LUNGOMETRAGGI

NUOVI SGUARDI

 

Michela Occhipinti il Premio Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italianiper il lungometraggio “Il Corpo della Sposa” per la vetrina #FrameItalia.

L’assessore Sabina Tavecchia premia il miglior cortometraggio, “Te Busco en Todos”, con ilPremio Talent Under 35 attribuito dal Comune di Rho.

 

 

Premiati ieri sera al Teatro Franco Parenti di Milano i film vincitori della XXVI edizione di Sguardi Altrove International Women’s Film Festival, la rassegna internazionale dedicata al cinema e ai linguaggi artistici al femminile che dal 13 al 21 giugno ha portato a Milano il meglio della cinematografia internazionale al femminile con oltre 60 film, tra lungometraggi e cortometraggi provenienti da 5 continenti e una serie di eventi parallelidislocati su otto location nella città di Milano e nel comune di Rho.

Per il Concorso internazionale lungometraggi a regia femminile Nuovi Sguardi, la giuria composta dall’attrice Silvia Cohen, la giornalista Paola Jacobbi e il regista Marco Pozzi, ha consegnato il Premio Cinema Donna Filorga a Keren Ben Rafael per il film “Virgins”. Già vincitore al Tribeca Film Festival 2018 del premio alla Miglior Attrice (Joy Rieger); vincitore alMontenegro Film Festival del Golden Mimosa per la Miglior Regia e per la Miglior Attrice (Joy Rieger); vincitore al FIPRESCI come Miglior film d’esordio israeliano, il lungometraggio racconta la storia dell’adolescente Lana, che vive a Kiryat Yam, una piccola località balneare israeliana dove la vita scorre lenta e monocorde. Lana è insofferente ad un simile immobilismo e sogna di iniziare una nuova vita a Tel Aviv. Due menzioni speciali a “Las Ninas Bien” diAlejandra Marquez Abella, che racconta la crisi del peso nel Messico degli anni ‘80 dal punto di vista di una ragazza borghese, e “Jawline” di Liza Mandelup, già vincitore del Sundance 2019 (US Documentary Special Jury Award for Emerging FilmMaker), che segue il sedicenne Austyn Tester, stella nascente dei social media, in fuga da un’esistenza senza via d’uscita nel rurale Tennessee.

Per quanto riguarda il Concorso internazionale cortometraggi Sguardi (S)confinatiSabina Tavecchia, Assessore alle Pari Opportunità e al Piano Strategico del Comune di Rho, consegna il Premio Talent Under 35 attribuito dal Comune di Rho a “Te Busco en Todos” diCelia Girardo, la storia del rapporto tra una donna e il suo giovane affittuario. Il Premio Il Cinemino attribuito dalla giuria composta dal regista Michele Mauri, l’analista tv Paola Ruggeri, il giornalista Francesco Specchia, è andato invece a “How to Swim” della regista israelianaNoa Gusakov, che racconta un pomeriggio di avventure tra una giovane donna in procinto di diventare madre e una signora di mezza età. Menzione speciale alla regista italiana Lucia Bulgheroni per il pluripremiato corto d’animazione “Inanimate”.

Per la vetrina #FrameItalia dedicata al cinema italiano e aperta anche alla regia maschile, ilPremio Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani è andato a Il Corpo della Sposa diMichela Occhipinti. Presentato alla Berlinale 2019 nella sezione Panorama, il film racconta la storia di Verida, ragazza mauritana che viene costretta a ingrassare per raggiungere l’ideale di bellezza imposto dalla tradizione del suo Paese, dopo che i genitori hanno siglato un accordo matrimoniale con un uomo che lei non conosce. Il Premio Giovani Critici 1977 Magazine è andato a “Entierro” di Maura Morales Bergmann che racconta l’arte e la vita della pittrice cilena Carmengloria Morales, partendo dalle ceneri di un documentario andato perso in un incendio.

http://www.sguardialtrovefilmfestival.it/

Utlima modifica: 22 giugno, 2019



Condividi