Il Primo Re, “quer pasticciaccio brutto de Romolo e Remo”

Purtroppo Il Primo Re non riesce a coinvolgere e a emozionare, guarda e si rifà per l’uso della lingua – il proto latino sottotitolato in italiano – a La Passione di Cristo e Apocalypto, le opere più crude e estreme dirette da Mel Gibson, ma non ne possiede lo stesso impeto visivo e la medesima radicalità

Sesta edizione di Sala Web della Biennale di Venezia: il film di cui oggi vi proponiamo la visione è Nato a Casal di principe di Bruno Oliviero (Cinema nel Giardino)

Un racconto in cui gli eroi non sono né i delinquenti né quelli che li combattono, ma le persone che loro malgrado cadono nell’orbita delle organizzazioni criminali. È un racconto sospeso tra la faticosa volontà della rimozione per continuare a vivere e la necessità della memoria e della verità

^ Back to Top