fbpx
Connect with us

2018

Auguri per la tua morte di Christopher Landon: una scommessa vinta per tre quarti

L’idea di riversare il contenuto del “tira e molla” temporale sul piano legato al discorso del terrore adolescenziale-femminile risulta interessante e spigliato. Ma diversi ingolfamenti di ritmo si accusano abbondantemente. Insomma, una scommessa vinta per tre quarti

Pubblicato

il

Auguri per la tua morte, ultimo lavoro di Christopher Landon, mette al centro il discorso narrativo del vortice temporale, ripreso da Ricomincio da capo (1993) – archetipo per antonomasia del loop sopraccitato – e condito da venature orrorifiche tipiche degli slasher movie d’oltreoceano (vedi i filoni di Halloween, Venerdì 13 e Scream). Ma si possono riscontrare anche riferimenti a commedie teen come Mean Girls, Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare, La rivincita della bionde, Scary Movie.

Tutto ha inizio la mattina del compleanno di Tree (Jessica Rothe): studentessa universitaria; bionda; magra; alla moda; popolare; stronzissima. Dopo una serata di bagordi, si risveglia nel letto di Carter (Israel Broussard), un nerd col quale instaurerà pian piano un’intesa sempre più profonda. In balìa dei postumi, Tree prosegue la sua giornata tra riunioni con le consorelle del campus (guai a chi osa pronunciare la parola «carboidrati») e incontri furtivi col suo professore di corso (rigorosamente belloccio e sposato). La sera, però, la festa gliela fa l’assassino con  maschera bizzarra (del designer Tony Gardner, lo stesso che realizzò quella di Scream) che rievoca vagamente il Baby Herman di Chi ha incastrato Roger Rabbit, pugnalandola a morte. E si ricomincia da capo. Tree dovrà passare diverse volte per il vertigo morte-(ri)nascita-morte prima di risolvere, finalmente, l’enigma celato dietro al giorno del suo compleanno.

Con coreografie che ricordano quelle di Sidney Prescott mentre schiva i fendenti di Ghostface e una continua superficialità espansa soprattutto nei riguardi dei rapporti umani (amici e genitori), Christopher Landon – con sceneggiatura curata da Scott Lobdell – ha realizzato un prodotto volutamente carico di frivolezza, dove cliché (consapevoli, chiari, espliciti) rimangono ancorati all’impronta di fine anni Novanta-inizio Duemila. Più precisamente, quando nel 1996 Randy di Scream si era messo a snocciolare le tre regole da seguire all’interno di uno slasher: non fare sesso (Santa Jamie Lee Curtis); non drogarsi o ubriacarsi; non dire «Torno subito». Smontando, così, capisaldi del genere come Halloween – La notte delle streghe o Non entrate in quella casa.

In Auguri per la tua morte i rancori non assopiti sono sessuali, le gelosie covate sentimentali, il movente d’omicidio estremamente futile. Tutti legati inevitabilmente alla condotta morale di Tree, unico comune denominatore della vicenda. Quest’ultima, incarnata dalla brava Jessica Rothe, modella il proprio modus operandi fondendo caratteristiche primarie di personaggi ormai entrati nell’olimpo del cult e/o del queer: Regina George (Rachel McAdams) di Mean Girls per la stronzaggine iniziale; Elle Woods (Reese Witherspoon) de La rivincita delle bionde per il carisma che sviluppa lungo la narrazione; Samantha Baker (Molly Ringwald) di Sixteen Candles – Un compleanno da ricordare per la serenità finale raggiunta.

Come già accennato i riferimenti pop e camp non mancano – con annesse flatulenze orali e anali della protagonista, tra Bombolo/Venticello e la ragazza con colite di The Green Inferno (non a caso produce per entrambi la Blumhouse) – ma Landon e Lobdell avrebbero potuto osare un po’ di più e andare al di là, ovviamente, del tributo-base impostato sul lavoro di Harold Ramis.

L’idea di riversare il contenuto del “tira e molla” temporale sul piano legato al discorso del terrore adolescenziale-femminile, in un rimando alle final girl di Carol Clover, risulta interessante e spigliato. Ma diversi ingolfamenti di ritmo, soprattutto nella parte centrale, si accusano abbondantemente. Insomma, una scommessa vinta per tre quarti.

Registrati per ricevere la nostra Newsletter con tutti gli aggiornamenti dall'industria del cinema e dell'audiovisivo.

  • Anno: 2017
  • Durata: 96'
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Genere: Horros
  • Nazionalita: USA
  • Regia: Christopher Landon
  • Data di uscita: 09-November-2017