Cane di paglia di Sam Peckinpah rivive in dvd per Sinister

Candidato al premio Oscar per la migliore colonna sonora, è stato anche oggetto nel 2011 del mediocre rifacimento Straw dogs, interpretato da Kate Bosworth e James Marsden sotto la regia di Rod Lurie.
Diretto nel 1971 da Sam Peckinpah, quindi un anno prima che si dedicasse a L’ultimo buscadero, Cane di paglia parte dalle pagine del romanzo The siege of Trencher’s farm di Gordon Williams per calare il grandissimo Dustin Hoffman nei panni del giovane professore americano David Summer, rifugiatosi insieme alla moglie Amy alias SusanTwinkyGeorge nel villaggio natale di lei, in Inghilterra, dove intende dedicarsi ai suoi studi di matematica.
Situazione che segna soltanto l’inizio di quello che, giustamente, non ha tardato a trasformarsi in uno dei capisaldi del cosiddetto filone rape & revenge, destinato a lasciar avvertire una tutt’altro che tranquilla atmosfera già a cominciare dall’impatto della coppia con la particolare mentalità del posto, decisamente lontana da quella urbana.
Impatto piuttosto negativo e ulteriormente accentuato dal fatto che i bulli locali non attendano molto per iniziare ad importunare la donna prendendosi sempre più spudoratamente gioco del compagno, in questo caso incarnazione della ragione e della razionalità nel corso di oltre un’ora e cinquanta di visione che, in fin dei conti, non fatica a lasciar emergere i connotati di una vera e propria analisi dell’andamento delle società, in realtà ancora oggi governate dalle leggi tribali, nonostante l’evoluzione dell’essere umano.

Cane di paglia1
Perché, spingendo quasi ad avvertire uno sguardo misogino non nuovo alla filmografia dell’autore de Il mucchio selvaggio, le più o meno volute provocazioni sessuali da parte di Amy – che, ad un certo punto, s’intravede anche essere maggiormente propensa a scendere a compromessi rispetto al marito – nei confronti dei poco raccomandabili individui non provvedono altro che ad alimentare la loro bestialità volta a sfociare nel suo stupro.
Momento a cui si giunge attraverso il lento crescendo di tensione che caratterizza la prima parte del lungometraggio e che avviene mentre un del tutto ignaro David manifesta un miglioramento come cacciatore, testimoniando soltanto una delle colte simbologie presenti.
Simbologie come quella dei topi in trappola posta durante l’esplosione di violenza conclusiva, quando i due, appunto, si trovano barricati in casa per fronteggiare la combriccola, armata e interessata oltretutto a linciare l’Henry Niles che, incarnato da DavidTitanicWarner e con problemi mentali, sembra rappresentare l’incontrollabilità della follia a causa di un grave crimine compiuto ai danni di una ragazza.
E, man mano che il “cane di paglia” protagonista si trasforma in lupo famelico pronto a seminare cadaveri per difendere la propria vita e quella della consorte, non risultano affatto assenti gli inconfondibili ralenti di matrice peckinpahiana all’interno di un vero e proprio capolavoro della Settima arte che è Sinister Film a riscoprire su supporto dvd in versione restaurata e rimasterizzata.
Con trailer cinematografico e tre spot televisivi nella sezione riservata ai contenuti speciali.

Francesco Lomuscio

GUARDA IL TRAILER >>

Utlima modifica: 7 Febbraio, 2016



Condividi