fbpx
Connect with us

Latest News

‘La morte è un problema dei vivi’ al cinema

Il regista finlandese Teemu Nikki torna in sala con una commedia nera sull'amicizia e il perdono

Pubblicato

il

La morte è un problema dei vivi

Al cinema dal 4 Luglio 2024 La morte è un problema dei vivi del regista finlandese Teemu Nikki con con Pekka Strang, Jari Virman, Elina Knihtila, Hannamaija Nikander, Pihla Penttinen e Iivo Tuuri. Si tratta di una co-produzione italo-finlandese di Jani Pösö per It’s Alive Films e Andrea Romeo per The Culture Business, mentre la distribuzione italiana è a cura di I Wonder Pictures.

Il film è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma del 2023 nel concorso Progressive Cinema.

La morte è un problema dei vivi

Di cosa parla La morte è un problema dei vivi

Il film è una commedia nera ambientata in Finlandia e racconta la storia di due vicini di casa: Risto (Pekka Strang) e Arto (Jari Virman). Il primo fonda un’attività di pompe funebri e non è mai presente nella vita di suo figlio, oltre a vivere una crisi matrimoniale e a dipendere dal gioco d’azzardo; il secondo è un educatore per l’infanzia che rive la diagnosi di una rara malformazione del cervello: ha l’85% in meno della massa regolare del cervello. Abbandonati alle loro vite i due cercano di ricostruire il senso delle rispettive esistenze. In questa condizione di complementarietà i due si trovano a eseguire insieme un lavoro illegale molto particolare.

La morte è un problema dei vivi affronta i temi dell’amicizia, del perdono e delle sfide che la vita chiede di affrontare giorno dopo giorno.

Il regista

Teemu Nikki è un regista e scenggiatore finlandese molto prolifico. Noto per esser il regista, prima di La morte è un problema dei vivi, di film come Euthanizer (2017), la storia di un uomo che pratica l’eutanasia sugli animali, il cortometraggio All Inclusive (2019), la storia di un uomo che viene licenziato e tenta di cambiare la sua vita andando incontro a conseguenze inaspettate, e Il cieco che non voleva vedere Titanic (2021), presentato all’edizione 78 della Mostra del Cinema di Venezia che racconta di un uomo cieco nel tentativo di sostenere la persona con la quale parla costantemente al telefono e che ha un peggioramento della salute.

“I miei film nascono in modo piuttosto anticonvenzionale. Di solito, qualcosa inizia a darmi fastidio e subito dopo stiamo già girando un film sull’argomento. L’idea è nata quando ho letto tre interessanti articoli. Uno di questi parlava di un giocatore d’azzardo, un altro di un uomo senza cervello e il terzo di un autista di carri funebri.”

Teemu Nikki , regista di La morte è un problema dei vivi

Qui di seguito il trailer del film:

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers