fbpx
Connect with us

Iwonderfull

‘Fumare fa tossire’, ai confini della realtà con Quentin Dupieux

L'inarrestabile regista francese sforna l'ennesima satira nichilista su un'umanità irrimediabilmente condannata all'idiozia

Pubblicato

il

Alla sempre più nutrita schiera di titoli dedicati a Quentin Dupieux, su IWONDERFULL (e su IWONDERFULL Prime Video Channel) si è da poco aggiunto Fumare fa tossire, terzultimo film del regista. L’ennesimo, assurdo tassello di un cinema fatto di storie all’apparenza esilaranti e demenziali ma che, come sempre nell’universo dell’autore francese, nasconde un cuore irrimediabilmente pessimista.

‘Fumare fa tossire’: la trama

Un ragazzino, in viaggio con la famiglia, scorge un combattimento in lontananza. È la Tobacco Force, una squadra di supereroi che combatte il Male servendosi dei poteri nocivi del fumo. Ma una nuova minaccia e alle porte: il malvagio Lezardin (Benoît Poelvoorde) sta progettando nientemeno che l’annientamento del mondo intero. È tempo allora per la squadra di ritrovare l’affiatamento di un tempo. Mandati dal loro capo, il ratto antropomorfo Didier, a fare team building in mezzo alla natura, i cinque, in attesa dello scontro finale, cominceranno così a raccontarsi storie spaventose.

Antologia dell’idiozia umana

Quando sembrava ormai impossibile addentrarsi ancora più a fondo negli abissi della stupidità umana, ecco tornare ancora una volta Quentin Dupiex con il suo ennesimo trionfo dell’assurdo. Fumare fa tossire è quasi un manifesto di poetica. Un concentrato di satira irridente che parte dall’ovvio della frase fatta del titolo per estendere il suo senso del ridicolo all’intero film. Ed è un film, questo, come sempre sulla banalità. Sull’inutilità dell’umano e della retorica con cui infarcisce l’esistenza. Un’opera demente e nonsense come le storie di paura che i protagonisti si raccontano attorno al fuoco. Quasi ipotesi di altri film possibili, parenti strette dei recenti Mandibules e Incredibile ma vero.

Raccontando le peripezie di un gruppo di improbabili e ridicoli Power Rangers (emersi, forse, dalla fantasia di un ragazzino che sonnecchia in macchina), in lotta con kaiju approssimativi affrontati a colpi di nicotina, benzene, metanolo, mercurio e ammoniaca, Fumare fa tossire diventa così presto un’antologia sui mondi stessi di Dupieux. Un ‘Decameron’, vintage e straniante, ad altezza e misura della sua umanità sempre e comunque votata alla sconfitta.

Oltre le parole, il nulla

È qui che, con un nichilismo ormai assoluto, il regista usa il suo cast di star (da Adèle Exarchopoulos a Gilles Lellouche) per distruggere – oltre a ogni logica narrativa – qualsiasi speranza in un mondo migliore. Ricordandoci come quelle storie, alla fine dei giochi, non siano altro che parole, sberleffi, frasi fatte, appunto. Un chiacchiericcio indistinto e superficiale cui sopravvive, cruda e senza fronzoli, solo la realtà dei fatti (il brevissimo, lapidario racconto della bambina). Una realtà piatta, letterale, dove l’umanità è solo un incidente di percorso, l’Apocalisse una storia come un’altra e la possibilità di tornare indietro nel tempo l’ennesima, inutile farsa.

C’è solo questo presente, pare dirci Dupieux. (Non) teniamocelo stretto.

Scrivere in una rivista di cinema. Il tuo momento é adesso!
Candidati per provare a entrare nel nostro Global Team scrivendo a direzione@taxidrivers.it Oggetto: Candidatura Taxi drivers

Fumare fa tossire

  • Anno: 2022
  • Durata: 77 minuti
  • Distribuzione: I Wonder Pictures
  • Genere: Grottesco, sci-fi
  • Nazionalita: Francia
  • Regia: Quentin Dupieux
  • Data di uscita: 19-March-2024